offerte di primavera
TuttoTrading.it
Questo sito
  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO


    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 10/01/2014 Lotta alle deiezioni canine: prelievo ematico ed esame del DNA

    Ricerca personalizzata



  • https://www.youtube.com/watch?v=wd8hzHnWpqo&feature=youtu.be






  • Parte un esperimento pilota per Vomero Arenella. Sarà creata una banca dati del Dna canino che avrà il compito di punire quei padroni di cani che lasciano gli escrementi in strada.

    Tutti i proprietari dei cani dovranno sottoporre gli animali al prelievo di sangue per l’esame del Dna, per costituire una banca dati del Dna canino che servirà a comparare il Dna estratto degli escrementi trovati in strada e il Dna custodito, per poter identificare il proprietario che non ha rimosso le feci del proprio cane dalla strada.

    I cani devono iscriversi anche all’anagrafe canina regionale, devono munirsi di dispositivo per la rimozione delle feci e devono sottoporre il cane al prelievo ematico per la leishmania.

    Si parte dalla V municipalità Vomero-Arenella, dove ci sono più cani di proprietà. Il piano sarà poi esteso a tutta la città e chi non si atterrà a quanto previsto dall’ordinanza sarà punito con una sanzione amministrativa che andrà da 25,82 a 154,94 eurocon un controllo affidato alla polizia municipale, agli organi di polizia.







    I cani e le loro deiezioni, possono essere portatori di vari tipi di parassiti pericolosi soprattutto per i bambini e la mancata osservanza delle norme igieniche può causare la trasmissione di parassiti "non solo tra animali, ma anche dall'animale all'uomo".

    A Torre a mezzo sondaggio è stato stabilito che le strade maggiormente soggette agli escrementi dei cani sono le strade del centro ed i cittadini hanno denunciato che è ormai prassi comune, in tutte le zone, che si portino a spasso i cani senza possedere paletta e sacchetto. Essi pertanto hanno chiesto di iniziare immediatamente un controllo a tappeto partendo dal centro storico, approfittando dell' arrivo delle 50 guardie ambientali che potranno aiutare la polizia urbana.

  • Archivio Decoro Urbano
  • Ricerca personalizzata