TuttoTrading.it

06/09/2006 LaRouche a Rumsfeld: fu Roosevelt a sconfiggere il Nazismo mentre i Bush collaborarono (Movimento Solidarietà, http://www.movisol.org)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attività creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

L'economista e leader democratico americano Lyndon LaRouche ha risposto il 3 settembre alle esternazioni del ministro della Difesa USA Donald Rumsfeld, secondo il quale i democratici che si oppongono all'amministrazione Bush sarebbero degli “appeasers”, si comportano cioè come coloro che capitolarono di fronte ad Hitler negli anni Trenta. Le accuse di blandire il nemico con concessioni e cedimenti sono state lanciate da Rumsfeld in due discorsi e in un commento pubblicato sul Los Angeles Times, tra il 28 agosto e il 3 settembre. Egli ha poi ha inviato una lettera ai parlamentari democratici in cui finge di ritrattare le accuse mentre in realtà non fa che ribadire gli stessi insulti.
LaRouche ha ricordato a Rumsfeld che Hitler e i nazisti furono sconfitti dal presidente Franklin Delano Roosevelt (FDR) mentre molti americani di destra, negli anni Trenta e Quaranta, sostennero Mussolini, Hjalmar Schacht ed Hermann Goering. Nell'estrema destra dei fascisti e dei nazisti americani di quell'epoca, vi fu anche chi simpatizzò apertamente per Adolf Hitler. “Rumsfeld dovrebbe sapere, a meno che le sue capacità cerebrali non lo stiano abbandonando, che per poter sconfiggere Hitler, Roosevelt dovette combattere contro la destra in America”, ha affermato LaRouche. “Se Franklin Roosevelt non avesse guidato tale battaglia, Hitler avrebbe quasi sicuramente vinto e forse oggi il mondo sarebbe ancora sotto il tallone genocida dei suoi successori”.
“La tradizione americana avversa a quella di Roosevelt è l'espressione americana del fascismo” ha sentenziato LaRouche. “A sconfiggere Hitler e il Nazismo fu l'alleanza che FDR strinse con l'Unione Sovietica di Stalin e con Winston Churchill”.
LaRouche ha quindi proposto: “Il Congresso degli Stati Uniti dovrebbe indire delle udienze sul fascismo e sulla storia di quegli americani che collaborarono con i nazisti e con i fascisti prima e durante la seconda guerra mondiale - così come fece il Congresso alla fine della guerra”.

Prescott S. Bush e l'UBC

In questo contesto, LaRouche ha ricordato a Rumsfeld che il nonno dell'attuale presidente, Prescott S. Bush, fu un manager della Union Banking Corporation (UBC) che era di proprietà di Fritz Thyssen, il magnate del cartello dell'acciaio in Germania che si vantava di essere stato il primo e il più munifico sostenitore di Adolf Hitler, tanto da pubblicare nel 1941 un libro intitolato «Ho pagato Hitler». Dal 1924 al 1942 a New York la UBC funse da holding finanziaria per tutte le operazioni di Thyssen negli USA. W. Averell Harrimann raggiunse un accordo con Thyssen tale per cui alcuni esponenti del Consiglio di Amministrazione della Brown Brothers Harriman, e specificamente Roland Harriman e Prescott Bush, diventarono azionisti di UBC entrando a far parte del Consiglio d'Amministrazione, dove restarono anche dopo l'ascesa di Hitler al potere in Germania e dopo la sua invasione dell'Europa orientale. Bush mantenne l'incarico di managing director della UBC fino a quando la banca non fu chiusa per decisione delle autorità governative statunitensi.
Il 20 ottobre 1942, in base alla legge sul commercio con il nemico, il Congresso ordinò il sequestro di tutte le proprietà della Union Banking Corporation. Nei giorni successivi furono sequestrate altre tre imprese di Thyssen gestite tramite la UBC: Hamburg-American Line, Holland-American Trading Corp., e Seamless Steel Equipment Corp. Non si trattava di imprese minori ma di canali di rifornimento di importanti materiali per il regime nazista. Dalle sedute congressuali alla fine del conflitto risulta che la United Steel Works Corporation di Thyssen, strettamente legata alla UBC, era stata la principale fornitrice di prodotti siderurgici e di esplosivi della macchina di guerra nazista. (“Eliminazione delle risorse tedesche per la guerra”, seduta di un comitato della Commissione Affari Militari del Senato del 2 luglio 1945).
“Mr. Rumsfeld vuole davvero rispolverare le questioni dell'appeasement e della collaborazione con i nazisti?” ha affermato LaRouche.

Allora ed oggi

Lo statista democratico americano ha quindi deprecato la condotta totalitaria della stessa amministrazione Bush ed ha denunciato il costante impegno di Rumsfeld e del vice presidente Dick Cheney per costituire una forza militare segreta privatizzata, adottando nelle prigioni di Guantanamo e Abu Ghraib le stesse tecniche di tortura affinate dalle SS naziste.
“Non dimentichiamo inoltre il ruolo di George Shultz, che si nasconde dietro la presidenza Bush, il peso esercitato dal vice presidente Cheney, e la promozione dello stesso Don Rumsfeld a ministro della Difesa. Anche tra i vertici repubblicani sanno bene che Shultz è un totalitarista, che ha usato la presidenza Bush per imporre sugli Stati Uniti una dittatura rifacendosi al 'modello Pinochet' e un'economia radicalmente liberista. Shultz promuove la privatizzazione della guerra, sul modello delle SS, ed è spalleggiato in questa impresa da Felix Rohatyn”, ha detto LaRouche.
Il fondatore dell'EIR ha continuato: “Non sono forse gli esponenti della destra neoconservatrice di oggi, Cheney, Shultz, Rumsfeld e quello stupido di George W. Bush, ad essere 'appeaser' del nazismo? Non è così, Mr. Rumsfeld?”
LaRouche ha concluso: “Faccio appello al Congresso degli Stati Uniti affinché indica delle udienze su questa questione dell'appeasement. Esse dovrebbero svolgersi prima delle elezioni di metà legislatura a novembre. Nel programma del Congresso USA non c'è nulla che meriti priorità maggiore. Donald Rumsfeld, un alto funzionario dell'amministrazione Bush, ha fatto di questa questione un dibattito nazionale, e occorre che si chiarisca bene tutto al più presto. Il Congresso è la sede appropriata”.

  • Archivio Storia
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO