TuttoTrading.it

20/01/2009 TLC. Dtt, oggi al via IV Conferenza, Adiconsum: "Problemi permangono ma siamo fiduciosi" (VC, http://www.helpconsumatori.it)

Ricerca personalizzata

Inizia oggi la IV Conferenza nazionale sulla tv digitale. Nel commentare la notizia, Adiconsum plaude ai frutti prodotti dall'intenso dialogo sul tema con le istituzioni. NascerÓ, infatti, "Tiv¨", la televisione digitale come da anni la chiedevano i consumatori. Con Tiv¨, infatti, tutti i canali presenti sul digitale terrestre, per ora con esclusione delle pay, saranno visibili anche sullo stesso satellite dove trasmette SKY. Ci˛ significa all'atto pratico che tutti i programmi Rai si potranno vedere con il satellite senza correre il rischio di trovare lo schermo nero perchÚ criptati e che si potranno vedere tutti i canali che sono sul terrestre, come RAI4 e Iris.

Il servizio pubblico potrÓ finalmente mantenere gli impegni presi con il contratto di servizio.

Secondo Adiconsum, l'apertura a nuove piattaforme Ŕ stata possibile grazie alla nascita del Comitato Italia Digitale che prevede anche la rappresentanza dei consumatori. Attualmente, grazie all'impegno dell'attuale Esecutivo, si Ŕ passati dal contrasto al dialogo. Infatti, ben tre rappresentanti del Consiglio Nazionale dei Consumatori e Utenti (CNCU) sono nel Comitato; dei tre, due in particolare ricoprono ruoli ben definiti: uno Ŕ coordinatore del gruppo di lavoro dedicato alla comunicazione ed assistenza utenti ed uno Ŕ membro del gruppo dedicato a rilevamenti e dati.

Inoltre, in questo ultimo anno il dialogo Ŕ cresciuto, grazie anche alla creazione da parte della Confindustria (ANIE) di un panel sulla tv digitale che riunisce ogni mese tutti i componenti della filiera.

Nel 2009 tantissimi italiani (quelli delle regioni Trentino,Valle D'Aosta, Piemonte, Lazio, Campania) - ricorda Adiconsum - vedranno la chiusura del segnale analogico terrestre e dovranno utilizzare solo la tv digitale e, come accaduto in Sardegna, dovranno essere assistiti in questo passaggio. Istituzioni e associazioni consumatori stanno lavorando per rendere il passaggio al digitale meno difficoltoso, a partire da una comunicazione istituzionale pi¨ completa, corretta, trasparente, e una maggiore tutela delle fasce pi¨ deboli.

I problemi, permangono, ma rimaniamo comunque fiduciosi, perchÚ il dialogo finora sta portando frutti. Siamo consapevoli che la televisione non pu˛ rimanere l'unico media analogico, ma siamo altrettanto convinti che la tv Ŕ l'industria con maggior reddito e che quindi cambiare tecnologia deve essere conveniente soprattutto al cittadino che non deve sostenerne i costi di cambi tecnologici.

http://www.helpconsumatori.it

  • Archivio Telecomunicazioni
  • Ricerca personalizzata