TuttoTrading.it

Home
Contatti

Informazione A.Informaz. Granditemi Dividendi Divid.2020 Divid.2021 T.Economia Tuttoborsa Tuttobanche Glossari T.Shopping Sicurezza Inf. Tuttoscuola Tuttoweb Tuttotrading

VAI ALLA MAPPA DEL SITO


26/04/2014 Restyling Torre del Greco con pietra lavica siciliana

Ricerca personalizzata



Per costruire un molo del porto di Castellammare di Stabia e altre opere di riparazione di scogliere lungo la costa campana facevano risultare che la preziosa pietra lavica veniva legalmente estratta dall' Etna mentre si trattava di pietra lavica rubata sul Vesuvio. Si parla di 150 mila metri cubi, insomma di cinque milioni di euro.





Per costruire un molo del porto di Castellammare di Stabia e altre opere di riparazione di scogliere lungo la costa campana facevano risultare che la preziosa pietra lavica veniva legalmente estratta dall' Etna mentre si trattava di pietra lavica rubata sul Vesuvio. Si parla di 150 mila metri cubi, insomma di cinque milioni di euro.







Dopo le segnalazioni delle altre ditte che venivano danneggiate, sono partiti i controlli a partire dal 2006 in quanto fino al 2005 la coltivazione della cava ora sequestrata, che si trova nel comune di Terzigno, localitā Caposicchi, era autorizzata dalla Regione Campania ma per i vincoli paesaggistici la coltivazione fu sospesa, anche se l' attivitā veniva svolta abusivamente.Per non essere scoperti si ricorreva a delle frane artificiali con grave rischio per i lavoratori.

Nel parco fu creata anche una grande discarica.

  • Info Torre del Greco News
  • Ricerca personalizzata