TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 02/05/2008  Il papa in Australia dal 12 al 21 luglio. Ma rimane il problema dei visti (Mattia Bianchi, http://www.korazym.org)

    Ricerca personalizzata

    Inizierà il 12 luglio prossimo per concludersi il 21 la trasferta australiana di Benedetto XVI, in occasione della Giornata mondiale della gioventù. Lo ha annunciato la Prefettura della Casa Pontificia. Intanto, continua il caso dei visti.

    Inizierà il 12 luglio prossimo per concludersi il 21 la trasferta australiana di Benedetto XVI, in occasione della Giornata mondiale della gioventù. Lo ha annunciato nei giorni scorsi la Prefettura della Casa Pontificia rendendo noto il calendario degli impegni del papa per i prossimi mesi. La partenza da Roma è stata fissata tre giorni prima dell'inizio dell'evento, per permettere al papa di godere di tre giorni di riposo.

    La notizia è stata confermata oggi anche dal Comitato organizzatore della GMG e dall'arcivescovo di Sydney, cardinale George Pell, sottolineando che la località non può essere rivelata per motivi di sicurezza e di privacy, trattandosi di ''un capo di stato estero che chiede di avere del tempo in privato''. ''La sua prima visita in Australia sarà il viaggio più lungo che abbia mai intrapreso; - continua il cardinale - normalmente va in ferie in quel periodo dell'anno e ha deciso di trascorrere qui alcuni giorni, prima del suo incontro con i giovani''. 

    ''Ci è stato chiesto di scegliere una località adatta per la sua sosta - aggiunge il coordinatore della GMG, il vescovo Anthony Fisher - abbiamo raccomandato un luogo sereno, bello e adatto. Il papa avrà l'opportunità di ammirare le bellezze della nostra flora e fauna''. La località, dunque, rimane segreta anche se da anticipazioni di stampa, sarà vicino alla città di Darwin. Qui Benedetto XVI rimarrà fino al 17 luglio, per poi raggiungere Sydney, dove è prevista la cerimonia di benvenuto.

    Intanto, l'organizzazione continua a confrontarsi sul problema dei visti. In base a quanto riferisce il Sydney Morning Herald, citando dati del Dipartimento immigrazione, sono stati rilasciati finora 21.576 visti, il doppio rispetto ad un mese fa, ma assai meno delle aspettative. E se altre 4000 domande sono sotto esame, la soglia è decisamente inferiore al numero di 125mila pellegrini stranieri preventivati.

    Un dato che getta dubbi sul target di 225mila partecipanti. La Chiesa quindi spera nella registrazione di altri 100mila giovani, una procedura che deve concludersi con il pagamento entro l'inizio di giugno.

    http://www.korazym.org
    Quest'opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

  • Archivio Vaticano
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO