TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 23/10/2006 Sanità: Più di 90 Morti al Giorno per "Errori" dei Medici o dei Servizi Sanitari (http://www.canisciolti.info)

  • Pagina Sanità
  • Pagina Alimentazione
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Farmacologia
  • Ricerca personalizzata

    Causano piu' vittime degli incidenti stradali, dell'infarto e di molti tumori. In Italia le cifre degli "errori" commessi dai medici o provocati dalla cattiva organizzazione dei servizi sono da bollettino di guerra: tra 14 e 50mila i decessi ogni anno, circa 90 al giorno, di cui il 50% evitabile, 320.000 le persone danneggiate, con costi pari all'1% del PIL (prodotto interno lordo), 10 miliardi di euro l'anno. Le fonti sono spesso discordi su questi numeri. Per ottenere dati certi e uniformi le societa' scientifiche cominciano ad organizzarsi e a confrontarsi.

     

    "Qualunque sia il numero giusto, anche se vi dovesse essere solo un morto all' anno per cause evitabili in ospedale, abbiamo il dovere di affrontare il problema con decisione per garantire la sicurezza dei pazienti". Così il ministro della Salute,Turco,sui dati diffusi dall'Aiom in merito a errori medici. Il ministro, annunciando di aver istituito presso il ministero ai primi di ottobre il Centro di riferimento per la sicurezza dei pazienti,ritiene "doveroso" sottolineare che "non esistono dati ufficiali sul fenomeno".

    L'Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM), in collaborazione con Dompe' Biotec, ha deciso di organizzato un convegno nazionale proprio su questo tema all'Istituto dei Tumori di Milano. "Il tema del rischio clinico - afferma il prof. Emilio Bajetta, presidente nazionale dell'Aiom - si propone come un argomento di grande attualita', con un forte impatto socio-sanitario. Lo scopo e' migliorare la prestazione sanitaria e garantire la sicurezza del paziente oncologo". Anche perche' nella speciale classifica delle specialita' dove si commettono maggiori errori stilata dal Tribunale del Malato, l'oncologia con un 13% si colloca al secondo posto, preceduta dall'ortopedia e traumatologia con il 16,5% di errori, seguita dall'ostetricia (10,8%) e dalla chirurgia (10,6%).

    I dati nazionali disponibili sugli errori in sanita' provengono da varie fonti (Anestesisti Ospedalieri, Assinform, Tribunale dei Diritti del Malato e altre) oppure sono proiezioni dalla letteratura internazionale (a partire dal rapporto Usa del 2000 'To err is human') o ancora si riferiscono a studi e sperimentazioni condotti in grandi e piccoli centri di cura italiani. Queste ultime ricerche si concentrano pero' essenzialmente sul problema della tracciabilita' e dell'erogazione di farmaci e dispositivi per evitare il tipico scambio di confezioni o la non applicazione dei protocolli, fattori che in oncologia - seconda area medica dove si registrano piu' eventi avversi dopo ortopedia - rappresentano il 40% degli errori secondo una recente indagine dell'Asl Roma C.

    "Quelli relativi al farmaco e alla corretta esecuzione dei protocolli terapeutici sono fra gli errori piu' frequenti in oncologia - spiega Bajetta -. Dagli ultimi studi internazionali risulta pero' che in oncologia le controversie per errori medici sono in diminuzione. Cio' pero' non deve sollevare in alcun modo il clinico dai propri doveri e responsabilita': una maggiore chiarezza nel comunicare i limiti della medicina e gli eventuali errori non puo' che giovare al rapporto col paziente. Per evitare gli eventi avversi e' necessario, come in ogni settore, imparare da essi. In questo senso, l'aderenza alle linee guida evidence-based, diventate largamente disponibili in oncologia, e' la salvaguardia migliore contro ogni errore


  • Pagina Sanità
  • Pagina Alimentazione
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Farmacologia
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO