TuttoTrading.it


09/01/2009 La Bce promette ed intanto la Banca D' Inghilterra porta il livello di riferimento ai minimi

  • Dividendi 2022
  • TuttoDividendi


  • Ricerca personalizzata






    La banca d’Inghilterra taglia i tassi come non aveva mai fatto prima: quarto taglio consecutivo, di mezzo punto, nel tentativo di ridare spinta a un’economia in sempre più profonda crisi e per il rischio deflattivo.

    I tassi sono ora all’1,5%, il livello più basso dal 1694, anno di fondazione dell’istituto. Si tratta di un nuovo minimo storico conseguenza delle pesanti ricadute della crisi finanziaria globale con nazionalizzazione per diversi gruppi bancari e drastico crollo del suo mercato immobiliare.

    Secondo Justin King, direttore esecutivo della catena di supermercati Sainsbury: “I tagli dei tassi non hanno portato a un’apertura del credito, in particolare per le piccole imprese in quanto non si riescono ancora a contrarre prestiti per investire”. Un effetto vistoso della crisi si nota nel crollo del mercato immobiliare, per la mancanza di liquidità. Ed in altri paesi i tassi hanno livelli anche i prossimi allo zero come negli USA e in Giappone.

    La Banca Centrale Europea probabilmente deciderà nei prossimi giorni per un nuovo taglio. Secondo il vicepresidente della Bce, Lucas Papademos: 'Un nuovo taglio dei tassi se la crisi dovesse minacciare la stabilita' dei prezzi'. Se i rischi relativi alla stabilita' dei prezzi dovessero cambiare nei prossimi mesi, la politica monetaria potrebbe essere ulteriormente allentata, e noi agiremmo in modo appropriato'.

  • Archivio BCE
  • Archivio TraderNews
  • Ricerca personalizzata