TuttoTrading.it

06/02/2009 Ed eccoci davanti il peggio (http://www.korazym.org)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attività creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

Ed eccoci davanti il peggio. Sotto ogni punto di vista. Ad una persona viva, in stato vegetativo, inizia a mancare l’idratazione e alimentazione: in una clinica, sotto l’occhio di personale sanitario, di medici e infermieri, inizierà a morire e fra chissà quanti giorni morirà davvero. Non morirà per una malattia, anche se probabilmente (probabilmente, ché la certezza assoluta non l’ha nessuno) non soffrirà né proverà dolore; non morirà per una malattia, ma morirà per non essere stata assistita, perché così è stato chiesto e così qualcuno ha deciso. Non fermeranno la respirazione artificiale, per il semplice fatto che Eluana Englaro respira autonomamente; perché muoia si è deciso di toglierle progressivamente il cibo e l’acqua. E così, probabilmente, si farà.


Sulla sua storia, una babele di parole e di opinioni, fino al deprimente spettacolo di uno scontro inusitato fra il governo e il presidente della Repubblica, con Parlamento e magistratura lì a partecipare e assistere. E i soliti continui richiami all’ingerenza vaticana negli affari dello Stato italiano. Avrebbe meritato miglior sorte, Eluana Englaro. Avrebbe meritato altro, che non questo groviglio di posizioni che da anni e sempre di più negli ultimi mesi e settimane si aggroviglia intorno alla sua vita e alla sua condizione.

 

Le ragioni addotte dal governo per intervenire, compresa l’evidente presenza di un requisito di necessità e urgenza derivante dalla condizione attuale della cittadina Eluana, paiono ragionevoli, così come d’altro canto inusitati e improvvidi sono sembrati i toni con i quali il presidente del Consiglio ha pubblicamente attaccato la posizione del capo dello Stato spostando la vicenda sul piano dello scontro frontale. La portata delle argomentazioni avrebbe meritato un ben altro stile di confronto. Lo scontro, diventato da tempo anche politico, rischia ormai di essere vissuto solamente come tale: la vicenda Englaro come una delle tante sulle quali la politica dibatte ogni giorno. Una vera amarezza. E ora l’iter parlamentare. Una legge in tre giorni: non si è praticamente mai visto. E servirà? Servirà ad Eluana?

  • Archivio Vita e Morte
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO