TuttoTrading.it

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics
  • TRADING SYSTEM DEL CAFFE’: 1° APRILE – UN PESCE D’APRILE CHE FORSE TANTO PESCE NON E’

  • TuttoEconomia
  • TuttoDividendi
  • TuttoBorsaQuote
  • TraderNews
  • TradingOnLine
  • buongiorno a tutti..

    l’idea alla base del “trading system del caffe’” nasce dal pensiero che se i fondi di caffe’ hanno questa loro caratteristica di prevedere il futuro, tanto piu’ queste facolta’ predittive saranno presenti nei chicchi di caffe’ integri, pronti all’uso, che nulla chiedono e tutto offrono.

    senza addentrarci nella filosofia del sistema, all’insegna della consueta semplicita’, iniziamo la costruzione del trading system con attenzione:

    servono 100 chicchi di caffe’ tostato, e 100 chicchi di caffe’ da tostare. sara’ facile acquistarli in una torrefazione, e considerata la modesta quantita’, direi un paio di etti forse meno, non stiamo a lesinare e scegliamo la qualita’ migliore.

    ci serve poi una ciotola, anche in questo caso non proprio una scodella da caffe’ e latte, senza arrivare ad un centrotavola in porcellana cinese d’epoca, procuriamoci una ciotola di ceramica con qualche gradevole decorazione. la posizione e’ importante : la ciotola, con 100 chicchi di caffe’ tostato e 100 chicchi di caffe’ da tostare, deve rimanere in bella evidenza vicino al computer o vicino al telefono. se disponete di un angolo di lavoro, dove tenete le vostre carte ed appunti, quello e’ il posto ideale.

    oltre tutto, diffondera’ nell’ambiente un gradevole aroma, tonificante.

    ora scegliamoci i titoli da seguire, non molti per poterli seguire meglio, qualche amico ne segue due o tre soli, e forse questa e’ la scelta migliore. Facciamo anche noi la stessa cosa.

    diciamo due o tre titoli primari, se nel mib30 meglio, che registrino normalmente buoni scambi, e per esempio, se ci piacciono i telefonici direi tim, se gli assicurativi direi generali o ras, industriali fiat, se ci piacciono le utilities direi eni, bancari unicredito, media direi mediaset, futures fib o minifib.

    per i titoli che abbiamo scelto, andiamo ad individuare un livello di stoploss.

    (a proposito, se pensate che lo stoploss sia un limite alla massima perdita, state pensando solo all’aspetto secondario dello strumento: l’aspetto primario e’ che il raggiungimento dello stoploss e’ il segnale che l’operazione e’ sbagliata, per cui bisogna chiuderla. la limitazione della perdita e’ solo una conseguenza, ben gradita, ma il segnale e’ piu’ importante)

    sceglieremo lo stoploss basandoci sulla volatilita’ del titolo, che individueremo esaminando la differenza media tra minimo e massimo giornaliero di un periodo tra i 10 ed i 20 giorni.

    tanto per esemplificare, aiutati anche dall’esperienza, diremo qualcosa del genere :

    0,20 per tim

    0,50 per generali

    0,30 per fiat

    0,40 per eni

    0,10 per unicredito

    0,30 per mediaset

    400punti per il fib o il minifib il nostro stoploss sara’ la meta’ di questi valori, da tenere aggiornati.

    a questo punto abbiamo il titolo, e la ciotola con i chicchi di caffe’, 100 tostati e 100 da tostare.

    altri strumenti non servono, vediamo ora la procedura.

    non dimenticando la prima regola dei trading systems, che funzionano solo se seguiti costantemente e scrupolosamente, nulla lasciando decidere dall’utilizzatore, che deve limitarsi alla esecuzione dei segnali :

    ogni mattina poco dopo le aperture, perche’ sono i primi prezzi che ci interessano, mescoliamo un poco i chicchi di caffe’, con la mano nella ciotola chiudiamo gli occhi, e ne scegliamo uno.

    se il chicco e’ tostato, e’ un segnale di rialzo, se il chicco e’ da tostare e’ un segnale di ribasso.

    rimettiamo il chicco nella ciotola.

    a questo punto chiamiamo subito il nostro operatore, o apriamo il nostro tol, e passiamo l’ordine come segue :

    - per favore, cosa segnano le tim ?

    - 4.35

    - a quanto hanno aperto ?

    - 4,33

    - mettimi un ordine stop compro 2000 a 4,43 (meta’ del nostro range medio piu’ del prezzo di apertura))

    - ok, altro ?

    - grazie, se compro metti per favore uno stop vendo a 4.33 (il nostro stoploss), ciao.

    - naturalmente, questo se il chicco era tostato. se era da tostare, l’ordine e’ al contrario :

    - mettimi un ordine stop vendo 2000 a 4,23 (meta’ del nostro range medio meno del prezzo di apertura) - ok, altro ? - grazie, se vendo metti per favore uno stop compro a 4.33 (il nostro stoploss), ciao

    finita la procedura di apertura della operazione.

    ora non dobbiamo fare nulla per tutta la giornata, anzi se non pensiamo alla nostra operazione e’ anche meglio, e faremo meglio tutto il resto.

    dopo le 17, ma non oltre le 17,20, richiamiamo, o riapriamo il nostro tol :

    - buonasera, cosa e’ successo alle mie tim ? (se comprate) - scattato lo stop, vendute a 4,33

    - grazie, ciao.

    oppure

    - buonasera, cosa e’ successo alle mie tim ? (se comprate)

    - niente, segnano 4,58

    - grazie, vendile al mercato

    non sto a ripetervi la procedura se invece eravamo short, e’ esattamente il contrario, invece di vendere compriamo.

    Non teniamo mai il titolo oltre la chiusura, la notte dormiamo con chi piu’ ci aggrada, ma non con i titoli.

    fini se seguiremo scrupolosamente i segnali ricevuti, e se opereremo tutti i giorni , senza sgomentarci per eventuali sequenze negative, io sono sicuro che dopo un anno noi registreremo un rendimento che i cct o i buoni del tesoro non se lo sognano neanche.

    provare per credere.

    io vi consiglio di cominciare subito, se abbiamo una macchina da soldi, perche’ tenerla ferma ?

    allora buon lavoro, qui non avete scuse perche’ il trading system e’ molto facile, se non lo applicate la colpa e’ la vostra. continuando comunque a poter contare sulla mia amicizia, con i saluti.

    giancarlo del bono di ruscalla

    ps: un mio amico che puo’ testimoniare sulla bonta’ del sistema, utilizza grani di pepe, bianco e nero, invece del caffe’. secondo lui vanno altrettanto bene, solo non bisogna toccarsi gli occhi dopo aver mescolato. un altro amico utilizza grani del rosario, legno e madreperla, perche’, cosi’ dice lui, se perde almeno sa a chi dare la colpa. a me non sembra elegante, ma funziona anche a lui. io sto facendo una prova con sassolini bianchi e neri, vi sapro’ dire. una cosa e’ certa : chi ha letto sin qui, anche se non gli sembra, qualche cosa lo ha imparato. ciao.

    Ps secondo : questo intervento era uno scherzetto, io mi sono divertito a scriverlo, voi spero a leggerlo. ma attenzione, cari amici, lo scherzetto non era nel testo, che voleva solo dissacrare un po’ questi trading systems nostri signori e padroni, riportandoci verso una piu’ serena realta’ almeno per qualche minuto. Lo scherzetto viene ora : e’ proprio da buttare, o la strategia di ingresso e di uscita ha una sua validita’ per cui puo’ funzionare ? e se al posto del caffe’, rosari o sassolini, mettessimo qualcosa di piu’ valido, se scegliessimo long o short con un parametro “guida” ricavato dal mercato ? per esempio “ se il prezzo e’ sopra la chiusura di ieri vado long, se e’ sotto vado short “? o un altro migliore, che dovete pensare da soli ? pensateci sopra, a voi la risposta. vostro giancarlo. giancarlo del bono di ruscalla

  • Torna a Tuttogiadel


  • TuttoEconomia
  • TuttoDividendi
  • TuttoBorsaQuote
  • TraderNews
  • TradingOnLine
  • Ricerca personalizzata
    Begin Cookie Consent plugin by Silktide - http://silktide.com/cookieconsent -->