TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 11/10/2006 Il Toro di Falaride (Considerazioni Incoerenti su Saggezza, Amore ed Universo). SECONDA PARTE (ZRET, http://zret.blogspot.com)

    Ricerca personalizzata

    Qualcosa non quadra: se veramente la coscienza è la vera matrice dell’universo, mentre energia, spazio, tempo sono soltanto elementi virtuali, come non solo sembrano dimostrare le più recenti ed accreditate teorie scientifiche da Bohm (universo ologramma) a Malanga (teoria del superspin di Malanga-Pederzoli), ma come intuirono anche molti filosofi circa due secoli fa nonché la filosofia indiana e Platone, allora che senso ha adoperarsi per tentare di cambiare quella che è comunque un’illusione? A che pro agire quando è solo una finzione creata dalla mente? Se è una finzione, per quale motivo non si è ancora riusciti a plasmare qualcosa di decente? È così oppure esiste uno zoccolo duro della realtà, un quid immodificabile e su cui non possiamo incidere?

    Le domande sono moltissime, mentre le risposte, sia quelle scientifiche sia quelle filosofiche sono poche, ambigue, contraddittorie, insufficienti, astruse. Finora, se si esclude qualche caso isolato e semileggendario (Siddharta Gautama, Apollonio di Tiana, il Dalai Lama…), la vita è stata ed è per la stragrande maggioranza delle creature un groviglio di aculei o, nel migliore dei casi, una monotona e noiosa discesa verso la vecchiaia ed il nulla. Vita, storia e natura sono tutte nate sotto il segno di un fato assurdo ed irrazionale, perché il cosmo è irrazionale dal momento che esiste, nonostante la sua esistenza sia probabilmente illusoria. In fondo, basterebbe che, invece dell’essere, “esistesse” il nulla ed ogni antinomia si dissolverebbe come neve al sole, ma purtroppo siamo imprigionati in una bolla spazio-temporale per giunta scomoda ed angusta, da cui gettiamo uno sguardo intorno per vedere soltanto l’oscurità di spazi vuoti e freddi. Neppure il richiamo all’interiorità ci può salvare, poiché il vuoto universale permea di sé l’anima: In interiore homine habitat …vacuitas non veritas. O no?

    Zret
    Fonte: http://zret.blogspot.com/
    Link: http://zret.blogspot.com/2006/10/il-toro-di-falaride-seconda-parte.html
    11.10.2006

    Indice

  • 11/10/2006 Archivio Il Toro di Falaride

  • Archivio Scienza dello Spirito
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO