TuttoTrading.it

30/08/2006 Bond Cirio e Parmalat, Confconsumatori: "L'Indulto nuoce poco ai Risparmiatori" (LS, www.helpconsumatori.it)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attività creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

Secondo l'associazione, la strada migliore per recuperare il denaro investito e perso a causa dei crack rimane quella dell'azione nei confronti delle banche, colpevoli di aver venduto a malcapitati investitori vera e propria robaccia.

Un gravissimo effetto del recente indulto è l'opportunità per i responsabili dei crack Parmalat e Cirio di patteggiare, grazie alle riduzioni di pena derivanti da quel provvedimento, con rischio di pregiudizio per le aspettative dei risparmiatori traditi. Le conseguenze, però, per coloro che si sono costituiti parte civile nei processi penali aperti a Roma, Parma, Milano sono diverse a seconda delle sedi dei procedimenti.

È quanto sostiene Confconsumatori, la quale precisa che nel caso di Milano non sarà possibile proporre patteggiamento nel primo processo, perché quel giudizio si trova ormai in uno stadio troppo avanzato e il procedimento terminerà con la pronuncia delle condanne, anche civili, dei responsabili e con la speranza per i consumatori di recuperare qualcosa. "Diversamente - continua l'associazione - per i processi aperti a Parma, a Milano nei confronti degli istituti di credito, e a Roma, i responsabili penali potranno probabilmente patteggiare e chiudere i procedimenti penali".

Confconsumatori, perciò, consiglia i risparmiatori traditi di "trasferire le loro azioni risarcitorie davanti al Tribunale civile del luogo di residenza dei condannati, dal momento che la sentenza penale di applicazione della pena, ex art. 444 c.p.p., è elemento di prova anche per il giudice civile della colpevolezza dell'imputato, a fondamento dell'eventuale domanda risarcitoria. Il ristoro del danno potrebbe così essere ritardato, ma il rimborso di quanto investito sarà comunque garantito".

"L'indulto, insomma, nuoce poco ai risparmiatori - concludono gli avvocati Giovanni Franchi e Luca Baj di Confconsumatori - anche se la strada migliore per recuperare il denaro investito è l'azione nei confronti delle banche, colpevoli di aver venduto a malcapitati investitori vera e propria robaccia. Ormai diverse sono le condanne ottenute dai risparmiatori contro gli istituti di credito aventi ad oggetto la restituzione dei capitali investiti per comprare quei titoli. E riteniamo che saranno sempre di più".

  • Tutto sull' Indulto
  • Archivio Risparmio Tradito
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO