TuttoTrading.it

10/09/2006  "La creazione del Regno di Italia e la Calata dei Ladroni" (http://etleboro.blogspot.com)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attività creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli



Non possiamo parlare di politica per il Sud, di federalismo o di senza conoscere la vera storia del Mezzogiorno, senza analizzare le cause dell'eterna differenza ed eterna divisione. Le problematiche storiche e sociologiche sollevate da sempre sono state solo un'analisi degli effetti, dimenticando l'origine del malessere. Molti storiografi hanno parlato dell'arretratezza del Sud per via dell'alternarsi di dominazioni straniere che di volta in volta razziavano possedimenti e ricchezze, per cui la venuta dei Mille di Garibaldi, doveva essere senz'altro accolta come "liberazione" dai tiranni. Noi invece stasera vorremmo parlare dell'Unificazione del Regno di Italia ad opera dei Ladroni, dei Banchieri, che, eregendosi a patrioti del Risorgimento, hanno finanziato la calata dei Mercenari per unire tutte le ricchezze un unico forziere. Le compensazioni tra il debito pubblico piemontese e le monete d'oro del Regno delle Due Sicilie, che confluirono in unico conto in nome dell'Unità del Regno di Italia. La razzia dei Ladroni non si è fermato a questo, hanno preso terre, chiuso fabbriche e condotte spedizioni punitive verso le popolazioni che si opponevano al nuovo regime. Hanno creato il mito del "brigantaggio", che, come ogni movimento terroristico, non è altro che un'opposizione ad un altro regime che si vuole creare. Hanno segnato irreparabilmente un presente di arretratezza dal punto di vista industriale, delle infrastutture e del sistema amministrativo. Si è voluto creare una regione povera per permettere ad un'altra di crescere ed andare avanti, di diventare ricca e di governare così l'intera nazione. Il Sud Italia è stato lacerato, la sua gente è emigrata e dall'estero ha continuato a sostenere il Regno di Italia che li aveva condotti alla povertà: grazie alle loro rimesse hanno impedito l'incrinarsi della situazione economica verso il fallimento. In cambio hanno ottenuto la completa indifferenza da parte dello Stato, hanno ottenuto la rinnegazione della loro storia, e del loro futuro.

La storia del Regno di Italia sarà presentata e spiegata, mostrando documenti e foto a prova delle proprie argomentazioni, dall'Associazione dei Neoborbonici . Avremo come ospiti Pino de Gennaro, coordinatore della sezione "Lombardia", e Fiore Marra, responsabile per relazioni esterne. Attendiamo durante la serata che molti altri ci raggiungano, per ascoltare e discutere della nostra storia, nella speranza che la verità consenta di far evolvere anche il nostro presente, di cancellare gli stereotopi e quei miti che ancora oggi offendono la dignità degli Italiani del Sud.

  • Archivio Storia
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO