TuttoTrading.it

02/10/2006 “Studi@are è Sostenibile”: Tecnologia e Ambiente per una Nuova Didattica (BS, www.helpconsumatori.it)

  • Pagina Scuola
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Droga
  • Pagina Ambiente
  • Ricerca personalizzata
    GIOCHI GIOCATTOLI
    Articoli da regalo
    Attività creative
    Bambole e accessori
    Bestseller generali
    Burattini e tetrini
    Calendari dell' avvento
    Collezionabili
    Costruzioni
    Elettronica per bambini
    Giocattoli da collezione
    Giocattoli prima infanzia
    Elettronica per bambini
    GIOCHI GIOCATTOLI
    Giocattoli da collezione
    Giocattoli prima infanzia
    Giochi di imitazione
    Giochi da tavola
    Giochi educativi
    Modellismi
    Peluche
    Personaggi Giocattolo
    Puzzle
    Sport Giochi Aperto
    Strumenti Musicali
    Veicoli

    Tecnologie dell'informazione ed educazione ambientale porteranno nella didattica l'educazione allo sviluppo sostenibile: questo l'obiettivo del progetto presentato a Roma dal Consorzio Gioventù Digitale e dalla Fondazione Eni Enrico Mattei.

    Tecnologie dell'informazione ed educazione ambientale per coinvolgere le scuole romane nell'educazione allo sviluppo sostenibile. Questo il senso del progetto "Studi@re è sostenibile! Verso una rete territoriale di eccellenze nell'educazione allo sviluppo sostenibile" che è stato presentato nella Città Educativa di Roma, il presidio che fa da riferimento per la diffusione e la creazione di buone pratiche didattiche.

    Il progetto nasce dalla collaborazione fra il Consorzio Gioventù Digitale (organizzazione non profit che si occupa di promuovere l'innovazione nella scuola) e la Fondazione Eni Enrico Mattei che, con il progetto Energia e Ambiente a Scuola, collaborano da oltre due anni per diffondere una cultura scientifica legata al rispetto dell'ambiente e alla salvaguardia delle sue risorse attraverso l'uso delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione per la didattica e il rinnovamento dei processi di insegnamento e di apprendimento. Il progetto, aperto alle scuole di ogni ordine e grado, vede il coinvolgimento del sistema Biblioteche di Roma, dell'Arpa Lazio (l'Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale del Lazio) e dell'azienda Igeam srl, specializzata nel settore energetico.

    Le scuole che intendono aderire saranno coinvolte in progetti e percorsi tematici sull'educazione ambientale e sulla sostenibilità. Diversi gli obiettivi del progetto, che intende creare "un ambiente fisico-virtuale strutturato di risorse didattiche" utili per le scuole che intendano approfondire i temi legati allo sviluppo sostenibile e all'ambiente, dare vita a una diffusa progettualità nelle scuole romane per realizzare percorsi didattici e generare una "catena dello sviluppo sostenibile", e creare quindi "poli scolastici territoriali d'eccellenza sull'educazione ambientale e lo sviluppo sostenibile".

    Ma quali sono gli strumenti che gli studenti avranno a disposizione? Uno sarà il portale www.eniscuola.net dove ci sono materiale didattico, video e multimedia rivolti a tutti gli studenti, dalle scuole primarie alle secondarie, e una piattaforma di e-learning che può essere utilizzata come supporto per una lezione in classe o per creare classi completamente virtuali. Nel portale - ha spiegato Elisabetta Monistier della Fondazione Eni Enrico Mattei - ci sono inoltre degli "speciali" per l'approfondimento scientifico di eventi legati all'attualità, come terremoti o uragani, e una sezione didattica; dal portale si può accedere alla piattaforma e-learning con corsi online per gli studenti, come quelli che riguardano energia e ambiente per i più piccoli ma anche lo sviluppo del concetto di sostenibilità. Nell'arco di due settimane il portale si arricchirà di un blog aperto a studenti e insegnanti e, fra uno o due mesi, di un ulteriore progetto che offrirà "la possibilità di costruire un piano energetico nazionale".

    Oltre alla collaborazione di Arpa Lazio ci sarà anche il coinvolgimento di Igeam: la scuola - ha spiegato per l'azienda Enrico Martini - viene considerata come un "ecosistema", con flussi di aria, acqua ed energia in ingresso e in uscita. Gli studenti insieme ai docenti dovranno portare avanti un percorso di "contabilità ambientale" nella scuola. Il che significa valutare quanta acqua, aria, energia e materiali entrano in una scuola e quanta anidride carbonica, scarichi idrici, aria calda e fredda escono, quanti rifiuti sono prodotti e quanto costa sostenere la spesa dell'acqua e dell'elettricità in una scuola intesa appunto come "ecosistema". L'obiettivo del progetto è far sì che gli studenti siano in grado di valutare i propri comportamenti e di rendere più vivibile l'ambiente di studio


  • Pagina Scuola
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Droga
  • Pagina Ambiente
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO