TuttoTrading.it

11/01/2012 Previsioni sull' andamento dei tassi per la riunione del 12 gennaio

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attività creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

David Riley, responsabile dei rating sovrani di Fitch, in occasione di un roadshow europeo, ha affermato che il collasso dell'euro sarebbe disastroso per l'economia globale, e, anche se non è lo scenario di base di Fitch, ciò potrebbe accadere se l'Italia non risolvesse i suoi problemi di debito.

Per questo egli dice che la Banca centrale europea dovrebbe rafforzare il suo piano di acquisto di titoli di stato della zona euro per sostenere l'Italia e prevenire un collasso "catastrofico" dell'euro. La fine dell'euro sarebbe catastrofica.

E domani il primo direttorio 2011 ma resta tensione sulle banche e sui bond. Si valuterà mega prestito erogato alle banche mentre i tassi sono attesi fermi.

Con l'arrivo di Mario Draghi alla presidenza, a inizio novembre, la Bce ha prima immediatamente invertito la rotta sui tassi di interesse procedendo ad un taglio, che è stato seguito da una ulteriore riduzione a dicembre con cui il costo del danaro dell'area valutaria è tornato al minimo storico dell'1 per cento. In tal modo è stata totalmente cancellata la manovra rialzista della scorsa primavera ma le manovre della Bce non si fermano qui perchè sono stati lanciati nuovi rifinaziamenti agevolati a favore delle banche, su periodi ultra prolungati: tre anni.

Nessuna grossa novità è attesa, dunque, dalla Banca centrale europea, che domani terrà la prima riunione del 2012. La maggior parte degli analisti prevede una conferma dei tassi di interesse all'attuale 1%, dopo il taglio di dicembre.

Una ulteriore sforbiciata è però prevista nei prossimi mesi. Poco probabile, anche se qualcuno ci spera, l'annuncio di nuove misure non convenzionali a sostegno del sistema bancario e contro la crisi del debito sovrano.

  • Archivio BCE
  • Archivio TraderNews
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO