TuttoTrading.it
Questo sito
  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO


    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 03/03/2015 La storia della raccolta "porta a porta" e Rifiuti Zero 2011/2013 a Torre del Greco II

    Ricerca personalizzata




    CASA DELL' ACQUA A SAN MARTINO


    Con il sindaco Malinconico nel 2012 la costruzione delle isole ecologiche irregolari fu sospesa ma si iniziò a pensare ad un programma di raccolta "porta a porta". Un programma di questo tipo fu approvato in giunta comunale nel mese di dicembre del 2012 ed è particolarmente dettagliato ed in discussione per l' approvazione al 7 dicembre 2013. Esso ha come fine il raggiungimento dell' obiettivo obbligatorio imposto dalla Comunità Europea, per cui occorre adottare misure per promuovere il riciclaggio di alta qualità.

  • Programma di raccolta "porta a porta" approvato in giunta comunale nel mese di dicembre del 2012





    Si ricorda che il comune di Torre del Greco ha aderito alla proposta RIFIUTI ZERO ENTRO IL 2020 per cui non dovrebbe guardarsi tanto la variazione della Direttiva 2008/98/CE. Se si osservano i 10 punti per i rifiuti zero riportati nella tabella a colori, si vede che la raccolta porta a porta è il secondo punto, il primo riguarda una buona raccolta a monte e questo dipende dai cittadini. La riga centrale comprende 4 parole che dovremmo ricordare tutti: RICICLARE-RIDURRE-RIUSARE-RIPARARE (REGOLA DELLE 4R a cui se ne possono aggiungere altre due: per Risparmiare energia e per Recupera risorse economiche)







    07/01/2014 Sintesi della raccolta differenziata porta a porta che doveva partire a gennaio del 2014

    Questa è la presentazione in sintesi della raccolta "porta a porta" che poteva partire nel 2014:

    Il progetto prevede la raccolta domiciliare dei rifiuti, la raccolta dei rifiuti dalle isole ecologiche, spazzamento e lavaggio strade, diserbo, pulizia spiagge, ecc.

    La città verrebbe divisa in tre macroaree ed in ognuna si raccoglierebbero 1-2 frazioni diverse da zona a zona al giorno. La raccolta sarebbe simile a quella che vi era prima delle isole ecologiche. Vi sarebbero poi delle isole ecologiche completamente chiuse, videosorvegliate e con ingresso a mezzo tessera sanitaria con premialità a chi conferisce rifiuti meglio differenziati. Si prevede un' attenzione particolare per l' umido.

    Per favorire ed avviare un processo di premialità verso i cittadini, sono previste nel piano 4 isole ecologiche (che potrebbero diventare sei). Le aree, opportunamente distribuite, ed in fase di discussione, oltre ad essere videosorvegliate saranno necessariamente chiuse e l’accesso sarà consentito tramite lettura della tessera sanitaria che avrà detta duplice funzione. Il piano doveva essere ancora discusso e portato in consiglio comunale ma attualmente è tutto sospeso. La raccolta porta a porta puo' essere domiciliare oppure di prossimità (per esempio alla fine di una traversa): l' umido, l' indifferenziato ed il vetro sarebbero raccolti in bidoncini mentrE la plastica e la carta in buste, con deposito in certi giorni.

    CASSONETTI INTELLIGENTI.

    Si pensa di acquistare dei nuovi cassonetti intelligenti sempre in lamiera e removibili ma con un meccanismo interno capace di comprimere gli scarti con una pressa interna che ridurrebbe il volume dei rifiuti permettendo di ridurre il numero dei ritiri. Ma si tratta solo di un progetto. Si noti che il sistema sarebbe praticabile per carta e plastica e non per l' umido.

    NUOVI KIT TRIMESTRALI CON MICROCHIP

    Novità anche sul fronte dei kit trimestrali in distribuzione presso i mulini Marzoli di via CalastrO, presso i locali municipali di viale Sardegna, presso gli uffici di La Salle. Per ritirare i kit con micro-chip è necessario esibire la tessera sanitaria che permette di copiare il codice fiscale e risalire in automatico ai dati del titolare.

    PROPOSTA DI CONSEGNA A DOMICILIO DEI KIT CON CODICI A BARRE.

    Proposta di consegnare a domicilio una volta l'anno i kit naturalmente personalizzati e a zone contenenti i codici a barre..

    La raccolta di dati, relativi all'effettivo grado di utilizzo del servizio di raccolta differenziata da parte di ogni contribuente, consente di:

    1) Motivare adeguatamente i contribuenti, grazie ad un opportuno sistema di premi e penalizzazioni.

    2) Valutare i tempi medi di riconsegna dei sacchetti nelle varie zone comunali, ottimizzando così il servizio di recupero dei rifiuti.

    3) Valutare percentuali e quantità delle varie tipologie di rifiuti, in modo da consentire un adeguato dimensionamento di eventuali processi di distruzione e riciclaggio dei rifiuti.

    INCENTIVARE IL COMPOSTAGGIO DOMESTICO.

    Anche il comune di Torre del Greco dovrebbe adeguarsi per incentivare il compostaggio per ridurre i rifiuti a monte: sarebbe prevista la fornitura di n° 500 kit per compostaggio domestico, i quali sarebbero assegnati ad altrettanti nuclei familiari dotati di un piccolo orto o giardino. In alternativa sarebbe concesso uno sconto sulla bolletta. Il problema consiste nel fatto che non si può decidere niente se il piano rifiuti non viene approvato.

    Le compostiere domestiche offerte dalla provincia

    31/12/2014 Trasferimento della provincia di Napoli per l' acquisto di compostiere domestiche. (serve la dichiarazione del Sindaco che attesti che il Comune si è dotato del Regolamento sul compostaggio domestico). Il comune non dispone di un piano di compostaggio domestico che non si è potuto preparare perchè nel regolamento comunale non sono previsti rimborsi riguardanti la raccolta differenziata. Di conseguenza il comune di Torre del Greco non potrà accedere ai fondi provinciali per l' acquisto di compostiere domestiche che potevano servire per abbattere le spese per la spazzatura. (assessore Balestrieri).

    06/01/2014 E' stato inviato al comune il piano di rifiuti che gli attivisti di Napoli hanno proposto al comune di Napoli

    L' ASSESSORATO ALL' AMBIENTE DELLA REGIONE CAMPANIA APPROVA LE LINEE GUIDA PER IL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

  • LINEE GUIDA PER IL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

    Case dell' acqua chieste al comune a partire dal 2011

    Ancora in sospeso le case dell' acqua che dovrebbero servire a ridurre il consumo di plastica per cui si aspetta il finanziamento del progetto chieste al sindaco a partire dal 15 settembre del 2011. Nella foto una casa dell' acqua ed una casa del latte.





  • 15/09/2011 Richiesta al sindaco di una Casa dell' Acqua

  • 24/08/2013 CASE DELL' ACQUA A SAN MARTINO IN RIO

    MACCHINETTE MANGIABOTTIGLIE e Scuole Riciclone

    Le macchinette mangiabottiglie sono state chieste al sindaco a partire dal 15 settembre 2011
  • 15/09/2011 Proposta al sindaco di favorire le installazioni di macchinette tipo Ecobank per esempio come avviene nei supermercati Decò Le macchinette mangiabottiglie sono diventate una realtà a partire dal mese di luglio 2013 con i progetti in corso della Garby. A fine ottobre ne erano in funzione 6 e due pronte per essere installate. Dovrebbero diventarne 12 per il PROGETTO SCUOLE RICICLONE (24/01/2014 Parte il progetto «Scuole Riciclone: riduco, riutilizzo, riciclo». Progetto con la Garby)

    Progetto RAEE nelle scuole

    07/12/2013 Rifiuti, il Comune di Torre del Greco dovrebbe entrare nelle scuole elementari: «Sensibilizzare gli studenti per educare i genitori».Progetto RAEE

  • Info Torre del Greco News
  • Info RifiutiZero
  • Ricerca personalizzata