TuttoTrading.it

23/11/2009 RU486: uso improprio istituzioni, i 'lavori' della commissione Sanita' (Donatella Poretti, http://www.aduc.it)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attività creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

Dalla ripresa dei lavori dopo la pausa estiva, la commissione Igiene Sanita' del Senato della Repubblica su un totale di 24 sedute, ben 16 le ha dedicate all'indagine conoscitiva sulla Ru486. Da domani altre 4 sedute gia' sono gia' previste, perfino una notturna, e monopolizzeranno i lavori della settimana.
Davvero non c'erano altri temi da trattare inerenti alla salute e alla sanita'?

L'obbiettivo era, e resta, quello di interferire ed ostacolare il lavoro dell'Aifa. Infatti, nonostante le rassicurazioni, l'agenzia ancora non ha pubblicato in Gazzetta Ufficiale la delibera di immissione in commercio del Mifegyne (RU486) dello scorso 30 luglio, nonostante il segretario dell'Aifa Guido Rasi sia stato incaricato dal Cda lo scorso 19 ottobre.
Oltre 700 giorni per una procedura di mutuo riconoscimento di un farmaco che solitamente ne impiega 90, una situazione che espone il nostro Paese a rischio di una apertura di infrazione a livello di Unione Europea, o di una immissione forzata in base alla direttiva del mutuo riconoscimento.
Trattasi di uso improprio delle istituzioni... Anche di questo sara' bene si discuta da domani in commissione, giunta finalmente nella fase conclusiva di questa indagine ideologica.

* senatrice  Radicali-Pd, segretario Commissione Igiene e Sanita'

23/11/2009 Ru486. Conclusioni commissione indagine conoscitiva Senato: bloccare commercializzazione e ricominciare da capo. Gli antiscienza confortati da uso improprio delle istituzioni (http://www.aduc.it)

 Domani 24 novembre la commissione senatoriale di indagine sulla Ru486 dovrebbe tirare le proprie conclusioni. Come era intuibile dalla pessima conduzione dei lavori di questa commissione, tutti sbilanciati nel cercare di denigrare l'uso di questa pillola abortiva che cerca di rendere meno problematica l'interruzione di gravidanza, anche le conclusioni non sono da meno. Non solo, ma travalicano quella che dovrebbe essere la funzione istituzionale di una siffatta commissione, dando indicazioni non solo improprie ma dettate da uno specifico pregiudizio ideologico: la donna che abortisce e' peccatrice e, per questo, deve soffrire in questa sua scelta. La pretesa della commissione del Senato e' che l'Aifa vada oltre le proprie funzioni e divenga una sorta di braccio armato delle pretese a-scientifiche di chi vuole imporre a ognuno il proprio credo religioso.
Una ennesima dimostrazione di un Parlamento al servizio di una ideologia religiosa, contro le donne e chi la pensa in modo diverso e, soprattutto, un Parlamento che dilapida i soldi pubblici in una commissione che e' stata istituita solo per soddisfare i pruriti dei nemici della Sanita', su una questione scientificamente e medicalmente superata e risolta ovunque in Europa e nel mondo.
Riportiamo le conclusioni che, stilate dalla maggioranza di governo all'interno della commissione, domani, visto il procedere blindato e senza dibattito del confronto in Parlamento, saranno sicuramente approvate. Piu' gu' il link all'intero documento finale:

“Poiché la procedura di immissione in commercio della specialità Mifegyne per mutuo riconoscimento fin qui seguita dall’AIFA non ha previsto la verifica della compatibilità con la normativa vigente, la Commissione Igiene e sanità propone di sospendere tale procedura per chiedere ed acquisire il parere del Ministero competente in materia, consentendo, ove si ritenga necessario, di riavviare la procedura dall'inizio.
Il parere della Commissione per quanto riguarda sia la compatibilità con la normativa vigente che i profili di sicurezza è, come peraltro indicato dai due pareri del CSS, che l’intera procedura abortiva, nelle sue diverse fasi, sia effettuata in regime di ricovero ordinario.
La Commissione suggerisce inoltre di verificare l’esistenza di studi per superiorità del metodo farmacologico o studi di non inferiorità, al fine di ottemperare all’articolo 15 della citata legge n. 194, nel quale si prevede la possibilità di ricorrere all’uso "di tecniche più moderne, più rispettose dell’integrità fisica e psichica della donna e meno rischiose per l’interruzione della gravidanza".
Rispetto ai dubbi sui decessi a seguito di assunzione di RU486 o delle prostaglandine associate, e di fronte alle difficoltà di disporre di dati certi, si auspica una richiesta di arbitrato che riapra la discussione di merito sul rapporto rischi/benefici e ponga in essere una nuova istruttoria e deliberazione dell’EMEA.”.

Qui l'intero documento conclusivo

http://www.aduc.it

  • Archivio Sanità
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO