TuttoTrading.it

Home
Contatti

Informazione A.Informaz. Granditemi Dividendi Divid.2020 Divid.2021 T.Economia Tuttoborsa Tuttobanche Glossari T.Shopping Sicurezza Inf. Tuttoscuola Tuttoweb Tuttotrading

VAI ALLA MAPPA DEL SITO


21/03/2021 La Campania rimane in zona rossa, e il governatore De Luca continua con la linea del pugno duro


Ricerca personalizzata









La Campania rimane in zona rossa, e il governatore De Luca continua con la linea del pugno duro. È stata pubblicata l’Ordinanza n°10 del 21 marzo 2021, firmata dal Presidente Vincenzo De Luca, che dispone la proroga delle misure adottate nelle precedenti ordinanze 7,8 e 9 del 2021.

La Regione Campania comunica quindi che, con decorrenza dal 22 marzo 2021 e fino al 5 aprile 2021, sono ulteriormente confermate le disposizioni delle Ordinanze n°7 del 10 marzo 2021, n°8 dell’11 marzo 2021 e n°9 del 15 marzo 2021.

Tra le misure confermate con la proroga dell’ordinanza di De Luca vi sono le seguenti disposizioni:

COVID-19, ORDINANZA N. 10 DEL 21 MARZO 2021: CONFERMATE ORDINANZE n.7-8-9. MISURE PROROGATE AL 5 APRILE 2021 (a cura dell’Unità di Crisi)

#CORONAVIRUS: è stata pubblicata l'Ordinanza n.10 del 21 marzo 2021 (che si allega), firmata dal Presidente Vincenzo De Luca, che dispone la proroga delle misure adottate nelle precedenti ordinanze 7,8 e 9 del 2021.

Si ricorda quindi che, con decorrenza dal 22 marzo 2021 e fino al 5 aprile 2021, sono ulteriormente confermate le disposizioni delle Ordinanze n.7 del 10 marzo 2021, n.8 dell’11 marzo 2021 e n.9 del 15 marzo 2021.

Tra le misure confermate:

- il divieto di svolgimento di fiere e mercati per la vendita al dettaglio - ivi compresi quelli rionali e settimanali - disposto dall’art.45 del DPCM 2 marzo 2021, sul territorio regionale le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari, prodotti agricoli e florovivaistici in prossimità o all’interno di aree mercatali sono consentite esclusivamente ove svolte in negozi/box purché sussista la possibilità di contingentare gli accessi e limitatamente ai singoli negozi/box provvisti di allaccio diretto alla rete idrica;

- la chiusura al pubblico - salvo che nella fascia oraria 7,30/8,30 - dei parchi urbani, ville comunali, giardini pubblici, lungomari e piazze, con la precisazione che sono consentiti esclusivamente l’accesso e il transito motivati da comprovate esigenze di lavoro o di necessità, ivi comprese quelle collegate all’accesso agli esercizi commerciali aperti e alle abitazioni private, nonché al relativo deflusso.







  • Info Malattie
  • Ricerca personalizzata