TuttoTrading.it

27/01/2007 Memoria Shoah: menzione Capo dello Stato a ragazzi in carcere (http://www.osservatoriosullalegalita.org)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attività creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

Uno dei progetti segnalatici dalla professoressa Italia Martusciello alcuni mesi fa e da lei condotti in una classe della sede carceraria di Larino (CB) associata all'Istituto tecnico industriale di Stato "E. Majorana" di Termoli (CB) ha ricevuto l'altroieri una - Menzione speciale del presidente della Repubblica nella cerimonia per la Giornata della memoria al Quirinale.

La motivazione della menzione afferma che "Il volume presentato dagli studenti dell'Istituto tecnico industriale 'E. Majorana' con sede carceraria associata presso la casa circondariale di Larino (Campobasso) si segnala per il particolare pregio del lavoro svolto. Il testo affronta in modo pertinente il tema assegnato ed è ricco di contributi personali e diversificati nelle modalità espressive. La passione della docente coordinatrice (Italia Martusciello) ha reso possibile un interessante percorso di educazione in età adulta. L'impegno profuso dagli studenti può costituire premessa per una maturazione civile a sostegno dell'inclusione sociale".

Il lavoro e' stato svolto all'insegna di due citazioni:
"E quando ci domanderanno che cosa stiamo facendo, tu potrai rispondere loro: NOI RICORDIAMO. Ecco dove alla lunga avremo vinto noi. E verrà il giorno in cui saremo in grado di ricordare una tal quantità di cose che potremo costruire la più grande scavatrice meccanica della storia e scavare, in tal modo, la più grande fossa di tutti i tempi, nella quale sotterrare la guerra." (Ray Bradbury) "Un popolo che non conosce il proprio passato è destinato a riviverlo". G.Santayana

Di seguito riportiamo con piacere la documentazione dell'attivita' progettuale a cura della professoressa Martusciello:

SCHEDA DIDATTICA

TITOLO: "Mai più" Laboratorio di educazione alla memoria: no all'oblio!

CLASSI: Studenti delle classi I A, II A e III A frequentanti l'ITIS c/o la Casa Circondariale di Larino (CB)

MOTIVAZIONE: Questo percorso riguardante la Shoah è nato perché la scuola deve assumere l'imperativo etico, primario e vincolante di trasmettere ai discenti la consapevolezza del passato e "di educarli ad essere cittadini del mondo nel rispetto e nella valorizzazione delle diversità" (come si legge nel documento di intenti firmato il 10 febbraio 1993 dal Ministero della Pubblica Istruzione e dal Presidente dell'U.C.E.I.).
Questo imperativo non può essere assolutamente procrastinato perché continuare a parlare di Shoah, rinnovarne il ricordo, condividere la responsabilità di tramandare ad altri la sua lezione educativa è l'unico modo per salvare la memoria e recuperare la dignità umana. Inoltre negli ultimi tempi in Europa sono riapparsi fenomeni esecrabili di razzismo e sono riemersi gli antichi pregiudizi antisemiti.
In particolare il nostro istituto ha scelto di celebrare la Giornata della Memoria attraverso questo variegato progetto composto da quattro sezioni: -uno spazio assegnato a riflessioni significative: poesie, osservazioni e ricerche -un impianto iconico, accompagnato da concise didascalie -un glossario contenente i termini più incisivi riguardanti la Shoah -una raccolta cinematografica comprendente diversi film afferenti il tema dell'olocausto.

RISULTATI ATTESI: Sottrarre al silenzio l'orrore del genocidio, evitando il serio rischio di una rimozione collettiva, dopo decenni di incubazione e di silenzio Acquisire conoscenze stabili e interiorizzate sulla Shoah.

FINALITA' FORMATIVE: Educare al rispetto della dignità umana e all'osservanza dei valori fondamentali del vivere comune Educare alla responsabilità e alla solidarietà Educare alla cittadinanza e alla partecipazione civile e consapevole.

OBIETTIVI SPECIFICI: Rafforzare la memoria collettiva affinché ognuno diventi un testimone di speranza Potenziare i valori portanti della convivenza civile e sociale, quali l'amore per la solidarietà, per la giustizia, per la verità, per la libertà e per la legalità Sensibilizzare al valore positivo del rapporto con l'altro Pensare in termini di universalità e reciprocità Potenziare l'educazione all'immagine.

OBIETTIVI EDUCATIVI: Far acquisire un più diffuso spirito di convivenza democratica e pacifica. Sperimentare situazioni di identificazione nella condizione del diverso. Partecipare in modo costruttivo alle discussioni di gruppo, riconoscendo l'importanza della libera espressione di opinioni. Favorire la comunicazione tra i gruppi Promuovere comportamenti dinamici di partecipazione attiva Cooperare in modo responsabile attraverso un lavoro di èquipe.

ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO: Il progetto è stato attivato attraverso la scansione delle seguenti fasi: 1- fase: - ideazione del percorso 2- fase -reperimento, analisi e screening del materiale 3- fase -controllo e revisione dei testi prodotti -esecuzione tecnica dell'opuscolo 4- -pubblicizzazione degli esiti della ricerca.

PROCEDURE DI ATTUAZIONE: Il lavoro è stato realizzato attraverso attività curriculari. Sono stati utilizzati i seguenti metodi e attività didattiche: lavoro di gruppo, dibattito-confronto in aula per incentivare l'espressione democratica e la partecipazione, declamazione di poesie, laboratorio filmico, visione di documentari, cineforum, brain-storming, attività creative, approfondimenti anche attraverso delle canzoni, conversazioni, role-playing, e rendicontazione del percorso. I mezzi e strumenti utilizzati sono stati: materiali alternativi, dizionario di italiano, libri di storia, enciclopedie, giornali, riviste, cartelloni, pennarelli, dizionario dei sinonimi e contrari, computer e fotocopiatrice.

SPAZI: Il progetto è stato svolto nell'aula nei luoghi deputati all'espletamento del percorso formativo.

TEMPI: Il lavoro avviato agli inizi di ottobre è terminato a metà novembre

STRUMENTI DI VERIFICA DEL PROGETTO: -Monitoraggio del lavoro svolto -Livello di partecipazione al lavoro di gruppo -Dibattito in classe e considerazione della qualità e della funzionalità degli interventi degli studenti -Considerazione della motivazione-attenzione-interesse e significatività del contributo personale di ciascun alunno.

VALUTAZIONE COMPLESSIVA DEL PROGETTO: Il progetto si è rivelato positivo perché gli studenti si sono arricchiti grazie alle opportunità di rappresentazione della memoria e poi si sono attivamente impegnati in questo percorso che ha contribuito a far acquisire loro conoscenze più solide della Shoah.

EDITING E COORDINAMENTO: Prof.ssa Italia Martusciello

  • Archivio Giornata della Memoria
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO