TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 15/04/2008 Per approfondire /1 Il papa negli Usa: l'eredità di Giovanni Paolo II (Angela Ambrogetti, http://www.korazym.org)

    Ricerca personalizzata

    Clicca qui per ingrandire|


    Benedetto XVI arriva negli Stati Uniti dopo i viaggi di Paolo VI e soprattutto, di Giovanni Paolo II, nel Paese per ben 5 volte. Ripercorriamo il filo di questa eredità che copre oltre 20 anni di storia.

    IL PRIMO VIAGGIO. “E’ arrivato a Boston alle 2.50 di lunedì 1 ottobre, in orario perfetto sul programma, mai più poi rispettato. Non viene come straniero, viene come campione della libertà e della speranza umana”. 1979: Giovanni Paolo II arriva negli Stati Uniti per la prima volta da papa. Padre Giovanni Giorgianni, gesuita, inviato della Radio Vaticana racconta così l’attesa di quell’arrivo. Sono i pensieri di uno scrittore più che di un giornalista. L’America aspetta la vista di quello che un giovane tassista di Boston definisce ”il vicepresidente di Dio”. A questo viaggio ne seguiranno altri, alcuni solo piccole tappe tra un paese e un altro, poi la Giornata Mondiale della Gioventù a Denver nel 1993. E per due volte Giovanni Paolo II parlerà alle Nazioni Unite.

    A New York, nel 1979, Giovanni Paolo II si rivolge alla folla riunita sulla Quinta strada davanti alla Cattedrale di San Patrizio e dice: “Una città deve avere un’anima, tocca a voi uomini darle quest’anima, amandovi a vicenda”. Parole forti per un città segnata dalla diffidenza e dall’egoismo, dalla differenza assoluta tra ricchi e poveri. Il punto più alto di popolarità e di entusiasmo nella Grande Mela in quel primo viaggio è al Madison Square Garden con 20mila giovani. Suonano, battono il tempo, gli regalano jeans e chitarra, lui li segue canticchiaando, tenendo in tempo, sorridendo, dialoga con lo sguardo. Poi dice: ”Se vi interrogate sul mistero di voi stessi, guardate a Cristo che vi dà il senso della vita”.

    Allo Yankee Stadium, lo stesso dove celebrerà la messa Benedetto XVI, Woytjla parla dei poveri a 75mila persone. Quei poveri che ha incontrato ad Harlem, nel Bronx, nella parte più diseredata della metropoli, quelli che lo hanno accolto come mai nessun altro. “Noi siamo il popolo della Pasqua -dice-alleluia è la nostra canzone”.


    Giovanni Paolo II con il presidente Jimmy Carter (Foto Ap)

    A Filadelfia, conquista la gente improvvisando in spagnolo, ringrazia chi alle 7,45 della mattina di un qualsiasi giovedì lo ha voluto incontrare davanti alla chiesa che custodisce le spoglie di Giovanni Neumann, il primo santo statunitense. Quella stessa sera si affaccia alla finestra della residenza di Chicago. Ha da poco incontrato i vescovi parlando di matrimoni, aborto, omosessualità, uguaglianza delle razze. Anche a Washington si affaccia al balcone della residenza. Sono passate le 22.00, ma non c’è il microfono, allora scende per salutare la gente.

    E l’ultimo giorno della vista, lo dedica a Maria. Alle 8.30 di mattina è già nel poderoso santuario nazionale della Immacolata Concezione, all’interno del campus della Catholic University of America. Ogni cappella laterale è legata ad un gruppo etnico. Ancora oggi una targa ricorda la sosta del papa davanti alla immagine di Nostra Signora di Czestochowa. E c’è poi la prima visita alla Casa Bianca, impensabile fino a pochi anni prima di quel ‘79. Pace, giustizia, disarmo: il papa e il presidente Carter in fotografie che segnano la storia.

    Non ha ancora 60 anni Giovanni Paolo II quando visita per la prima volta gli States, pellegrino della pace e della giustizia, si immerge nel mondo per annunciare il Vangelo. Negli Stati Uniti non c’è una maggioranza cattolica, eppure Karol Wojtyla polarizza l’attenzione di tutta una nazione. Non è solo il fascino della sua personalità, è la speranza di qualcosa di diverso, di superiore. Amabile nell’ incontro, inflessibile nell’annuncio della dottrina, suscita un entusiasmo assoluto. Alla Casa Bianca dice: “Col permesso del presidente vi benedico”. Alla folla in delirio fuori della residenza che gli urla “JP II we love you” risponde: “Dirò al presidente che è colpa vostra se ritardo”.


    Giovanni Paolo II con il presidente George Reagan

    IL SECONDO VIAGGIO. E’ già il 1987 quando il papa torna negli Stati Uniti per un vero viaggio. Il presidente è Ronald Reagan. A Miami parla di libertà: ”L’unica libertà che si possa veramente soddisfare è la libertà di fare ciò che abbiamo il dovere di fare come esseri ukmani creati da Dio secondo il suo disegno”. E ai giovani di New Orleans dice: “ Voi giovani siete orgogliosi di vivere in un paese libero, ma non siete veramente liberi se vivete sotto il potere dell’errore e della falsità, o dell’inganno o del peccato”.

    A Los Angeles, nella città tempio del cinema, della fantasia che diventa realtà, incontra gli operatori dei mass-media: ”Lavorando costantemente con le immagini, subite la tentazione di scambiarle per la realtà, ma dovete coltivare l’integrità consona alla vostra dignità umana. Non lasciate che il vostro lavoro vi guidi ciecamente, perché se il lavoro vi rende schiavi presto renderete schiava la vostra arte”.

    IL TERZO VIAGGIO. 1993, Denver. C’è preoccupazione per la logistica e la sicurezza. La Giornata mondiale della gioventù riunisce centinaia di migliaia di giovani. Ma è un successo. A ricevere il pontefice è ancora un altro presidente Bill Clinton, gli regala un bastone da passeggio con l’impugnatura a forma d’angelo. Il papa lo usa per le escursioni sulle Montagne Rocciose. Ai ragazzi parla sempre con la chiarezza che non ammette ombre. Condanna aborto, eutanasia e la tendenza a “considerare la persona come merce”. Un combattimento apocalittico della morte contro la vita. “Nel nostro secolo ,come mai prima nella storia, la cultura della morte ha assunto una forma sociale ed istituzionale di legalità”. A salutarlo all’aereoporto di Denver è il vice presidente Al Gore.” Siamo tornati tutti ringiovaniti”, dichiara il papa.

    IL QUARTO VIAGGIO. Nel 1995, la visita del papa ha uno scopo preciso: il discorso alle Nazione Unite. Ma non è una visita politica, piuttosto pastorale come ricorda lo stesso Giovanni Paolo II ai giornalisti che lo seguono nella consueta conferenza stampa in aereo. In 15 discorsi richiama alla sua responsabilità la più grande potenza rimasta nel mondo dopo il crollo dell’Unione Sovietica. All’ONU lancia lo slogan della “famiglia di nazioni”, tragicamente inascoltato. “La libertà - dice alla Assemblea Generale riunita per l’occasione - non è semplicemente assenza di tirannia o licenza di fare tutto ciò che si vuole. Essa è ordinata alla verità e si realizza nella ricerca e nella attuazione della verità”.


    Giovanni Paolo II con il presidente Bill Clinton

    IL QUINTO VIAGGIO. L’ultima visita di Giovanni Paolo II negli Usa fa parte del suo 85mo viaggio apostolico in Messico. Il papa non ha più l’energia fisica del '79. E’ anziano, minato dal Parkinson, porta le conseguenze dell’attentato del 1981, della frattura del femore del 1994 e di altri incidenti che gli rendono faticoso il camminare e persino parlare. Porta all’America il documento finale del Sinodo continentale che ha voluto a Roma e che ha impegnato nel 1997 per un mese vescovi e cardinali dopo cinque anni di preparazione.

    A Saint Louis, è ancora Clinton a riceverlo e lo saluta come “messaggero di dialogo e di pace e dei diritti umani”. Il clima però non è più quello della prima trionfale visita. Ciò nonostante, il papa ottiene che la pena di morte di un pluriomicida venga commutata in ergastolo dal governatore del Missouri. Il “gran finale di una visita difficile”, scrivono i giornali. A mezzogiorno del 28 gennaio del 1999 l’aereo del papa atterra a Ciampino. Non ci saranno altri incontri con gli statunitensi sul suolo americano.

    Salutando e ringraziando tutti nella cattedrale di Saint Louis aveva parlato di una vecchia, nostalgica canzone: “Alcuni mesi fa, pellegrini provenienti da St. Louis giunsero a Roma. Ci incontrammo sul sagrato a San Pietro, dove cantarono: 'Incontrami a St. Louis... incontrami nella Cattedrale'. Con l'aiuto di Dio lo abbiamo fatto. Ricorderò sempre St. Louis. Ricorderò sempre tutti voi. Dio benedica St. Louis! Dio benedica l'America!”.

    La foto: Giovanni Paolo II insieme ai presidenti Bill Clinton e Ronald Reagan

    http://www.korazym.org
    Quest'opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

  • Archivio Vaticano
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO