TuttoTrading.it
Questo sito
  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO


    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 27/02/2015 L' Osservatorio Rifiuti Zero diffonde il documento preparato per la discussione con il sindaco per la gestione rifiuti

    Ricerca personalizzata





    L' Osservatorio Rifiuti Zero diffonde il documento preparato nell' assemblea del 25 febbraio e discusso poi nell' incontro con il sindaco delle ore 18,30.

    Tutte le segnalazioni venute fuori nel corso della discussione sono state presentate in sala giunta ed incluse nelle mozioni che la giunta ha poi presentato in consiglio comunale per l' avvio del compostaggio domestico e del piano di incentivi; le mozioni presentate e discusse sono state poi approvate in consiglio comunale ed hanno permesso di far approvare dei regolamenti più chiari e più adeguati. Questo non risolve nessuno dei punti posti dall' Osservatorio che ha deciso pertanto di diffondere il documento per permettere a tutti i cittadini di partecipare alla discussione.





    25/02/2015 SALA GIUNTA INCONTRO COMITATI DI QUARTIERE CON IL SINDACO DEL 25-02-2015 PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI ore 18,30

    Il sottoscritto documento viene presentato nell’incontro con il sindaco prima del consiglio comunale. L’impegno di un sindaco e della giunta comunale è quello di amministrare nei migliori modi possibili la città, per dare il massimo del servizio con il minimo sforzo economico. Gli incontri che il Sindaco e l’assessore Quirino hanno avuto, precedentemente con i Comitati di Quartiere e l’osservatorio rifiuti zero, non hanno portato i risultati sperati.

    Il protocollo rifiuti zero a cui ha aderito il comune di Torre del Greco (nella persona del sindaco C. Borriello) prevede un percorso diverso dalle ordinanze e delibere approvate dalla giunta







    Si sottopongono all’attenzione i seguenti punti :

    - Incentivi per la raccolta differenziata.

    La delibera n. 67 non specifica se i costi della raccolta di qualità incentivata è servita con personale ad onere del comune ,o rientra nel contratto stipulato. Gli ecopunti che tipo valore hanno e da quale spesa di bilancio viene compresa ; in quanto la nota del responsabile della ragioneria comunale pone delle condizioni ,sia nei limiti massimi del bilancio che dal costo del ciclo integrato dei rifiuti. Non vorremmo che il costo della premialità grava sulla tariffa TARSU.

    - Rivedere il contratto con la nuova ditta per la raccolta dei rifiuti, perché svantaggioso per i cittadini.

    Ad oggi non abbiamo un recupero economico dei prodotti della differenziata equo, in quanto il contratto prevede un fisso di 96.000€/annui a fronte di un potenziale ricavo minimo di 700.000€/annui con una raccolta differenziata al 45% di bassa qualità (dati sito mysir.it).

    Noi cittadini chiediamo che il recupero economico dei prodotti della differenziata vadano ad a abbassare direttamente la tariffa. Abbassare di 1.000.000€ il costo totale del tributo, non è la stessa cosa dei bonus proposti dal sindaco e la sua giunta. Stilare un nuovo entro la scadenza dell’attuale cioè novembre 2016.

    - Abolire i centri di raccolta rifiuti (cosiddette isole ecologiche), perché il protocollo prevede la raccolta porta a porta. Modifica dell’ordinanza n. 191 estendendo il porta a porta su tutto il territorio comunale. Creare solo centri di raccolta secondo le normative vigenti. Compostaggio domestico – Ampliare la possibilità oltre le misure dettate dalla delibera ,anche su cortili e ampie terrazze. Con opportuni accorgimenti e responsabilità.

    Come osservatorio e comitati di quartiere chiediamo che le iniziative per migliorare la città avvengano in collaborazione fra le associazioni ed il comune. Possibilmente prima di una modifica di regolamenti comunali.

    Comitati di Quartiere
    Osservatorio Rifiuti Zero

  • Info Rifiuti Zero
  • Ricerca personalizzata