TuttoTrading.it

31/07/2007 Quel test è uno specchio della scuola italiana (Giampiero Della Zuanna, http://www.lavoce.info)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attività creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

Negli ultimi anni si sono moltiplicati i tentativi per valutare il sistema scolastico italiano, tuttavia non esiste un procedimento per confrontare aree diverse del paese in modo rapido, semplice e poco costoso. Si può però provare a saggiare la preparazione degli studenti delle diverse regioni italiane al termine delle scuole superiori utilizzando i risultati del test di ingresso al corso di laurea di sei anni della facoltà di Medicina, attraverso una rielaborazione delle graduatorie pubblicate nel sito del ministero dell’Università.
Il test del 2006, come sempre uguale a livello nazionale, è stato somministrato in contemporanea all’inizio di settembre in trentasette università statali, per assegnare 6.875 posti di futuri medici. Il test è molto impegnativo: spazia dalla chimica alla fisica, dalla biologia alla matematica, dalla cultura generale alla logica e alla comprensione di testi. È stato anche assai selettivo, perché l’84 per cento dei concorrenti ha dovuto rinunciare al sogno di diventare medico (tabella 1).

Differenze fra sedi

I criteri di selezione sono stati ovunque rigidi: solo a Parma la proporzione di ammessi ha superato il 25 per cento di chi ha partecipato al test, per giungere fino al caso limite di Catanzaro, dove i concorrenti sono stati undici volte più numerosi dei posti disponibili.
Le differenze fra le sedi nei punteggi mediani degli ammessi sono ampie. Il Nord-Est – con l’esclusione di Trieste – è l’area del paese con i migliori risultati, con tre università fra le prime quattro (Padova, Udine e Verona). All’opposto, i risultati meno brillanti si osservano al Sud, perché fra le ultime otto università, sette sono meridionali. Tuttavia, il gradiente Nord-Sud presenta alcune importanti eccezioni: nei due grandi atenei di Bari e di Palermo il punteggio medio degli ammessi è superiore alla media nazionale e a quello osservato per gli ammessi in molte università del Nord.
Qual è la ragione di queste grandi differenze fra le sedi? Possiamo senz’altro escludere che il voto mediano degli ammessi dipenda dall’intensità della selezione, ossia dal rapporto fra aspiranti e ammessi. A Padova il rapporto era la metà rispetto a Catanzaro, ma il punteggio mediano degli ammessi è stato di quasi sette punti superiore nella città veneta rispetto a quella calabrese. A Varese e a Napoli "Federico II" il punteggio mediano è stato simile, ma nell’università partenopea il rapporto aspiranti/ammessi è stato il doppio rispetto alla città lombarda.
Le differenze, verosimilmente, dipendono da altri due fattori: la capacità delle facoltà di Medicina di attrarre studenti bravi e la diversa preparazione degli studenti medi dopo la maturità.
Per valutare il primo fattore, si potrebbero confrontare i voti alla maturità degli aspiranti medici con quelli medi provinciali o regionali, e osservare, sede per sede, la proporzione di aspiranti che provengono da licei classici o scientifici piuttosto che da istituti tecnici e professionali. Sono studi possibili, con i dati normalmente a disposizione degli atenei. La mia impressione generale, tuttavia, è che ovunque gli studenti che sostengono il test di Medicina (che richiede una notevole preparazione durante i mesi estivi e ottime conoscenze culturali di base) siano fra i più preparati e motivati fra quelli "sfornati" dalle scuole superiori, e che le "migrazioni" per entrare nelle facoltà più prestigiose siano relativamente contenute.
Di conseguenza, gran parte delle differenze osservabili in tabella 1 potrebbero essere effettivamente legate al diverso livello di preparazione fornito dalle scuole superiori italiane.

Meglio una graduatoria unica

Un’ultima considerazione riguarda la capacità di questo meccanismo di selezionare i migliori candidati a diventare medici. La perplessità maggiore – a mio avviso – non sta tanto nel tipo delle domande poste nel test. Piuttosto, è discutibile la creazione di una graduatoria per ogni sede. Con questo meccanismo, moltissimi candidati delle sedi con punteggi mediani più elevati sarebbero tranquillamente entrati in altre università. Ad esempio, il quattrocentesimo di Padova sarebbe entrato a Ferrara, il settecentesimo di Padova sarebbe entrato a Campobasso. Una procedura alternativa potrebbe essere la costruzione di una graduatoria unica nazionale, con possibilità, per chi ottiene i risultati migliori, di scegliere la sede, un po’ come avveniva nei corsi allievi ufficiali. Certamente, si rischierebbe, per il prossimo futuro, di avere pochissimi medici del Molise. Tuttavia, si aumenterebbe la probabilità di avere i medici migliori, e quindi, in prospettiva, il benessere dei cittadini. Inoltre, le scuole superiori delle aree ora più scadenti sarebbero pungolate, dai risultati del confronto, a migliorare la preparazione dei loro studenti.

Tabella 1. Risultati del test per l’ammissione alle facoltà di Medicina (corso di sei anni) nelle università statali italiane per l’anno 2006-07. Università classificate secondo il punteggio mediano degli ammessi

Gradua-toria

Università

Totale

concorrenti

Posti disponibili

Concorrenti per ogni posto disponibile

Punteggio mediano degli ammessi

Punteggio

ultima matricola ammessa

1

PADOVA

1.307

239

5,5

51,25

46

2

UDINE

361

80

4,5

50,50

46

3

MILANO Bicocca

489

100

4,9

50,00

45

4

VERONA

713

145

4,9

49,00

44

5

MILANO Statale

1.520

300

5,1

48,75

44

6

BOLOGNA

1.402

300

4,7

48,25

43

7

MODENA

607

136

4,5

48,00

44

8

PAVIA

942

200

4,7

47,75

43

9

BARI

1.707

324

5,3

47,50

42

10

PALERMO

1.538

250

6,2

47,50

42

11

ROMA La Sapienza

3.728

482

7,7

47,25

42

12

FIRENZE

1.143

220

5,2

47,00

42

13

BRESCIA

850

180

4,7

46,75

42

14

GENOVA

944

200

4,7

46,75

43

15

PISA

1.234

251

4,9

46,25

41

16

TORINO

1.704

365

4,7

46,00

41

17

FERRARA

620

145

4,3

45,75

40

18

VERCELLI

331

75

4,4

45,75

41

19

VARESE

535

130

4,1

45,50

39

20

NAPOLI Federico II

2.215

263

8,4

45,25

40

21

MESSINA

1.172

200

5,9

45,00

41

22

NAPOLI 2

1.902

280

6,8

45,00

40

23

ROMA Tor Vergata

942

165

5,7

45,00

40

24

SASSARI

583

100

5,8

45,00

41

25

TRIESTE

530

110

4,8

45,00

41

26

PARMA

777

200

3,9

44,75

40

27

CATANZARO

883

80

11,0

44,50

41

28

PERUGIA

1.020

200

5,1

44,50

39

29

MARCHE

606

130

4,7

44,00

39

30

CHIETI

1.090

144

7,6

43,50

39

31

CATANIA

1.791

270

6,6

43,00

39

32

L'AQUILA

741

111

6,7

43,00

38

33

SIENA

625

144

4,3

42,50

38

34

CAGLIARI

1.101

170

6,5

42,00

37

35

FOGGIA

461

71

6,5

42,00

37

36

SALERNO

573

65

8,8

41,00

37

37

MOLISE

345

50

6,9

40,75

34

Totale

39.032

6.875

5,7

45,50

  • Archivio Scuola Università
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO