TuttoTrading.it



SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO


    INFO
  • Acqua
  • Aliment.
  • Ambiente
  • Automot.
  • Balneab.
  • Banche
  • Bookcr.
  • Buttol
  • Case
  • acqua
  • Colorare
  • Decoro
  • urbano
  • Decresc.
  • dividendi
  • Donne
  • Economia
  • Economia
  • circol.
  • Energia
  • En.rinnov.
  • Famiglia
  • Finanza
  • Foto
  • Giardini
  • Giornata
  • memoria
  • G.foibe
  • Inquin.
  • M'illumino
  • dimeno
  • M5S TDG
  • Ora sol.
  • legale
  • Peso
  • rifiuti
  • Pishing
  • Politica
  • Raccolta
  • bott.
  • Olio
  • esausto
  • Rassegna
  • Riciclo
  • Rifiuti
  • R.affetto
  • R.zero
  • R.verde
  • S.mare
  • Scuole
  • ricicl.
  • Social
  • street
  • Solidar.
  • Shopping
  • Spoofing
  • Storia
  • TDG
  • News
  • Tumori rif.
  • Tutto
  • droga
  • T.racc.
  • differ.
  • T.droga
  • T.scuola
  • Violenza
  • V.rendere


  • 12/01/2015 Il Trend dei prossimi 12 mesi: bisogna guardare i dividendi anche dell' Enel

    Ricerca personalizzata





    Su Wall Street gli analisti sono fiduciosi, ma in Italia è necessario guardare ai dividendi.
    In USA si attendono il rialzo dei tassi ed un balzo dell' economia per cui  la piazza statunitense è fiduciosa ma allo stesso tempo riflette sul fatto che le discrepanze ci sono e sono notevoli, per esempio sul lavoro, sui salari che sono bloccati o in diminuzione.





    In USA si è fatto ricorso al buyback, che ha fatto lievitare le quotazioni senza però riuscire a creare reale valore aggiunto all’azienda che non è stata interessata allo sviluppo e alle assunzioni, per il clima di incertezza presente un po’ ovunque, anche negli Usa.







    Intanto le aziende riescono a trasmettere un segnale di fiducia e di immagine, rafforzandosi sul fronte finanziario e dando un dividendo che rende appetibile il titolo.

    Per questo, dividendi e buyback continueranno ad essere utilizzati, soprattutto i dividendi che rappresentano un potenziale scudo di difesa contro la volatilità ed il 2015 si presenta come un anno particolarmente interessante per le cedole, sia a Wall street che a Piazza Affari, soprattutto per due setttori e l' Ubs ha esaltato anche l' Enel confermando un rating buy motivato da un aumento di profitti del 30% e del dividendo dell’80% sulla scia anche di una riduzione del debito, fino al 2019 e che potrebbe essere confermato dal piano industriale che sarà presentato a marzo.

  • Info Dividendi
  • Ricerca personalizzata