TuttoTrading.it

22/02/2008 AMBIENTE. Cnr: meno rifiuti con i pomodori! (SB, http://www.helpconsumatori.it)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attività creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

Quante cose si possono fare con gli scarti dei pomodori! Sembra incredibile ma dai rifiuti dell'indiscusso protagonista della dieta mediterranea è possibile ricavare materiali per l'agricoltura come vasi biodegradabili, biofilm per prolungare la vita degli alimenti e packaging. Lo rivelano i risultati di una ricerca condotta dall'Istituto di chimica biomolecolare (Icb) del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) di Pozzuoli e Avellino, presentato questa mattina a Napoli, in occasione del convegno "Presente e futuro dei bioimballaggi attivi nella filiera dell'agroalimentare. Come trasformare i residui vegetali in ricchezza". Lo riferisce il Cnr in una nota.

"Dagli scarti industriali derivanti dalla lavorazione del pomodoro - ha spiegato Barbara Nicolaus dell'Icb-Cnr di Pozzuoli - è stata ottenuta una nobilitazione di semi e bucce con il recupero di biomolecole d'interesse. In particolare, è stato messo a punto un metodo di estrazione di polisaccaridi a basso impatto ambientale, rapido, di facile applicazione e in grado di fornire alte rese di prodotto. Inoltre, ne sono state sperimentate ed ottimizzate le potenzialità per la realizzazione di biomateriali tra cui un nuovo materiale per l'imballaggio alimentare".

Oltre che per l'imballaggio, gli scarti della lavorazione del pomodoro serviranno a sostituire gli antiestetici teloni di plastica nera usati per la "pacciamatura", ossia per evitare la proliferazione di erbe infestanti. Inoltre, verranno utilizzati per la creazione di contenitori biodegradabili per la cosiddetta "tray plant". In pratica le piantine sono messe a crescere in contenitori di polistirolo (tray o nursery pots) da 15 fori contenenti un substrato costituito principalmente da torba bionda fibrosa. Nel periodo invernale le piante, in pieno riposo vegetativo, sono tolte dai contenitori di polistirolo e, con tutto il substrato e le foglie più giovani, sono poste in terra e portate a crescita.

Il pomodoro contribuirà quindi a risolvere il problema ambientale dell'eliminazione degli scarti dell'industria alimentare conserviera, consentendo anche una riduzione dei costi. Il popolare ortaggio, infatti, è uno dei prodotti di maggiore interesse per l'industria alimentare mondiale. In Italia, in particolare, le industrie agro-alimentari conserviere e la trasformazione industriale rappresentano un importante settore per l'economia, con circa 200 stabilimenti presso cui sono trasformate circa 6.300.000 tonnellate di pomodori (dati 2004), quasi il 70% della produzione.

http://www.helpconsumatori.it

  • Archivio Giornata del Rifiuto
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO