TuttoTrading.it



SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO


    INFO
  • Acqua
  • Aliment.
  • Ambiente
  • Automot.
  • Balneab.
  • Banche
  • Bookcr.
  • Buttol
  • Case
  • acqua
  • Colorare
  • Decoro
  • urbano
  • Decresc.
  • dividendi
  • Donne
  • Economia
  • Economia
  • circol.
  • Energia
  • En.rinnov.
  • Famiglia
  • Finanza
  • Foto
  • Giardini
  • Giornata
  • memoria
  • G.foibe
  • Inquin.
  • M'illumino
  • dimeno
  • M5S TDG
  • Ora sol.
  • legale
  • Peso
  • rifiuti
  • Pishing
  • Politica
  • Raccolta
  • bott.
  • Olio
  • esausto
  • Rassegna
  • Riciclo
  • Rifiuti
  • R.affetto
  • R.zero
  • R.verde
  • S.mare
  • Scuole
  • ricicl.
  • Social
  • street
  • Solidar.
  • Shopping
  • Spoofing
  • Storia
  • TDG
  • News
  • Tumori rif.
  • Tutto
  • droga
  • T.racc.
  • differ.
  • T.droga
  • T.scuola
  • Violenza
  • V.rendere


  • 12/04/2008 Sono moltissimi in tutta Italia e sono conosciuti anche con il nome di GAS (http://www.letribu.it)

    Ricerca personalizzata

    Sono moltissimi in tutta Italia e sono conosciuti anche con il nome di GAS.
    L'idea è semplice. Unirsi, mettersi insieme per acquisti all'ingrosso utilizzando il concetto di solidarietà e giustizia come criteri guida nella scelta dei prodotti e riflettendo sui propri modelli di consumo.

    PRODOTTI: INTRODUZIONE

    Il commercio equo e solidale nasce per smascherare le ingiustizie perpetuate a danno dei lavoratori del Sud del Mondo negli scambi commerciali internazionali. E’ ingiusto che chi coltiva banane venga irrorato da pesticidi e pagato una miseria, che bambini di pochi anni lavorino nelle piantagioni di cacao, che le donne siano sottomesse ad un sistema patriarcale, che i lavoratori non possono mandare i loro figli a scuola e assicurargli l’assistenza medica. E quindi grazie a questo sistema le multinazionali accrescono i loro profitti.
    In questa sezione racconteremo, le storie di contadini, artigiani e delle loro famiglie che attraverso il commercio equo e solidale hanno riconquistato una dignità anche grazie all’impegno dei volontari dell’associazione Le Tribù.

    La nostra associazione condivide e rispetta i principi della carta italiana dei criteri del commercio equo e solidale, la quale enuncia i valori e i parametri standard delle organizzazioni facenti parte del movimento del commercio equo e solidale; tale carta può essere visionata sul sito http://www.commercioequo.org/carta_dei_criteri.htm .

    Al punto 3.17 della succitata carta dei criteri, si dice: “tutte le organizzazioni di commercio equo e solidale devono garantire trasparenza nella gestione economica con particolare riferimento alle retribuzioni”. La nostra associazione vuole quindi precisare, tramite questo opuscolo, alcune caratteristiche della nostra gestione economico-organizzativa, per qualsiasi approfondimento vi invitiamo a contattarci.

    Prodotti del commercio equo e solidale:
     

  • i prodotti provengono da progetti di solidarietà, generalmente in paesi del Sud del Mondo;
  • i prodotti sono importati da organizzazioni no-profit, secondo dei criteri di priorità in base alla valenza sociale dei progetti; la nostra associazione lavora principalmente con CTM, un consorzio formato in massima parte dalle stesse associazioni di commercio equo italiane;
  • nella distribuzione dei prodotti si cerca di garantire ai consumatori un prezzo e un percorso di produzione trasparente (tracciabilità), che riveli il reale vantaggio dei produttori;
  • i prezzi dei prodotti sono fissi in tutta Italia (non discrezionali) e vengono stabiliti periodicamente in modo da garantire anzitutto i produttori, oltre a seguire l’andamento e la buona riuscita dei progetti;
  • si tendono a favorire prodotti che siano espressione delle culture locali, valorizzando in tal modo l’interculturalità;
  • si prediligono le produzioni agricole e artigianali che abbiano un minor impatto in ambientale e una maggiore tutela del produttore e del consumatore attraverso l’agricoltura biologica.

    I Progetti del commercio equo e solidale:
  • i progetti hanno la finalità di rispettare e valorizzare il lavoro dei produttori, pagando loro un prezzo equo che gli permetta di vivere in condizioni dignitose, sottraendoli ai tradizionali circuiti di sfruttamento alimentati dal libero mercato;
  • i progetti tengono in conto l’impatto ambientale, in particolare per la salvaguardia delle foreste e degli altri ecosistemi; si tende ad utilizzare al minimo i concimi non organici, non vengono utilizzati concimi chimici proibiti in molti paesi (ma molto diffusi nel Sud del Mondo), si privilegiano le produzioni biologiche.
  • i progetti sono vere forme di cooperazione per l’autodeterminazione e sviluppo dei diritti umani delle comunità locali.


  • Per saperne di più:

  • Associazione Le Tribù

    http://www.letribu.it

  • Torre del Greco News
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti

    Clicca qui!

    VAI ALLA MAPPA DEL SITO