TuttoTrading.it

05/06/2005 Nessun Compromesso sul Testamento Biologico. Da subito gli stessi Diritti Costituzionali per tutti i Malati (Donatella Poretti, deputata RnP, www.aduc.it)

  • Vita Morte
  • Protezione Salute
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Denunce
  • Ricerca personalizzata
    GIOCHI GIOCATTOLI
    Articoli da regalo
    Attività creative
    Bambole e accessori
    Bestseller generali
    Burattini e tetrini
    Calendari dell' avvento
    Collezionabili
    Costruzioni
    Elettronica per bambini
    Giocattoli da collezione
    Giocattoli prima infanzia
    Elettronica per bambini
    GIOCHI GIOCATTOLI
    Giocattoli da collezione
    Giocattoli prima infanzia
    Giochi di imitazione
    Giochi da tavola
    Giochi educativi
    Modellismi
    Peluche
    Personaggi Giocattolo
    Puzzle
    Sport Giochi Aperto
    Strumenti Musicali
    Veicoli

    Il ministro della Salute Livia Turco, a lato della Giornata nazionale del malato oncologico, ha dichiarato che il testamento biologico fa parte del programma dell'Unione, e pertanto verra' introdotto da questo Governo. Il ministro ha poi precisato che cio' avverra' solo "attraverso una politica di confronto e con i tempi giusti".
    Mi chiedo quale possibile "confronto" sia necessario su questo tema e quali siano questi "tempi giusti". Il principio su cui si fonda ogni democrazia degna di tale nome e' l'autodeterminazione degli individui che la compongono. La Costituzione gia' riconosce la liberta' della scelta terapeutica, che include il diritto a rifiutare le cure e il cibo (art. 32). Ma nella pratica, per chi e' affetto da una malattia che causa l'incoscienza e l'incomunicabilita', anche temporanea, questo diritto (che e' anche diritto umano) non viene riconosciuto. Il testamento biologico e' semplicemente la regolamentazione di come il malato incosciente puo' esercitare il diritto di ogni altro cittadino, mettendolo per iscritto in anticipo. Davvero e' necessario il dialogo, le larghe intese, il confronto, la politica per arrivare a cio' a cui -come sempre- quasi ogni altro Paese e' gia' giunto da tempo? Forse dovremmo dialogare con chi, per motivi di fede religiosa e di convenienza politica, vuole ad ogni costo imporre a chi non puo' opporsi la propria idea di vita e di morte?
    Sara' bene ricordare anche che il Comitato Nazionale di Bioetica aveva gia' chiesto al legislatore di esprimersi in materia... e non e', questo Comitato, un covo di rivoluzionali individualisti...
    Purtroppo so gia' a cosa portera' il buon proposito annunciato dal ministro Turco. Verra' probabilmente introdotto –chissa' quando- il testamento biologico, ma questo potra' essere ignorato dal medico in caso di emergenza e/o rischio di vita per il paziente. Ovvero, verra' introdotto un testamento biologico che vale meno della carta su cui e' scritto. A cosa serve il testamento se poi puo' non essere attuato proprio quando dovrebbe servire, ovvero in caso di vita o di morte?
    Temo che la consueta invocazione al "confronto" e alle "larghe intese" che segue ormai ogni annuncio del nostro ministro sia un modo per apparire diversi da chi lo ha preceduto pur mantenendo inalterata, nella sostanza, la rotta gia' tracciata in passato.
    Spero vivamente di essere smentita.


  • Vita Morte
  • Protezione Salute
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Denunce
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO