offerte di primavera
TuttoTrading.it
Questo sito
  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO


    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 10/07/2014 Cairo: Cobas utenti "il porta a porta imposto non funziona. Si creano problemi ai cittadini che non hanno garanzia di ritorno economico. Meglio il sistema Rifiuti Zero

    Ricerca personalizzata





    Gli attivisti di Torre del Greco hanno deciso di riunirsi giovedì 17 luglio alle ore 18 in villa comunale per iniziare a discutere una proposta da presentare al comune per ottenere i primi cinque punti sui rifiuti zero con cui far partire il progetto rifiuti zero anche a Torre del Greco





    1) E' necessario che alla prima occasione il comune riveda il regolamento comunale in modo da prevedere la premialità come da richiesta già avanzata, per poter remunerare i cittadini più virtuosi.
    2) Studiare le possibilità di lanciare un sistema di compostaggio domestico con uno sconto, per esempio del 10% sulla Tari, ed alla prima occasione introdurre anche una premialità per i cittadini più virtuosi.
    3) Seguire ed ampliare le linee guida contenute nelle prime cinque proposte RIFIUTI ZERO A TORRE DEL GRECO
    Come riferimento è possibile seguire il comune di Formia che ha appena lanciato sia il compostaggio domestico sia il programma Rifiuti Zero, cercando di imitare Capannori, la patria del Rifiuti zero in Italia.







    1) l'istituzione di un osservatorio permanente sui rifiuti che coinvolga i cittadini, comitati di quartiere e le associazioni.

    2) la dotazione di kit per il compostaggio di varia “taglia” in modo da ridurre il quantitativo di umido ed ottenere una riduzione sulla tassa per cittadini, ristoratori, fruttivendoli, ecc. . Si dovrebbe altresì favorire il compostaggio domestico, condominiale, di quartiere dopo modifica del regolamento comunale. Si potrebbe esaminare la proposta di far partire il porta a porta anche solo per l’ umido.

    3) l'avvio per le procedure di istituzione di un centro per le riparazioni ed il riuso, gestito da una o più cooperative cittadine, la cui stessa creazione andrebbe incentivata. Favorire al tempo stesso le attività di recupero tipo il Book Crossing ed il baratto in genere.

    4) l'adozione di provvedimenti specifici volti a ridurre a monte la produzione di rifiuti, ad esempio l'uso ridotto della plastica nei locali pubblici. Tutti i cittadini dovrebbero essere abituati a seguire la regola delle 4R: Ridurre ogni tipo di rifiuto, Riparare e Riusare tutto quanto possibile, cercare di Riciclare quello che rimane. Contemporaneamente bisogna attuare tutte le misure atte a ridurre gli imballaggi, l' uso delle posate non riciclabili nelle mense scolastiche, ecc. Distribuire gratuitamente o a basso costo degli shopping bag riciclabili in modo da eliminare l' uso delle buste di plastica. Introdurre il vuoto a rendere e tutte le altre tecniche di economia circolare come le case dell' acqua.

    5) il potenziamento della rete di raccolta di rifiuti ingombranti dando la possibilità ai cittadini di ritirare gratuitamente quello che può essere riusato o riparato anche nei centri di riuso.

  • Info Rifiuti Zero
  • Ricerca personalizzata