TuttoTrading.it

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • M5S TDG
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics
  • Opzioni 1

    Ricerca personalizzata

    buongiono a tutti.

    avevo promesso un paio di interventi sulle opzioni, ed eccomi qui a mantenere l'impegno.

    mi auguro che qualcuno abbia approfondito le conoscenze sull'argomento, magari utilizzando anche i testi che ho suggerito.

    dico cio' perche' quotidianamente leggo interventi sulle opzioni che lasciano trasparire una scarsa conoscenza tecnica delle stesse :
    niente di male, intendiamoci, ma le opzioni sono senza dubbio il piu' difficile strumento sui mercati, e tanto piu' difficili diventano quanto piu' ci si addentra nell'argomento, per cui sotto una certa soglia il dialogo e' tra sordi, si rischia di non capirsi.

    oltre alla promessa, c'e' anche una premessa : in nessun caso come nelle opzioni o loro strategie, l'operativita' si presta a critiche ed a varie interpretazioni, per cui e' molto facile trovare diversi punti di vista, forse non sbagliati l'uno o l'altro, che esaminano l'operazione con un'ottica differente.

    le considerazioni che volentieri vi scrivo, rappresentano solo il mio pensiero e forse la mia esperienza, non sono certamente l'unica o la piu' corretta interpretazione delle strategie in opzioni, e ve le riferisco pensando che vi faccia piacere conoscere il pensiero di un esperto, interessante forse anche per chi non fosse d'accordo, e non e' detto a torto, come opinione di confronto.

    dico cio' nel senso piu' cortese ed amichevole, e non certo per presunzione, che e' uno dei pochi difetti che non ho.

    sappiamo tutto delle opzioni in senso storico, e probabilmente quello che non sappiamo non ci serve per avere profitti o perdite, per cui la parte storica, cosa siano, da dove vengano, perche' iniziarono, e via dicendo, la lasciamo perdere.

    dei quattro o cinque utilizzi comuni delle opzioni :
    protezione del portafoglio
    sfruttamento del portafoglio
    ribasso sintetico
    speculazione o scommessa
    effetto leva

    a noi interessa l'ultimo e forse il quarto, gli altri lasciamoli alle istituzioni ed ai professionisti, perche' sono cosi difficili da applicare, che noi non saremmo capaci di farlo bene.

    "effetto leva" e' per noi il piu' importante.

    ci consente di piazzare una operazione al rialzo o al ribasso, per un controvalore ben maggiore della somma che sarebbe necessaria per sostenere l'operazione se operassimo con il sottostante; questo si traduce in un ben maggiore profitto (o malauguratamente maggiore perdita) relativamente alla somma impiegata, e quindi minore necessita' di capitale e minore incidenza di costi e commissioni (questo non e' sempre vero). stessa cosa con opzioni o covered warrants, difetto delle opzioni che alcune sono poco liquide (ma a noi interessa poco, trattiamo solo quelle liquide), difetto dei cw si possono solo comprare e non vendere, e sono normalmente molto piu' cari delle opzioni (ma a noi interessa poco, li compriamo per rivenderli alla svelta e non per portarli alla scadenza).

    Allora, prima grande domanda : le opzioni, le compriamo o le vendiamo ?

    cominciamo con il mettere in chiaro una cosa : a parte qualche operazione costruita per il possibile (e difficile) sfruttamento di un mercato incerto, che per ora trascuriamo, con le opzioni non c'e niente di diverso che con i titoli, dobbiamo indovinare cosa fara' il sottostante. se la nostra "sensazione" di rialzo si dimostrera' corretta, che si sia comprata una opzione call, o che si sia venduta una opzione put, guadagneremo. altrimenti perderemo.

    guadagneremo quanto ?
    se abbiamo comprato la call, anche tanto.
    se abbiamo venduta la put, l'importo che abbiamo incassato dalla vendita se aspetteremo la scadenza, un po' meno se (come certamente faremo) ricompreremo la put venduta appena il profitto si sara' creato.

    e quanto perderemo?
    se abbiamo comprato la call, l'importo che abbiamo pagato, se aspettiamo la scadenza, o un po' meno se cambieremo idea prima e rivenderemo la call comprata recuperando in parte il costo.
    se abbiamo venduta la put "cosa che dobbiamo fare solo se ci siamo prefissato un livello di stoploss", l'importo che ci siamo prefissato.

    quindi cominciamo a sgomberare il concetto che se compro una opzione perdo al massimo quello che ho speso, ma che se vendo la stessa la mia possibile perdita e' illimitata. proprio per nulla, io non vendo una put su tim e poi parto per la martinica che tanto alla scadenza c'e' tempo, io tengo d'occhio la mia put per la quale ho incassato 0.25, e se tim scende invece di salire come pensavo, appena vedo che la mia opzione e' ricomprabile per 0,50 la ricompro, mi registro i miei 0,25 di perdita, e avanti per la prossima.

    se non posso stare attento, non devo vendere opzioni.
    se non sono capace di accettare le perdite appena si verificano, non devo vendere opzioni.
    ma se so fare queste due cose, il mio rischio e' controllato.

    allora, compriamo o vendiamo ?

    si dice, ed e' vero, che la piu' gran parte delle opzioni comprate, arrivino alla scadenza senza produrre profitto, e si dice, ed e' altrettanto vero, che per le opzioni vendute sia il contrario, sono di piu' i casi di profitto che quelli di perdita.
    sulla prima parte non sono completamente d'accordo, a mio parere e' vero per le opzioni medio lontane dalla quotazione del sottostante, non altrettanto per le opzioni vicine (purtroppo piu' care).
    sulla seconda parte concordo pienamente, tutte le esperienze e le statistiche lo confermano.

    allora sembrerebbe meglio vendere, piu' facile che si guadagni, basta stare attenti

    vero si e vero no : non dimentichiamo chi c'e' dall'altra parte.
    il mercato delle opzioni, ancor piu' del mercato dei titoli, e' strettamente in mano agli istituzionali e grandi traders professionali, tutta gente molto furba, alla quale non e' facile portare via i soldi.
    sono costoro che fanno i prezzi (poi hanno inventato le greche, i delta, e tutto il "pricing" per buttare fumo negli occhi nostri), e sapete come li fanno ?
    tendenzialmente sono venditori (comprano anche, ma malvolentieri, loro le probabilita' le conoscono bene), e vendono a buon mercato quello che per loro non e' pericoloso, ed a caro prezzo quello su cui possono perdere.

    Come fanno a saperlo prima ?
    molto semplice, direi elementare :
    con bassa volatilita', il mercato si muove poco, le opzioni si dissanguano lentamente ma inesorabilmente, poche arriveranno a valere alla scadenza, ecco che costano poco.
    con volatlita' alta, l'opzione puo' andare in profitto velocemente, chi l'ha venduta perde, ecco che costano molto.

    allora, guarda che la borsa e' come la vita, il comportamento del nostro "nemico", che ne sa piu' di noi, ci dice cosa dobbiamo fare per fare come lui, che guadagna..

    se le opzioni costano care (vedrai che la volatilita' del mercato e' alta), sono rischiose per chi le vende, e noi le comperiamo.
    se le opzioni costano poco (vedrai che la volatilita' del mercato e' bassa), sono poco rischiose per chi le vende. e noi quello facciamo, le vendiamo.

    dice : - ma come, vendiamo quando costa poco, e compriamo quando costa tanto ?
    - proprio, sembra sbagliato e invece e' giusto, molti fanno il contrario, ed ecco perche' molti perdono.
    - e che scadenze e basi consideriamo ?
    - non troppo lontano, nel tempo e dal sottostante . direi non meno di due settimane ma non piu' di sei per quanto riguarda la scadenza, e non oltre il secondo scalino di base dalla quotazione del sottostante al momento.
    - e ......
    - no, basta, l'intervento e' gia' troppo lungo, vedo amici che hanno smesso di leggere.

    pero' non vi voglio lasciare senza anche un tip pratico :

    bevo un caffe' con dante, e gli domando :
    - hai comprato quelle call telecom che mi dicevi, una ripresa del titolo e' pensabile, oggi il titolo ha chiuso a 9.44 ?
    - si, te lo avevo detto, ho comprato call febbraio 10 a 0.140, mi sembra un buon prezzo.
    - lo e', ma cosa pensi, di portare alla scadenza o fare un trading ?
    - trading, trading, se guadagno 30 centesimi vendo senza esitare.
    - bravo, ben pensato. pero', se compravi la base 9,50, pagandola 0.310, e vendevi la base 10 incassando 0,140, avresti avuto un costo di soli 3 centesimi in piu', ma il profitto a ben 50 centesimi piu' vicino !
    - caspita, pro, ma mi dai sempre torto !
    - no, ti insegno, te lo dicevo che far bene le opzioni e' difficile.
    allora ricorda:
    "quando si e' deciso ci comperare una opzione call, puo' essere piu' interessante comprare molto vicino alla base, e vendere il primo scalino superiore"
    ciao dante, stammi bene.
    - ciao pro, grazie.

    e tanti saluti anche a voi, che avete avuto la pazienza di seguirmi.

    il prossimo intervento tra due settimane.

    giancarlo del bono di ruscalla.

  • Archivio TuttoGiadel
  • Ricerca personalizzata
    Begin Cookie Consent plugin by Silktide - http://silktide.com/cookieconsent -->