TuttoTrading.it
Questo sito
  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO


    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 29/08/2015 Ipotesi di analisi periodica da affiancare a quelle periodiche di due soli batteri fecali

    Ricerca personalizzata





    Molti litorali stanno divenendo balneabili grazie alla nuova normativa di marzo 2010 che ha ridotto a due i parametri da controllare, dopo aver portato i valori minimi da 100 a 200 e da 100 a 500

    VECCHIA NORMATIVA: BALNEABILE se l'acqua superava 12 parametri di cui 2 parametri di batteri fecali ad un limite massimo di 100*

    NUOVA NORMATIVA: BALNEABILE se supera (SOLO) 2 parametri. I due parametri sono SOLO i batteri fecali ad un limite di 500** e 200**. Quindi raddoppiati e quintuplicati!!!





    La domanda: è Basta un solo tipo di analisi dei batteri fecali per stabilire la balneabilità?

    In base al decreto legislativo 30 maggio 2008, n. 116, di recepimento della direttiva 2006/7/CE i criteri fissati per la balneabilità in Italia riguardano, dunque, solo due batteri fecali:

    1) Secondo la vecchia normativa, l' acqua veniva considerata balneabile se superava 12 parametri di cui 2 parametri di batteri fecali ad un limite massimo di 100 e 200.







    2) Secondo la nuova normativa l' acqua viene considerata balneabile se supera 2 soli parametri. dei batteri fecali i cui valori massimi sono stati portati da 100 a 200 e da 100 a 500.

    Ma basta questo per dire che l' acqua è balneabile?

    Ma siamo sicuri che è solo un problema di fogne, come pensano tutti e che basta provvedere ai soli depuratori? Assolutamente no!

    Molte zone sono considerate terra dei fuochi per cui potrebbero essere stati sversati materiali tossici, scarti industriali, rifiuti radioattivi anche nel golfo di Napoli.

    Barche e navi scaricano di tutto nel mare e le petroliere lavano le stive e poi buttano tutto in mare, poi vi sono i fiumi da tenere sotto controllo, scarichi abusivi anche industriali, ecc.

    La conclusione potrebbe essere questa: fermo restando le analisi dei batteri fecali come fa normalmente l' Arpac, si potrebbe pensare di aggiungere delle analisi suppletive periodiche standard per individuare altri tipi di inquinanti.



    Per capire meglio, leggere l' articolo che riporta le fonti dell' inquinamento, senza trascurare che molta sporcizia nei mari e sulle spiagge la mette il cittadino stesso. Si potrebbe aprire proprio un dibattito

    Portale governativo:

    Regione Toscana e divieto di balneazione

    Leggere questo articolo sulle varie possibilità di inquinamento

  • 29/08/2015 Inquinamento marino nel golfo di Napoli
    Incomincia con il guardare la puntata di presa diretta...

  • Info Balneabilità
  • Ricerca personalizzata