TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 09/02/2009 Decreto della vergogna: l' Italia è razzista? (Mario Braconi, http://www.altrenotizie.org)

    Ricerca personalizzata

    09/02/2009 Decreto della vergogna: l' Italia è razzista?  (Mario Braconi, http://www.altrenotizie.org)

    La cronaca politica di questi ultimi giorni ci costringe ad osservare l’approvazione di una serie di provvedimenti che possono solo essere definiti persecutori nei confronti degli immigrati. Cade il tabù, la foglia di fico, è ufficiale: l’Italia è ostaggio di una minoranza di razzisti. Per tentare di placare in qualche modo le voglie dell’alleato nordista, che insegue in modo delirante la “normalizzazione” di ogni forma di “diversità”, Berlusconi benedice un Decreto Legislativo che è un’orgia di norme violente e demenziali. Oltre che pericolose. Che la Lega sia naturalmente incline ad assecondare i sentimenti più bassi dei suoi elettori meno istruiti è cosa nota. In questo caso, però, i suoi uomini sono riusciti a superare in estremismo anche i fan più sfegatati.

    Gli eccessi della carica leghista suscitano perplessità quanto non uno strisciante atteggiamento ostile perfino tra gli alleati, i quali, al Senato, per ben tre volte, contribuiscono a mandare sotto il governo e un quarto incidente è sfiorato per un pelo. Non serve essere ultrà antiberlusconiani per rallegrarsi di questi “incidenti”: basta tenere ai diritti umani e nutrire una (pur vaga e precaria) fiducia nell’intelligenza umana. Infatti, grazie al salutare elettrochoc, al Senato non passano: una norma che avrebbe svuotato di senso l’istituto del ricongiungimento familiare ammettendolo solo per i parenti dell’immigrato che risiedano regolarmente in Italia da cinque anni (!) e una disposizione che avrebbe esteso da 60 giorni a 18 mesi il periodo di detenzione (nei centri di identificazione) dell’immigrato clandestino.

    Al Senato, quando un provvedimento ha un numero pari di voti favorevoli e contrari, esso si dà per bocciato: per questa unica ragione fallisce l’arrembaggio del deputato PD Felice Casson, autore di un emendamento mirato a rimuovere dall’ordinamento italiano la rivoltante disposizione che prevede il pagamento una tassa di soggiorno: emendamento approvato da 129 senatori ma respinto da altrettanti. Ora i leghisti potranno raccontare ai propri elettori che aumentare questa tassa di una volta e mezza (da 80 a 200 euro) ha inferto un colpo mortale all’immigrazione clandestina, oltre, è chiaro, a rimpinguare le sempre sofferenti casse dello Stato.

    Questi intoppi, segnali di un giustificato malumore degli alleati meno estremisti, non scoraggiano l’agguerrita pattuglia leghista, che nell’ideazione degli emendamenti al decreto legge sulla sicurezza mostra una creatività insospettabile quanto degna di più nobili scopi: viene così approvata una norma che impone la creazione di una anagrafe dei clochard (geniale ossimoro) e vengono finalmente ufficializzate dallo Stato le ronde di cittadini, facilitando l’auspicato ritorno ad un medioevo contemporaneo di bruti con torce, falci e forconi. Sfortunatamente, le Camicie Verdi di Bossi, non potranno dotarsi di armi; ma confidiamo sul fatto che il Governo non manchi (presto) di rimediare a questo imperdonabile vulnus.

    L’opera leghista non sarebbe completa senza il suo tocco finale: l’emendamento che consente ai medici di denunciare l’immigrato clandestino bisognoso di cure. Il comma 5 dell’art. 35 del 5 del Decreto Legislativo 25 luglio 1998, n. 286 prevede che “l'accesso alle strutture sanitarie da parte dello straniero non in regola con le norme sul soggiorno non può comportare alcun tipo di segnalazione all'autorità, salvo i casi in cui sia obbligatorio il referto, a parità di condizioni con il cittadino italiano”: una norma umana ed intelligente che, in quanto tale, non poteva resistere alla furia padana, determinata a perseguitare gli immigrati in tutti i modi, anche nel loro letto di dolore. Per questo l’emendamento 39.306 cancella questo comma: la sua abrogazione concretizza il tentativo di trasformare i medici in delatori, attori di un pervasivo meccanismo di controllo generalizzato. Visto che l’infame emendamento passa con 156 voti favorevoli e 132 contrari, viene da pensare a dove siano mai finite le anime belle che il giorno prima avevano votato contro il loro governo. E’ vero: la portata pratica di questa misura è minima, dato che - fortunatamente - i medici non sono obbligati a denunciare il clandestino. Eppure l’approvazione ampia di questo emendamento sta ad indicare un atteggiamento pericolosamente impermeabile alla sofferenza umana.

    L’unica buona reazione, per ora, arriva dalla Regione Puglia, dove il governatore Nichi Vendola ha replicato al provvedimento approvato minacciando di “revocare la convenzione ai medici di base che segnaleranno la presenza di clandestini nei propri ambulatori”. Già col piano della salute dello scorso settembre, del resto, l'amministrazione pugliese aveva esteso ai medici di famiglia l'obbligo di prestare assistenza anche agli stranieri senza permesso di soggiorno. Vendola non ha esitato a definire il voto del Senato “un modo di legiferare parafascista”, dicendosi però “convinto che non sarà necessario arrivare alla sanzione, perché c'è con i nostri medici consonanza di principi costituzionali e di solidarietà umana. Tuttavia, se qualcuno dovesse dar corso alla denuncia, sappia che rischia di perdere la convenzione con la Regione”. Gli fa eco dal Piemonte la Governatrice Mercedes Bresso: “È una misura non umana e oltretutto sbagliata”. E sulla stessa lunghezza d'onda si sintonizzano le giunte di Marche e Lazio, pronte a varare mozioni sull'obiezione di coscienza per i professionisti della sanità.

    Fortissima la contrarietà al provvedimento di associazioni professionali di medici e paramedici nonché delle ONG: secondo “Medici Senza Frontiere”, le nuove norme dell’esecutivo, oltre ad essere irrispettose nei confronti del ruolo dei medici, hanno tutte le carte in regola per creare una “marginalizzazione sanitaria”, cosa che, al di là di ovvie considerazioni etiche, aumenta “i fattori di rischio per la salute collettiva”. Anche questo accade quando alla malafede si coniuga una convinta ignoranza. Il tutto condito con una lurida speculazione politica.

    09/02/2009 Maroni querela Famiglia Cristiana che accusa il Governo di approvare vere e proprie leggi razziali (http://www.canisciolti.info)

    ''Sono profondamente indignato e offeso dalle deliranti dichiarazioni di Famiglia Cristiana che accusa me, il Governo e il Parlamento Italiano di approvare vere e proprie leggi razziali''. Lo dichiara in una nota il ministro dell'Interno, Roberto Maroni, in merito all'editoriale di Famiglia Cristiana.

    ''E' un attacco di violenza inaudita nei toni e nei contenuti - prosegue il titolare del Viminale -, tanto piu' inaccettabile in quanto si fonda su presupposti palesemente falsi: le norme del pacchetto sicurezza all'esame del Parlamento Italiano sono gia' in vigore in molti Paesi europei, senza che i Governi di questi stessi Paesi siano mai stati insultati con tanta violenza come Famiglia Cristiana fa regolarmente con quello italiano''. ''Per tutelare la mia onorabilita' e quella della carica che ricopro - conclude il ministro - ho deciso quindi di dare mandato ai miei legali di agire in ogni sede civile e pensale per contrastare questa aggressione premeditata da parte di chi usa consapevolmente la violenza di affermazioni false per combattere chi ha opinioni diverse dalle proprie''.

    09/02/2008 Veltroni: L'Italia sta precipitando verso le leggi razziali (http://www.canisciolti.info)

    L'Italia sta precipitando verso le leggi razziali, adesso il ministro Maroni denunci anche me". E' la provocazione lanciata da Veltroni, segretario Pd, al ministro degli Interni. Maroni aveva reagito duramente all'editoriale pubblicato da 'Famiglia cristiana' in cui si condannano, paragonandoli alla legislazione fascista, i provvedimenti adottati dal governo contro l'immigrazione clandestina.

    09/02/2009 Follini: Berlusconi, secondo me, ci vuole portare alle elezioni (http://www.canisciolti.info)

    ''Berlusconi, secondo me, ci vuole portare alle elezioni. Non importa che si sia votato meno di un anno fa, che il Cavaliere abbia vinto a mani basse e che la sua maggioranza gli riservi tutta la disciplina del caso. In ballo c'e' la sua natura politica. Che e' avventurosa, insofferente verso i vincoli, le procedure, le complicazioni, incurante dei delicati equilibri di convivenza che tengono insieme un paese''. Ad affermarlo in un articolo per il 'Riformista' e' Marco Follini (Pd) sostenendo che a questo disegno e' funzionale l'attacco del Cavaliere al Quirinale alla Costituzione di ispirazione sovietica.

    ''C'e' in lui - prosegue Follini - qualcosa di prometeico, direbbero i suoi tifosi, un gusto della sfida e dell'azzardo che lo spinge a rilanciare di continuo, indifferente a quelle ragioni di prudenza che la buona, vecchia politica ha insegnato a molti di noi. La quotidianita', con i suoi faticosi rendiconti, non gli appartiene. E difatti sta studiando come liberarsene. Tanto piu' in tempi di magra dell'economia''. ''Dunque, prepariamoci. Lo show-down con il Quirinale e l'assalto alla Costituzione di impronta 'sovietica' annunciano una nuova stagione politica -sostiene Follini- e richiedono anche a noi di abbozzare una strategia. E' abbastanza ovvio che l'illusione del dialogo -oggi sul 4 per cento e la Rai, domani forse sul federalismo, dopodomani chissa'- s'e' dissolta nei roghi politici e istituzionali di queste ore. Siamo nel pieno dei rigori dell'inverno della Repubblica e abbigliarci come se dovessimo andare a un picnic primaverile sembra davvero imprudente''.

    ''E pero' non va bene neppure indossare il passamontagna. Gia', perche' quanto piu' 'il principale esponente dello schieramento avversario' tende a strappare, tanto piu' noi - scrive Follini - dobbiamo essere capaci di cucire. Questo e' il momento in cui il Pd dovrebbe prodigarsi ad offrire le rassicurazioni piu' impegnative e generose all'Italia moderata e benpensante, all'Italia del 'progresso senza avventure' per dirla con Fanfani. Una parte dell'elettorato berlusconiano e' galvanizzata dal Cav piu' di lotta che di governo. Ma un'altra parte ne e' frastornata e spaventata, ne teme le incognite, in fondo in fondo ne disapprova le forzature. E' questa parte che a lungo andare decidera' le sorti della contesa politica nel nostro paese''. ''Berlusconi sta rendendo sempre piu' esplicita la sua sfida alla tradizione politica e costituzionale. Il suo tratto populista fa sbiadire il profilo del normalizzatore che s'era annunciato all'indomani del voto dell'aprile scorso. La sua irrequieta sbrigativita' -conclude Follini- fa a pugni con le cautele e la misura che erano tipiche del retaggio democristiano. In queste condizioni spingere il Pd ancor piu' a sinistra significherebbe davvero immortalare il Cav''.

    http://altrenotizie.org
    Quest'opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

    http://www.canisciolti.info

  • Archivio Razzismo
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO