TuttoTrading.it

14/10/2012 Breve storia di una malattia invisibile da 60 anni (Mariagiovanna Liguori, Facebook 26 settembre 2012)

Ricerca personalizzata

Il primo a diagnosticare la mcs (Multiple chimical Sensitivity - sensibilità chimica multipla) alla fine degli anni '50 è stato l'allergologo Theron G. Randolph (1906-1995), padre della ecologia clinica,

il prof. Randolph capì che c'erano dei soggetti apparentemente allergici, ma con  sintomi anomali e multisistemici, ma l'intuizione più grande, del dr. Randolph, è stata di aver correlato questi sintomi alle sostanze ambientali di sintesi  chimica e/o tossiche.

In aperto contrasto con gli allergologi, il prof. Randolph decise di studiare queste malattie (Randolph definiva la sensibilità chimica al plurale cioè le sensibilità) dedicando loro tutto il suo operato e diventando così il fondatore dell'ecologia clinica. Svolse numerosi studi ed ebbe la geniale intuizione dell'unità ambientale, un luogo di osservazione in cui i pazienti erano allontanati da tutte le sostanze chimiche e/o tossiche (l’unità ambientale serviva soprattutto per una diagnosi certa, li si testavano le varie sostanze dopo un periodo di evitamento, che portava ad uno smascheramento dei sintomi ed anche a crisi di astinenza). 

  • Leggi tutto

    Link su Facebook

  • Archivio Salute
  • Ricerca personalizzata