TuttoTrading.it

 Questo sito
  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • M5S TDG
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading.




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics
  • 20/09/2018 Primavera Ecologica, Rigattieri abusivi di altre città, amianto abbandonato

    Ricerca personalizzata




    20/09/2018 Una tonnellata e seicento chili di rifiuti abbandonati in periferia: rimossi. Inizia la “Primavera Ecologica”

    Pietro De Rosa, assessore all’Igiene Urbana del Comune di Torre del Greco, l’ha ribattezzata “Primavera ecologica”: un augurio per la rinascita delle pinete e delle periferie di Torre del Greco che da anni sono soffocate da rifiuti pericolosi. Una primavera settembrina che ha richiesto una giornata di lavoro e l’impiego di operai del Comune e di una ditta specializzata nel recupero e nella rimozione della spazzatura.

    Il risultato, alla fine della mattinata, è stato sorprendente: si era accumulata una tonnellata e seicento chili di immondizia pericolosa per la salute dell’uomo e dell’ambiente. L’intervento ha interessato varie zone della città tra le quali via Monti di Resina, via La Maria – ex Frantoio, parcheggio Palatucci e via Del Lavoro. Il materiale più pericoloso ritrovato, sono state le guaine bituminose altamente inquinanti perché possono contenere amianto. La polizia municipale multa 85 persone: arrivano da #Ercolano e #TorreAnnunziata per sversare rifiuti a tutte le ore.

    20/09/2018 Rigattieri abusivi e residenti in altre città ingolfavano di rifiuti gli Eco Punti. Nel mirino della polizia municipale di Torre del Greco 85 persone. Multe e sequestri

    È stata un’operazione capillare e sistematica. Gli agenti di polizia municipale di Torre del Greco, coordinati dal comandante Salvatore Visone, per sette giorni hanno pattugliato le isole ecologiche del centro e della periferia usando le telecamere di sorveglianza e le auto civetta e indossando abiti civili. Un monitoraggio finalizzato alla repressione degli sversamenti illegali che ormai da mesi stanno trasformando la città in una discarica a cielo aperto. Ma i controlli hanno messo in evidenza ciò che da tempo l’assessore all’Igiene Urbana, Pietro De Rosa e il sindaco Giovanni Palomba, sostengono: gran parte degli ingombranti che insozzano gli Eco Punti e i siti di prossimità, vengono scaricati da persone che vivono a Ercolano e Torre Annunziata. Molti sono rigattieri non autorizzati che svuotano case e cantine ignorando qualsiasi regola e infrangendo tutte le leggi.

    Le pattuglie ridotte all’osso per carenza di organico, hanno lavorato senza sosta anche per venti ore di seguito: preziose sono state le telecamere che sorvegliano le cosiddette isole ecologiche. L’occhio telematico, infatti, ha consentito agli uomini e alle donne della centrale operativa del comando di largo Comizi, di osservare e registrare i movimenti delle auto e dei furgoncini e di segnalare in tempo reale agli agenti dislocati sul territorio, i trasgressori che sono stati colti in flagrante. Un lavoro massacrante che andrà avanti anche nelle prossime settimane nonostante le difficoltà di organico.

    In sette giorni, sono state multate ottantacinque persone per inosservanza dell’ordinanza sindacale che vietava il deposito di spazzatura in orari diversi da quelli stabiliti dall’amministrazione comunale: ovvero dalle 17 alle 23 negli Eco Punti e dalle 19 alle 23 nei siti di prossimità. Molti trasgressori identificati dagli agenti di polizia municipale, avevano la residenza nei comuni limitrofi.

    Ma nell’elenco dei poliziotti comunali sono finiti anche cinque titolari di furgoncini, probabilmente rigattieri abusivi, che sono stati sorpresi ad abbandonare mobili, materassi, elettrodomestici e suppellettili. A tutti sono stati sequestrati i veicoli che erano stracolmi di rifiuti e materiale ingombrante.

    Dieci persone sono state multate perché i mezzi erano senza copertura assicurativa; altri dieci non avevano la revisione e cinque non avevano la patente.

    20/09/2018 Amianto abbandonato per strada: bonificate via Monti di Resina, viale Sardegna e via Montagnelle. A Torre del Greco continua la Primavera Ecologica

    È ancora “Primavera Ecololgica” a Torre del Greco. Nel giorno di San Gennaro, gli operai del Comune, coadiuvati da una ditta specializzata, hanno bonificato via Monti di Resina, viale Sardegna dove c’è il mercato ortofrutticolo e via Montagnelle: sono state recuperate alcune tonnellate di cemento amianto, meglio conosciuto come eternit. Gli operai hanno rimosso e bonificato pericolosissimi accumuli delle cosiddette onduline contenenti amianto, le cui particelle, disperse nell’aria, causano diverse tipologie di cancro polmonare.

    “Stiamo affrontando il problema della gestione rifiuti a tutto tondo” spiega l’assessore all’Igiene Ambientale, Pietro De Rosa. “Cerchiamo di salvaguardare valori assoluti, come la salute dei nostri concittadini, senza tralasciare aspetti altrettanto importanti, come il decoro cittadino”.

    La Primavera Ecologica, così ribattezzata proprio dall’assessore De Rosa, continuerà anche nei prossimi giorni con la pulizia radicale delle periferie che vengono prese di mira dagli sciacalli che scaricano immondizia e rifiuti pericolosi dovunque. Una battaglia contro l’inciviltà alla quale stanno contribuendo in questi giorni anche gli agenti di polizia municipale coordinati dal comandante Salvatore Visone che pattugliano isole ecologiche, siti di prossimità e zone periferiche per tentare di mantenere la città e le pinete pulite.

  • http://www.mariellaromano.com

    Quest'opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

  • Archivio Torre del Greco news
  • Info Torre del Greco Rifiuti
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO