TuttoTrading.it

05/10/2007 Medici sul campo/9. Ancora risposte fra testamento biologico, eutanasia e cure palliative (Daniele Lorenzi, http://www.korazym.org)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attività creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

  • Testamento biologico? "Non serve". Interviste a raffica di Scienza&Vita.

    Giorgio Fossale è medico chirurgo, presidente dell’Ordine dei Medici di Vercelli, dove è anche assessore alla Cultura del Comune. Scienza&Vita ha posto anche a lui le domande su testamento biologico ed eutanasia: ecco le sue risposte.

    Che cosa pensa di una norma che sancisca il testamento biologico?
    Sono assolutamente contrario ad una norma, perché ritengo che di leggi che in qualche maniera interferiscono nel rapporto medico-paziente ce ne sono già troppe. Le volontà, le decisioni, si costruiscono nella relazione tra medico e paziente. Tutto quel che interferisce in questa relazione è pericoloso.

    Che cosa intende per accanimento terapeutico?
    Quando, da una valutazione che emerge da quel singolo caso - e non da casi astratti – fa scaturire un’operazione che miri a terapie sproporzionate per eccesso, c’è accanimento terapeutico.

    Che cosa intende per eutanasia?
    Determinata, consapevole scelta di porre termine alla vita. Attiva o passiva, non fa differenza. L’eutanasia interrompe comunque un percorso di vita.

    Nel codice deontologico ci sono le risposte necessarie a questa problematica?
    No. Il codice deontologico ha l’unico vantaggio di non essere ultimativo, ha una dose di ambiguità, che può essere un’opportunità da utilizzare nel rapporto medico-paziente. Il codice deontologico è un precetto, poi ci dev’essere dell’altro, soprattutto le norme morali.

    C’è e in che cosa consiste il conflitto tra volontà espresse in precedenza dal paziente e posizione di garanzia del medico?
    Si inseriscono tanti temi in questa domanda. Sottolinerei innanzitutto come l’autonomia, la libertà del medico non sono strumenti che possono essere affidati al paziente. Occorre una contestualizzazione delle due volontà. Oggi c’è una grande confusione nell’uso dei termini; è incredibile, ad esempio, la confusione che si fa tra sanità e salute. Bisogna ritrovare il tempo per una riflessione complessiva su questi temi.

    Nel corso della sua professione ha mai avuto problemi, nel senso di denunce legali, nel caso di interventi contrari alle indicazioni del paziente che pur hanno consentito di salvare la vita o di ristabilire un equilibrio di salute o di sospensione di terapie sproporzionate da cui è derivata la morte del paziente?
    Mai.

    Può indicare la differenza tra testamento biologico e pianificazione dei trattamenti, contestualizzata nella relazione medico-paziente?
    Il testamento biologico è un concetto estensivo, lo definirei una scaffalatura dove bisogna mettere dei libri; per quanto riguarda la definizione di pianificazione dei trattamenti, direi che tutto quello che è catalogato non tiene conto di un fattore imponderabile, l’imperfezione dell’essere umano. Come comprende, sono contrario a qualsiasi cosa statuita che condizioni in qualche modo il rapporto medico-paziente. Oggi fare il medico è molto difficile; lo si può fare bene con il dialogo, potenziando il rapporto medico- paziente ed anche tenendo presente quanto sostiene Emanuele Severino: nel mondo d’oggi si fa una gran confusione tra mezzi e fini e la tecnoscienza è la confusione tra mezzi e fini. A questo, occorre stare molto attenti.

    L’implementazione delle cure palliative e dell’assistenza domiciliare, delle strutture di lungodegenza e degli Hospice possono essere una risposta all’eutanasia e all’abbandono terapeutico? Come si presenta la sua realtà geografica da questo punto di vista?
    Ha detto bene: possono essere una risposta. Sulle forme del morire occorrono risposte differenziate e a mio avviso, queste strutture devono essere affidate ai medici di famiglia o di fiducia del paziente. Ho molto timore delle cosiddette case della salute. Insomma, non voglio fare l’idraulico della morte, il medico che chiude il rubinetto. Spero ci sia sempre per il medico la possibilità dell’obiezione di coscienza.

    www.korazym.org
    Quest'opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

  • Archivio Vita e Morte
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO