TuttoTrading.it

22/10/2011 Torre del Greco, scontro nel Pdl sulla discarica: il sindaco aggrappato a un solo voto (Alberto Dortucci, http://www.metropolisweb.it)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attività creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

La crisi era stata «anticipata» dal sindaco Ciro Borriello con la revoca delle deleghe all’assessore Vittorio Guarino. Adesso è ufficiale, come confermano i «numeri» in consiglio comunale: la maggioranza guidata dall’ex deputato di Forza Italia è appesa a un solo voto, spaccata sulla realizzazione dell’impianto per il trattamento della frazione secca-indifferenziata a Leopardi.

Spaccata al punto che perfino l’ordine del giorno promosso da quattro esponenti del Pdl e «corretto in corsa» da tutti gli alleati - sindaco in testa - per promuovere il referendum popolare sulla maxi discarica è stato approvato con solo 16 sì. E non senza pesanti (auto)critiche all’interno della maggioranza.

In aperto dissenso con il progetto che trasformerebbe le ex cave di villa Inglese nella pattumiera del Vesuvio, il capogruppo di Insieme per la città Domenico Brancaccio - polemicamente assente, dopo lo «schiaffo» rifilato dal sindaco a Vittorio Guarino - e Carmine Gentile, strategicamente defilato al momento del voto.

Durissimo, invece, l’affondo di Michele Germano: «Sono contrario a portare i rifiuti nelle ex cave di villa Inglese - le parole dell’esponente del Pdl, storicamente legato al territorio di Leopardi -. Non serve il referendum, la politica si deve assumere la responsabilità di dire no a una bomba ecologica in un territorio già mortificato sotto il profilo ambientale e alle prese con l’incubo del depuratore dei veleni».

 A gettare benzina sul fuoco che rischia di bruciare l’ex deputato di Forza Italia, le parole di Gennaro Granato, il capo dei «dissidenti» del Pdl. Pronto a replicare alle accuse di «referendum-farsa» volate dai banchi dell’opposizione lanciando chiari segnali di guerra in vista della discussione sul piano urbanistico comunale: «Per tutelare il territorio  - il concetto espresso dallo storico leader del centrodestra all’ombra del Vesuvio - potremo inserire un’apposita clausola nel Puc per legare il progetto all’esito della consultazione popolare».

Insomma, lo scontro su monnezza town è solo all’inizio e il via libera al «referendum-farsa» non cancella i contrasti interni al Pdl. Anzi. “Registriamo che la maggioranza - afferma il segretario cittadino del Pd, Vittorio Cuciniello - ha imposto l’altolà al sindaco sulla gestione dell’affare rifiuti a Torre del Greco.

Certo, ci saremmo aspettati maggiore incisività sulla scelta: un no netto da subito, anche perché il referendum è uno strumento al momento inutilizzabile.

Abbiamo l’impressione che la maggioranza abbia solo voluto rinviare il problema a dopo le elezioni, ma su una vicenda così delicata non è più tempo di tatticismi: Torre del Greco non può ospitare l’impianto per il secco-indifferenziato e il sindaco deve ritirare definitivamente la propria disponibilità».

Sulla stessa lunghezza d’onda, il capogruppo dell’Udeur: «In consiglio comunale il sindaco è stato di fatto abbandonato dalla sua maggioranza - osserva l’avvocato Massimo Meo -. La decisione di Ciro Borriello di realizzare un nuovo ecomostro a Leopardi è stata respinta, dopo settimane di contrasti e lotte intestine, dai suoi stessi alleati.

I gruppi di opposizione, dopo avere smascherato per primi questo scellerato progetto, vigileremo, coinvolgeremo la popolazione e faremo tutte le battaglie necessarie per scongiurare l’ennesimo tentativo di fare scempio del nostro territorio».

http://www.metropolisweb.it

21/10/2011 Torre del Greco, ancora un cambio tra gli assessori

Ieri, in consiglio comunale, Vittorio Guarino è stato estromesso e non è più assessore.

Ciro Borriello ha assegnato l'assessorato al consigliere Luccio, sottraendo le deleghe allo sport e ai rapporti con il clero. Nel consiglio comunale svoltosi ieri sera a Palazzo Baronale il cambio già effettuato ha fatto discutere non poco ma si è fatto il collegameento con la sua fedeltà al consigliere provinciale Alfonso Ascione, in forte lite proprio con il sindaco per le divergenze di ideesul sito di raccolta rifiuti a Santa Maria La Bruna.

  • Circuito completo Vedelago

  • Archivio Torre del Greco News
  • Archivio Rifiuti
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO