TuttoTrading.it

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics
  • Stop Order parte terza : cosa possiamo fare

    Ricerca personalizzata

  • Tick di negoziazione che cosa sono. Definizioni e storico (moltiplicatori)


  • questi famosi livelli, ora li conosciamo anche noi : apertura, chiusura, minimo o massimo di giornata, possibili canali di accumulo, numeri rotondi.

    vediamo cosa possiamo fare per cercare di trarne profitto.

    anzitutto mettiamo lo stop nella sua giusta luce, non e' il nostro nemico, e' un nostro amico, ci aiuta. trascurabile il fatto che ci concretizza una perdita o un minore profitto, consideriamolo per quello che e', il segnale che la nostra operazione era sbagliata, o ha cessato di essere giusta.

    questo e' lo stop, un segnale, niente di piu' e niente di piu' utile possiamo augurarci, un segnale che ci evita guai peggiori : uno stop attivato, non deve essere visto come una sventura del momento, ma come la conferma che la posizione non si doveva mantenere, e meno male che questa conferma arriva, se la posizione e' sbagliata noi usciamo e vada come vuole, non subiamo piu' alcun danno.

    ovviamente questo non e' sempre vero, ma e' vero il piu' delle volte, credetemi. se ci soffermiamo ad esaminare 100 stop attivati, ne troveremo venti o trenta che se non ci fossero stati forse sarebbe stato meglio, ma state pur certi che in tre quarti dei casi lo stop ci ha evitato maggiori perdite.

    allora questo stop lavora per noi, cerchiamo di averne cura.

    e per averne cura, andiamo a metterlo dove sara' piu' utile, e non dove sara' piu' esposto a quei cacciatori che vogliono sempre fare i furbi (e ci riescono, perche' sono bravi):

    "sara' piu' protetto e piu' utile esattamente nella posizione contraria, rispetto ai livelli che ora anche noi conosciamo, di quella che ci sentiremmo portati a scegliere"

    troppo semplice ? non e' mai troppo semplice, ve lo dico sempre, in borsa e' tutto semplice, il difficile e' vedere le cose, una volta viste, ogni problema cade.

    quindi, se siamo long, ed i nostri stop sono a vendere, li posizioneremo :

    qualche tick "sopra" l'apertura di oggi, o qualche tick "sopra" la chiusura di ieri, o qualche tick "sopra" il minimo di oggi, o qualche tick "sopra" il numero rotondo piu' vicino ed attraente, o qualche tick "sopra" la parete inferiore dell'ultima zona di accumulo vista oggi.

    e se siamo short, ed i nostri stop sono a comprare :

    qualche tick "sotto" l'apertura di oggi, o qualche tick "sotto" la chiusura di ieri, o qualche tick "sotto" il massimo di oggi, o qualche tick "sotto" il numero rotondo piu' vicino ed attraente, o qualche tick "sotto" la parete superiore dell'ultima zona di accumulo vista oggi.

    questo non evitera' certo che i nostri stop vengano attivati, se il mercato ci va contro non c'e' niente da fare, ma almeno non avremo contribuito noi stessi dando al mercato ragione maggiore per esserci sfavorevole. perche' non avremo favorito i cacciatori, che probabilmente troveranno altre prede, ma in ogni caso noi saremo usciti un po' prima e quindi un po' meglio.

    ultima considerazione ma non ultima per importanza, avremo anche una indicazione per un segnale di rientro in caso che lo stop venga poi smentito dal mercato :

    immaginiamo di essere usciti dalle nostre telecom a 8,03, poi il livello 8 ha funzionato da calamita, tutti gli stop immediatamente sotto 8 sono stati colpiti, la quotazione scende sino a 7,96, poi si ritorna a 8 e risale : bene, noi a 8,02-8,03 rientriamo e ci rimettiamo in posizione, non sempre andra' bene, ma …….

    E con questo e' terminato l' intervento, che e' stato scritto pensando al lavoro dei day traders e dei traders "da monitor", che seguono il mercato da vicino.

    per i posizionisti, la tecnica degli stop non puo' essere altrettanto raffinata, il loro portafoglio necessita di cure diverse, e per loro probabilmente non e' agevole seguire il mercato in tempo reale. e' certo pero' che anche i posizionisti debbono avere i loro stop, e debbono collocarli in modo che possano essere utili al massimo e dannosi al minimo, un po' di danno e' purtroppo inevitabile, ma consideriamolo come il costo della assicurazione contro guai peggiori. ne discuteremo in un futuro intervento.

    buon lavoro a tutti, con i saluti. giancarlo.

    giancarlo del bono di ruscalla

  • Torna a Tuttogiadel

  • Archivio TraderNews
  • Ricerca personalizzata
    Begin Cookie Consent plugin by Silktide - http://silktide.com/cookieconsent -->