TuttoTrading.it

29/08/2006 Vacanze ed Attentati. Attentati in Turchia: Aduc offre alcuni Consigli ai Turisti (LS, www.helpconsumatori.it)

  • Turismo Trasporti
  • Pagina TAV
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Viaggi e Vacanze
  • Ricerca personalizzata
    GIOCHI GIOCATTOLI
    Articoli da regalo
    Attività creative
    Bambole e accessori
    Bestseller generali
    Burattini e tetrini
    Calendari dell' avvento
    Collezionabili
    Costruzioni
    Elettronica per bambini
    Giocattoli da collezione
    Giocattoli prima infanzia
    Elettronica per bambini
    GIOCHI GIOCATTOLI
    Giocattoli da collezione
    Giocattoli prima infanzia
    Giochi di imitazione
    Giochi da tavola
    Giochi educativi
    Modellismi
    Peluche
    Personaggi Giocattolo
    Puzzle
    Sport Giochi Aperto
    Strumenti Musicali
    Veicoli

    Il sito ufficiale del ministero degli Affari Esteri (http://www.viaggiaresicuri.mae.aci.it), in questo momento, non riporta alcuna raccomandazione specifica legata agli attentati in Turchia. Ci sono indicazioni generali sulle precauzioni standard, ma l'ultimo aggiornamento è dello scorso 9 agosto. È quanto dichiara l'Aduc, alla quale giungono molte segnalazioni da parte di turisti o parenti di coloro che sono in viaggio in Turchia che chiedono come comportarsi.

    "Dal punto di vista contrattuale - sottolinea l'Aduc - non esistendo alcuna presa ufficiale di posizione che dia indicazioni di non partire per quel Paese, i contratti stipulati per gli specifici viaggi hanno valore al 100%. Questo non esclude, però, che l'operatore turistico possa decidere in modo diverso e più favorevole al consumatore, sia per l'interruzione del viaggio che per la non partenza; per cui è conveniente comunque chiedere al tour operator cosa pensa di fare in questa situazione".

    L'associazione consiglia anche, nel caso fosse stata stipulata una specifica assicurazione, di farla valere in questo contesto. Infatti, spiega l'Aduc, se nel frattempo il ministero degli Affari Esteri prende una qualche decisione e inserisce la Turchia fra i Paesi sconsigliati, è diritto del turista, per chi è in viaggio, tornare in Italia e avere il rimborso di quella parte dei servizi di cui non ha usufruito; mentre chi avrebbe dovuto partire ha diritto al rimborso ed, eventualmente, a scegliere un'altra destinazione usufruendo del medesimo importo che aveva versato, aggiungendo altri soldi se il costo è maggiore o usufruendo del rimborso della differenza se il costo è minore.

    Infine, l'ultimo consiglio di Aduc è quello di rivalersi nel caso in cui l'operatore turistico non fosse disponibile a ciò che invece è diritto del turista, con una raccomandata A/R di messa in mora. Sul sito dell'associazione si può trovare una scheda pratica che spiega come impostarla e come scriverla: http://www.aduc.it/dyn/sosonline/schedapratica/sche_mostra.php?Scheda=111051


  • Turismo Trasporti
  • Pagina TAV
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Viaggi e Vacanze
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO