TuttoTrading.it

25/12/2006 Il Natale di tutti (Lidia Campagnano, http://www.altrenotizie.org)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attività creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

Nessuna banalità del Natale, quest’anno: lievita lo scontro ideologico sull’uso pubblico dei simboli (il presepio, che minaccia di diventare un’ingiunzione) e per giunta, proprio alla vigilia, una Chiesa, quella cattolica, che si considera l’unica erede legittima di Gesù di Nazareth, tiene fuori dalle sue porte un uomo che è morto scegliendo, per amore di altri, di pubblicizzare la sua volontà di interrompere una sopravvivenza per lui insensata. Simboli di vita e simboli di morte domandano a chiunque una severa interrogazione: succede quando i simboli si inaridiscono invocando urgentemente altra vitalità di pensiero, nuova creazione simbolica. Per una volta sarebbe giusto che tutti e tutte, indipendentemente dalla loro posizione religiosa o culturale o politica, festeggiassero questo Natale come segno di una necessità e di una speranza: quella di farsi creatori e creatrici responsabili della nascita di un’orizzonte umano più grande, grande quanto la Terra e insieme più intimo, più radicato nelle ragioni profonde e personali.

Non c’è più bisogno, direi, di anticlericalismo: le Chiese, tutte, ma soprattutto l’arrogantissima erede presunta del grande ebreo palestinese di duemila anni fa, sono alle corde sui temi dei quali intendono avere il monopolio, l’inizio e la fine della vita. L’inizio ridotto a embrione, grumo di cellule isolato come in laboratorio, da sottrarre con la violenza del braccio secolare alla scelta materna, la fine ridotta alla sottomissione tecnologica: quando si arriva a simili esiti il rischio è la distruzione catastrofica di ogni rito e di ogni festa, è il nichilismo.

In particolare, esemplarmente, i funerali di Piergiorgio Welby davanti alla Chiesa che lo ha respinto parlano di questo rischio (la disperazione degli uomini di chiesa sta portando a un esito paradossale). Ma parlano anche della resistenza di chi tiene stretti i propri saperi sull’umana necessità di rendere esprimibili, comunicabili, socializzabili i sentimenti elementari; e perciò crea una sua propria inedita celebrazione, con timore e con coraggio, con stile e con goffaggine. Umanamente.

Il Natale, come tante altre feste religiose di ogni religione, è un momento favorevole alla meditazione, vale a dire di quel modo di pensare che richiede impegno individuale e rigoroso, ma anche capacità di farsi prendere e persino invadere da ritmi, immagini e sentimenti fluttuanti. La meditazione è una libertà di pensare ed è anche una scelta di comunicare col mondo come se il mondo fosse un’entità personale, come se avesse un’anima. “Come se”: in queste due parolette sta la religiosità potenzialmente comune tra atei e credenti, tra fedeli e agnostici, fonte irrinunciabile di razionalità e di sentimento, perché la razionalità sia umanizzante e il sentimento sia civile.

Una potenzialità sempre più attaccata dall’intolleranza: non per caso la Chiesa cattolica teme la libera meditazione e tenta sempre più di arginarla entro divieti, distinguo, tabù che sono indirizzati tanto all’interno delle proprie mura quanto, bellicosamente, all’esterno. Ma il risultato è di nuovo un immiserimento del pensiero e uno svuotamento delle parole tale da fare buona compagnia, quasi in parallelo, al vuoto della chiacchiera mediatica, della chiacchiera politica. Due giorni fa, in una celebre piazza romana, è stato “inaugurato”un presepio con due interventi perfettamente simili, quello del prete e quello dell’assessore, entrambi volti a polemizzare contro quelli che sono stati definiti come attacchi al presepio (!). Alla fine è stata impartita una benedizione “bi-partisan”.

Sembrava di assistere all’istallazione di un paesaggio di nanetti in qualche parco pubblico di nuova apertura. E’ giusto così, il presepio è infatti uno dei tanti Piccoli Mondi che l’eterna attività di gioco dell’umanità allestisce per offrirsi antiche e nuove possibilità di meditazione sulla convivenza, che è tema cruciale per la nostra specie. Convivenza sotto un tetto, convivenza tra uomo e donna, tra bambini e grandi, convivenza in dignitosa povertà, convivenza nel lavoro e tramite il lavoro e i suoi prodotti, convivenza tra diversi per abbigliamento e colore della pelle, convivenza con gli animali, con le montagne, con il cielo stellato. Basta tapparsi le orecchie di fronte alla chiacchiera e il Piccolo Mondo diventa il paesaggio di un pensiero migliore, perché prodotto dalla libertà e dalla socialità tra uguali.

Perciò niente paura: gli umili anonimi umani e umane che giocano seriamente con i simboli, con la meditazione, con i sentimenti, con le idee, erediteranno la Terra e tutti i suoi presepi e le sue feste e cerimonie. Le eredità implicano obblighi: la Terra va curata e resa migliore. Anche a Natale.

  • Archivio Religioni
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO