TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 26/07/2006 Allarme Formaldeide negli Imballaggi Alimentari e anche in alcuni Alimenti (m.v. www.verdi.it)

  • Pagina Salute
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Truffe e Raggiri
  • Pagina Denunce
  • Ricerca personalizzata

    E' presente negli imballaggi alimentari e anche in alcuni alimenti. Per lo Iarc è cancerogena ma non per la Ue. Verdi e Legambiente chiedono di correre ai ripari. Il ministro dell'Ambiente risponde

     

    Imballaggi alla formaldeide, un sicuro cancerogeno secondo quanto afferma lo Iarc, l’agenzia internazionale per la ricerca sul cancro. Ma non dall'Unione europea, che non ha ancora recepito le evidenze scientifiche emerse da recenti studi. Lo rivela un'indagine condotta dal professor Marco Baldi, del dipartimento di chimica dell'Università di Pavia, in collaborazione con il laboratorio Analytica, per conto del gruppo dei Verdi in Regione Lombardia e di Legambiente.

     

    L'indagine condotta su 31 campioni di imballaggi alimentari prelevati nei supermercati della Lombardia, dimostra che la formaldeide è presente negli imballaggi in cartone e cartoncino impiegati per confezionare pasta e riso o per contenere panini da fast food. Un contenitore di albicocche ne contiene 20,7 milligrammi per chilogrammo, l’imballaggio di zucchero a quadretti 16,6.

     

    Le quantità di formaldeide rilevate dalla ricerca variano da valori bassi, come quelli dei bicchieri di carta (1,3 milligrammi per chilogrammo) ad altri decisamente più alti riscontrati in una confezione di fette biscottate (52), in una di sale marino (45,3) e in un contenitore di un panino di fast food (44,7). La sostanza è usata nella fabbricazione di resine sintetiche, colle, solventi, detergenti e cosmetici. 

     

    L’indagine ha già suscitato l’interessamento del ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio, che ha annunciato un supplemento di indagini e un adeguamento normativo di concerto con il ministero della Salute.  

     

     

    Lo studio è partito dopo che il Conapi (consorzio dei riciclatori) si è rivolto ai Verdi e a Legambiente per denunciare la presenza di formaldeide e fenoli (sostanza quest’ultima non cancerogena) in partite di carta da macero sequestrate. Il problema, per Verdi e Legambiente, si trovava a monte. "Se la formaldeide – dicono - si trova nella carta riciclata, si troverà anche in quella nuova". E il risultato delle analisi ha confermato quella che era una robusta ipotesi.

     

    Ma qui emerge il paradosso, come ha detto Andrea Poggio, vice direttore generale di Legambiente: mentre in base alla normativa sui rifiuti nella carta da macero non deve esserci neanche un milligrammo di formaldeide, nel settore primario degli imballaggi piccole quantità sono invece ammesse. E’ così possibile usare quasi liberamente colle e impermeabilizzanti, che contengono formaldeide, per confezionare contenitori di pasta o cartoncini per i succhi di frutta, sostanze che poi si ritrovano negli impianti di recupero e riciclo dove sono invece tassativamente vietati.

     

    Il paradosso si ispessisce se si pensa che l'uso di formaldeide è consentito pure per la preparazione di alcuni alimenti: ''E' un'incongruenza – dice infatti Poggio - che la sostanza sia ammessa come conservante per alimenti (per esempio l’E240) e sia presente anche in alcuni alimenti tradizionali, come il pesce affumicato”.

     

    ''Nel 2004 l'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro - ha spiegato Carlo Monguzzi, capogruppo dei Verdi in Regione - ha definito cancerogena la formaldeide. Eppure l'Unione Europea non ha provveduto a una riclassificazione della sostanza. Oggi la revisione della valutazione del rischio tossicologico della formaldeide è impellente''.

     

    "L'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro – puntualizza ancora Edoardo Bai, del Comitato scientifico di Legambiente - ha classificato la sostanza tra quelle cancerogene certe, causa di tumori nasofaringei e molto probabilmente di leucemie".

     

    Sulla base dell'indagine, Monguzzi ha quindi invitato il ministro Pecoraro Scanio, a individuare ''limiti più efficaci di esposizione alla formaldeide''. A stretto giro la risposta del ministro, che in una nota ha affermato che “di fronte a una denuncia così grave, abbiamo l’obbligo di attivare controlli e agire di conseguenza per garantire la salute dei consumatori e la tutela dell’ambiente”.

     

    “Vi sono – ha aggiunto il ministro – due contraddizioni lampanti: la discrepanza tra l’effetto cancerogeno dichiarato per la formaldeide dall’Iarc, l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro, ma non ancora riconosciuto dall’Unione europea e il divieto di presenza di formaldeide e fenoli nella carta da macero per il settore del riciclo a fronte di quantità tollerate per il settore primario di produzione”.

     

    Ho chiesto all’Apat, l’Agenzia per la Protezione dell’Ambientale – ha continuato il ministro -, di avviare una commissione tecnica per chiarire l’origine degli inquinanti. E’ evidentemente necessario fare la massima chiarezza relativamente al punto della filiera produttiva nel quale avviene la contaminazione. Chiedo quindi all’Apat di acquisire le ricerche effettuate e di integrale con ulteriori affinché si possa disporre di tutti gli elementi necessari per un intervento che dovrà, per forza di cose, essere veloce ed efficace”.

     

    “Attiverò anche i ministeri della Salute e dello Sviluppo economico – ha  concluso Pecoraro Scanio - affinché si possano assumere le iniziative conseguenti dal punto di vista sanitario, ambientale e normativo”.

     

    Legambiente ha scritto invece alle associazioni che raggruppano le aziende dei settori coinvolti - Assocarta, Federalimentare, Federlegno e Fieg - affinché ''promuovano l'individuazione di additivi e collanti alternativi alla formaldeide''.


  • Pagina Salute
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Truffe e Raggiri
  • Pagina Denunce
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO