TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 24/03/2005 Via Crucis 2005 al Colosseo. Meditazioni e preghiere II (Jan van Elzen, http://www.korazym.org)

    11/11/2006 Il papa in Turchia. Presentato il programma del viaggio, ma mancano i dettagli (Matteo Spicuglia, http://www.korazym.org)

    Ricerca personalizzata

    La sala stampa della Santa Sede rende noto il programma della visita di fine novembre, ma senza fornire orari e dettagli. Il contenuto delle quattro giornate del papa è stato tuttavia anticipato nelle scorse settimane. Facciamo il punto...

  • Il programma diffuso dalla sala stampa della Santa Sede

    CITTÀ DEL VATICANO - La dimensione ecumenica e il dialogo con l’Islam, l’incontro con i cattolici e la difesa della minoranze, per quattro giornate fitte di incontri e celebrazioni con quattro trasferimenti aerei e otto discorsi. Sono i tratti salienti del programma del Viaggio Apostolico di Sua Santità Benedetto XVI in Turchia, reso noto stamani dalla Sala Stampa della Santa Sede. Partenza il 28 novembre e rientro il 1° dicembre, con tappe ad Ankara, Efeso (Smirne) e Istanbul.

    Le dinamiche della pubblicazione sono piuttosto singolari, sia per la tempistica (di solito il programma viene presentato almeno un mese prima del viaggio) che per la forma. Se si escludono i riferimenti dei voli di andata e di ritorno, infatti, il testo sorprende per la sua essenzialità: nessun dettaglio sugli orari e gli spostamenti del papa e nessuna descrizione degli appuntamenti in agenda, ma solo un elenco stringato di quanto previsto ogni giorno. Una scelta legata molto probabilmente a motivi di sicurezza, anche se non sono da escludere motivazioni politiche.

    Il viaggio appare significativo soprattutto per gli incontri di carattere ecumenico con il patriarca ecumenico S.S. Bartolomeo I, il patriarca armeno apostolico S. B. Mesrop II e il metropolita siro ortodosso Filüksinos, ma anche per quelli politico-religiosi, con il gran rabbino della Turchia e il presidente per gli Affari religiosi, prof. Alì Bardakoğlu, alla guida della Diyanet, l’organismo che amministra il culto islamico in Turchia. L’appuntamento, previsto il pomeriggio del 28 novembre - a cui parteciperanno anche le massime autorità religiose musulmane del Paese, tra cui i gran muftì di Ankara e di Istanbul - è stato organizzato in modo minuzioso dopo le proteste islamiche contro le parole del papa a Regensburg e rappresenta un’occasione significativa per chiudere una volta per tutte la questione.

    Nelle ultime settimane, il programma è stato al centro di trattative serrate, come spiegato da fonti turche, secondo cui il confronto avrebbe riguardato anche la scelta dei luoghi (specie per gli incontri politici), in un Paese dove i simboli e gli equilibri mantengono intatto il loro valore. Un esempio concreto? La presenza di comandanti militari tra le autorità che accoglieranno e congederanno il papa agli aeroporti di Ankara, Izmir e Istanbul: un segno evidente del ruolo che l’esercito ricopre nel Paese e a cui non intende rinunciare (vedi l’articolo di Korazym

  • “Turchia, le incognite sul viaggio del papa"

    Nonostante l’annuncio stringato dato dalla Sala Stampa della Santa Sede, il programma dettagliato è stato comunque già anticipato nelle scorse settimane da ambienti della Conferenza episcopale turca, dai cardinali Walter Kasper e Paul Poupard, del patriarcato ecumenico, da fonti governative e dai media turchi. Ma è bene andare per ordine.
     

     Martedì 28 novembre. Benedetto XVI partirà alle ore 9 dall’aeroporto di Fiumicino con un volo Alitalia per arrivare in Turchia alle 13, ora locale.

  • Come anticipato da Korazym.org,

    all’aeroporto internazionale di Ankara non è prevista alcuna cerimonia di benvenuto. Ad accogliere il papa, saranno un ministro delegato dal Governo, il governatore e il comandante militare della Regione, e il sindaco di Ankara, oltre al picchetto d’onore militare. Subito dopo, è prevista la visita al mausoleo di Atatürk ad Ankara, con l’omaggio del papa al padre della Turchia laica, nata sulle ceneri dell’Impero ottomano. Il pomeriggio sarà poi scandito da incontri politici, a cominciare da quello con il presidente della Repubblica che riceverà il papa al palazzo presidenziale per una cerimonia di benvenuto che non prevede discorsi pubblici.

    A seguire, l’incontro con il vice primo ministro, in sostituzione del primo ministro Recep Tayyip Erdogan, impegnato a Riga, in Lettonia, per il vertice della Nato. Su questo punto c'è ancora molta incertezza, come spiega il quotidiano turco Sabah, che fa riferimento all'assenza di Erdogan, ma anche a quelle del ministro Gül e del ministro degli Affari religiosi, Mehmet Aydin. Uno stato di cose che si ripercuoterebbe anche nell'accoglienza all'aeroporto, dove, secondo il quotidiano, ad aspettare il papa non dovrebbe esserci alcun ministro, ma Oya Tuzcuoğlu, direttrice generale del protocollo del ministero degli Affari Esteri. 

    Tornando al programma, una volta lasciato il palazzo presidenziale, per Benedetto XVI arriva uno degli appuntamenti più attesi: l’incontro con il presidente per gli Affari religiosi, prof. Ali Bardakoğlu, nella sede della stessa presidenza (la Diyanet). Si tratta di una tappa importante della visita, aggiunta con tutta probabilità dopo la crisi seguita alle parole del papa a Regensburg. Benedetto XVI avrebbe incontrato in ogni caso il presidente della Diyanet (forse per un breve saluto a margine dell’incontro con altre autorità), ma dopo le polemiche con il mondo islamico, all’appuntamento è stata data una solennità inedita, con tanto di dichiarazioni e scambio di discorsi e l’intervento del ministro per gli Affari religiosi e alte personalità islamiche del Paese, tra cui i Gran Muftì di Ankara e di Istanbul. Il papa e Bardakoğlu parleranno nello studio privato di quest’ultimo per poi pronunciare due brevi discorsi alla presenza dei mass media internazionali. Nel tardo pomeriggio, infine, l’incontro con il Corpo diplomatico che si svolgerà nella Nunziatura Apostolica, con un ulteriore discorso del pontefice.

    Mercoledì 29 novembre. La seconda giornata del papa in Turchia si svolgerà ad Efeso (Smirne) con arrivo all’aeroporto di Izmir in mattinata. Nel piazzale del Santuario di Meryem Ana Evì (Casa della Madre Maria), Benedetto XVI celebrerà una Santa Messa  alla presenza di circa 1.500-2mila persone, a cui seguirà il pranzo con i cardinali e i vescovi del seguito papale nel convento dei Cappuccini. Nel tardo pomeriggio, partenza sempre da Izmir con arrivo a Istanbul, dove il papa sarà accolto dal governatore, dal comandante militare e dal sindaco della città, ma anche dagli ordinari cattolici di Istanbul, dal patriarca ecumenico Bartolomeo I, dal patriarca armeno apostolico Mesrop II e dal metropolita siro-ortodosso Filüksinos Yusuf Cetin. Seguirà subito la visita di preghiera alla chiesa patriarcale di San Giorgio e l’incontro con Bartolomeo I nella sede del Phanar, dove è previsto un breve servizio di preghiera con il saluto del pontefice. 

     Giovedì 30 novembre. Il giorno delle celebrazioni per la festa di Sant’Andrea, motivo principale della visita del papa nel Paese, si apre con la Santa Messa in privato nella cappella della Rappresentanza pontificia. In mattinata, è previsto invece l’arrivo al patriarcato ecumenico dove Benedetto XVI assisterà alla Divina Liturgia e pronuncerà un discorso, salvo poi inaugurare una lapide in memoria dei tre pontefici che hanno visitato il patriarcato (Paolo VI, Giovanni Paolo II e Benedetto XVI). Poco dopo mezzogiorno, sempre al Phanar, l’evento più significativo con la benedizione comune dei fedeli (in latino e greco) e la firma della Dichiarazione Congiunta del papa e del patriarca ecumenico, che rappresenterà un’ulteriore tappa sulla strada del dialogo tra cattolici e ortodossi. A seguire, il pranzo sempre al Phanar, la sede del patriarcato ecumenico e il rientro alla Rappresentanza pontificia.

    Come spiegato da mons. Vincenzo Paglia, vescovo di Terni e presidente della Commissione episcopale per l’ecumenismo e il dialogo della Conferenza episcopale italiana, la dichiarazione congiunta potrebbe rappresentare una nuova tappa del confronto tra cattolici e ortodossi sul primato petrino, ovvero sul ruolo e la giurisdizione del papa di Roma. “Non c’è dubbio che arriverà qualche novità, - ha detto il prelato all’agenzia Adnkronos - anche perché questo incontro arriva dopo la riunione della Commissione cattolico-ortodossa che si è tenuta a Belgrado e che ha affrontato proprio questo tema”.

    Nel pomeriggio, poi, il papa dovrebbe visitare il museo di Santa Sofia, basilica fino al 1453 e poi moschea fino al 1923, per poi arrivare alla cattedrale armena apostolica di Santa Maria per una visita di preghiera e l’incontro con il patriarca armeno apostolico Mesrop II. Il pontefice entrerà nella cattedrale a capo di una processione per partecipare ad una breve liturgia della Parola che prevede un saluto e la benedizione dei fedeli. Al termine, incontro privato con Mesrop II e la presentazione delle rispettive delegazioni. Ma Benedetto XVI incontrerà anche altri rappresentanti religiosi: il metropolita siro-ortodosso e il gran rabbino della Turchia, che saranno ricevuti verso sera nella Rappresentanza pontificia. A cena, infine, l’incontro con la Conferenza episcopale turca.

    Venerdì 1° dicembre. L’ultima giornata della visita sarà dedicata totalmente alla comunità cattolica locale. Aggiunta al programma solo in un secondo momento, essa ruota intorno alla Santa Messa celebrata dal pontefice nella cattedrale cattolica dello Spirito Santo, a cui parteciperanno anche il patriarca ecumenico, il patriarca armeno apostolico, il metropolita siro-ortodosso e i rappresentanti delle Chiese protestanti. Prima della celebrazione, che avrà carattere interrituale, sarà inaugurata una statua di papa Benedetto XV, in ricordo del suo impegno in favore delle vittime della guerra del 1915-18 e un’altra dedicata a papa Giovanni XXIII, già nunzio apostolico in Turchia. Al termine della messa, il trasferimento all’aeroporto di Istanbul con il saluto delle autorità, dei membri della Conferenza episcopale cattolica turca, del patriarca ecumenico, del patriarca armeno apostolico e del metropolita siro-ortodosso. La partenza da Istanbul è prevista alle 13,15, con rientro a Roma alle 14,45.



    http://www.korazym.org

  • Archivio Notizie Papa ed Islam
  • Archivio Vaticano
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO