TuttoTrading.it

18/02/2011 La Lega fa opposizione sull’Unità d’Italia. Ma vota la bozza Alfano sulla Giustizia (http://www.ilfattoquotidiano.it)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attività creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

Le due facce del governo: blindato sulla giustizia, con voto unanime sulla bozza di riforma Alfano, tanto da convocare un Cdm straordinario per approvarla. E diviso sulla festa dell’Unità d’Italia, che viene approvata nonostante la ferma opposizione della Lega. Il ministro Roberto Calderoli, dunque, vota a scatola chiusa la proposta Alfano, ma sceglie di dare battaglia sul 17 marzo, nonostante sia una celebrazione una tantum. “Incostituzionale”, dice.

Nulla a che vedere con le presunte tentazioni secessioniste del suo partito, ci mancherebbe. Calderoli ne fa una questione puramente economica. Anzi, giuridica. “Fare un decreto legge – dice – per istituire la festività del 17 marzo, un decreto legge privo di copertura, in un Paese che ha il primo debito pubblico europeo e il terzo a livello mondiale e in più farlo in un momento di crisi economica internazionale è pura follia. Ed è anche incostituzionale. Come ho già detto sono e resto contrario alla decisione di non far lavorare il Paese il 17 di marzo, sia per il costo diretto che è insito in una festività con effetti civili che per quello indiretto, che proverrà dallo stimolo di allungare la festività in un ponte da giovedì fino a domenica. Se vogliamo rilanciare davvero il Pil di questo Paese con il decreto legge di oggi abbiamo fatto l’esatto contrario”, conclude.

Il ministro Ignazio La Russa getta acqua sul fuoco, parla di un “garbato dissenso” dei leghisti e aggiunge che sarebbe stato assurdo quest’anno fermarsi il Primo maggio, festa dei lavoratori, e non il 17 marzo, festa di tutti”. In realtà, però, chi chiedeva che l’Unità d’Italia non si celebrasse con un giorno festivo ha avuto la sua vittoria. E’ stato lo stesso La Russa a dire che “i lavoratori percepiranno il festivo il 17 marzo, ma non il 4 novembre. Il decreto legge trasferisce gli effetti economici, gli istituti giuridici e contrattuali della festa del 4 novembre al 17 marzo”. Ma il quattro novembre, ricorrenza dell’armistizio di Villa Giusti in cui fu firmata la resa dell’impero austro-ungarico all’Italia, è una data storica proprio per l’Unità d’Italia: è storicamente noto, ma soprattutto è scritto sul sito stesso dell’esercito italiano che fa capo al ministro della Difesa La Russa: “Il 4 Novembre, una data storica per l’Italia. Data in cui si completava, con la fine della Prima Guerra Mondiale, il ciclo delle campagne nazionali per l’Unità d’Italia. Un cammino lungo, durato settant’anni, dalla Prima Guerra d’Indipendenza in avanti”.

Se quindi la questione Unità d’Italia si è di fatto trasformata in un nulla di fatto (festa aggiunta e festa tolta), ben diversi sono i risultati su un tema ben più interessante per il premier: la riforma della giustizia: con un blitz in Consiglio dei ministri è stata approvata a unanimità la bozza, già pronta da novembre, presentata dal guardasigilli Angelino Alfano. Subito dopo è stato convocato un Cdm straordinario per l’approvazione definitiva della riforma.

Il testo prevede un ddl costituzionale per separare le carriere di giudici e pm, per dividere in due il Csm e per dare più poteri al ministro della Giustizia. Il governo intende procedere anche con un ddl sulla responsabilità civile dei magistrati e potrebbero aggiungersi anche misure sulle intercettazioni per via ordinaria. La bozza di riforma contenuta in tre fogli di schede riassuntive che il Guardasigilli Angelino Alfano aveva sottoposto all’attenzione del Quirinale lo scorso novembre aveva ricevuto un altolà dai finiani che, per bocca della presidente della Commissione Giustizia, Giulia Bongiorno, contestavano la prevista maggioranza laica del Csm, l’attribuzione di maggiori poteri al ministro della Giustizia, l’ipotesi di una polizia giudiziaria più autonoma dal pubblico ministero.

La trattativa si era interrotta in contemporanea con lo strappo politico tra Pdl e Fli. Ora il governo potrebbe decidere di andare avanti lo stesso. In tal caso, con un ddl costituzionale sarà previsto che i giudici saranno indipendenti da ogni potere e soggetti solo alla legge, mentre i pm potrebbero diventare un “ufficio” organizzato secondo le norme sull’ordinamento e con la facoltà di esercitare l’azione penale secondo priorità stabilite dalla legge. E ancora: l’uso della polizia giudiziaria non avverrà più indiscriminatamente ma “secondo modalità stabilite dalla legge”; verranno creati due Csm, uno dei giudici e l’altro dei pm mentre un organismo ad hoc (una sorta di alta corte di disciplina) vaglierà i procedimenti disciplinari di tutte le ‘toghè. Nelle originarie bozze, inoltre, era prevista l’inappellabilità delle sentenze di assoluzione in primo grado e l’attribuzione al ministro della Giustizia di maggiori poteri, incluso quello di partecipare alle riunioni dei Csm senza diritto di voto.

http://www.ilfattoquotidiano.it
Quest'opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

18/02/2011 GOVERNO. CdM: il 17 marzo 2011 festa nazionale. Illustrate linee guida su riforma giustizia (BS, www.helpconsumatori.it)

Il 17 marzo di quest'anno sarà festa nazionale. E ci sarà un Consiglio dei Ministri straordinario per approvare la riforma costituzionale della giustizia, le cui linee guida sono state illustrate oggi dal Ministro Angelino Alfano. Sono i due principali temi che emergono dall'odierno CdM.

Il CdM ha approvato, si legge nel comunicato ufficiale, un decreto-legge "che assicura la dovuta solennità e la massima partecipazione dei cittadini alle celebrazioni del 17 marzo 2011, già dichiarato festa nazionale, confermando che la giornata sarà festiva a tutti gli effetti previsti dalla legge. Per il solo anno in corso ed al fine di evitare inopportuni aggravi a carico della finanza pubblica e delle imprese private, per il 150esimo anniversario dell'Unità d'Italia troveranno applicazione gli effetti economici e gli istituti giuridici e contrattuali previsti per la festività soppressa del 4 novembre (che solo per quest'anno non esplica i predetti effetti) così da compensarne gli oneri". Il Governo, prosegue la nota, invita i cittadini, le scuole, le istituzioni, i luoghi di lavoro a promuovere iniziative per celebrare degnamente il significato storico, etico e politico della ricorrenza.

Altro tema è quello della giustizia, per la quale "il Consiglio ha condiviso i contenuti ed approvato all'unanimità la relazione del Ministro della giustizia, Angelino Alfano, riguardante la riforma costituzionale della giustizia, della quale sono state rappresentate le linee guida. Il testo definitivo sarà approvato nel corso di una riunione straordinaria del Consiglio dei Ministri appositamente convocata. La prossima settimana si riunirà, a norma dell'art.6 della legge n.400 del 1988 e del Regolamento interno del Consiglio dei Ministri, un Comitato di Ministri e di esperti con il compito di definire il testo da sottoporre all'approvazione del Consiglio".

Nel CdM è stato anche affrontato il tema della riordino del sistema di concertazione Stato-Regioni. È stato infatti approvato "uno schema di disegno di legge per il conferimento al Governo della delega a riordinare il sistema di concertazione fra Stato e livelli decentrati di governo, attualmente tripartito in virtù di norme intervenute in momenti diversi e, comunque, prima della riforma del Titolo V della Costituzione. Le modifiche costituzionali, il grande peso oggi attribuito alla negoziazione fra Stato, Regioni ed Autonomie in forza del modello improntato ad una leale collaborazione destinata a crescere ulteriormente, rendono opportuno il riordino del sistema attuale delle tre Conferenze (Stato -Regioni, Stato-Autonomie locali ed Unificata) in un'unica Conferenza della Repubblica suddivisa in due Sezioni, una per le Regioni ed una per le Autonomie locali, della quale è prevista una più razionale disciplina anche da un punto di vista organizzatorio e funzionale. Sul testo verrà sentita la Conferenza Stato-Regioni".

Nucleare: è stato approvato uno schema di decreto legislativo che "interviene sulla normativa vigente in materia di impianti di produzione di energia elettrica nucleare (decreto legislativo n.31 del 2010), con i seguenti obiettivi: eliminarne talune incongruenze; definire in maniera più esaustiva i requisiti tecnici richiesti per la costruzione e l'esercizio degli impianti di produzione di energia elettrica da fonte nucleare e del Parco tecnologico, rendendo possibile un riequilibrio del mix energetico nazionale, con minore impatto della bolletta energetica per famiglie ed imprese; chiarire le procedure della Valutazione ambientale strategica (VAS) e ridefinire i procedimenti amministrativi per la costruzione e l'esercizio degli impianti di produzione di energia elettrica da fonte nucleare e del Parco tecnologico. Lo schema verrà trasmesso al Consiglio di Stato, alla Conferenza unificata ed alle Commissioni parlamentari per il parere".

http://www.helpconsumatori.it

  • Archivio Liberalizzazioni
  • Archivio Concorrenza Mercati
  • di Berlusconi senza Veronica

  • Archivio Liberiamo la politica dai politici
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO