TuttoTrading.it

TUTTO
FRANCOBOLLI



Home
Contatti

Informazione A.Informaz. Granditemi Dividendi Divid.2017 Divid.2018 Divid.2019 Divid.2020 Divid.2021 Divid.2022 Divid.2023 Divid.2024 T.Economia Tuttoborsa Tuttobanche Glossari T.Shopping Sicurezza Inf. Tuttoscuola Tuttoweb Tuttotrading

VAI ALLA MAPPA DEL SITO




28/02/2011 Raccolta olio esausto a Sant'Antonio Abate (NA) (http://www.beppegrillo.it)

TUTTOFRANCOBOLLI per iniziare o continuare una collezione a prezzo favorevole o per regalare una bella collezioncina ad un giovane

Ricerca personalizzata
TUTTOFRANCOBOLLI per iniziare o continuare una collezione a prezzo favorevole o per regalare una bella collezioncina ad un giovane





RECUPERO OLI VEGETALI ESAUSTI

Noi utilizziamo quotidianamente l'olio di oliva, di semi di soia o di girasole per cuocere la carne, il pesce o le verdure. L'olio vegetale che usiamo, raggiungendo alte temperature, si trasforma in un liquido denso e appiccicoso, di colore rosso-bruno o giallo, con un odore sgradevole diventando OLIO VEGETALE ESAUSTO. In Italia ogni anno ne vengono prodotte circa 300 mila tonnellate (tra industrie, attività commerciali e civili abitazioni).
Troppe volte questo olio esausto finisce nel lavandino o nel water e quindi nelle fogne. Il suo viaggio termina nell'impianto di depurazione (quando c'è), nel quale non sempre si riesce a rendere di nuovo pulito questo liquido prima che sia scaricato nel mare, nei laghi o nei fiumi. Il problema principale è che questi oli vegetali esausti impediscono al depuratore di funzionare correttamente. Di conseguenza, essendo più leggero dell'acqua, l'olio esausto galleggia e crea uno strato in superficie, che impedisce il passaggio dell'ossigeno, causando in tal modo la morte dei pesci e delle piante nell'ambiente acquatico. Un solo litro d'olio esausto è capace di inquinare uno specchio d'acqua grande come un stadio di calcio.

Aiutaci a fermare questo processo inquinante ed inquietante: solo un corretto trattamento degli oli esausti può preservare l'ambiente da danni ingenti. Per ottenere questo è necessario raccogliere l'olio vegetale esausto nelle ISOLE ECOLOGICHE, che sono dei punti di raccolta attrezzati da dove i rifiuti vengono smistati in particolari centri che provvedono a riciclarlo e renderlo meno pericoloso per l'ambiente. Dagli oli vegetali esausti, infatti, è possibile ricavare oli lubrificanti ecologici, saponi e carburante per le automobili, come il biodiesel, che è meno inquinante del gasolio prodotto dal petrolio.

Domenica 30 gennaio, in Piazza Vittorio Emanuele II, dalle ore 9,00 alle ore 13,00 Città Attiva organizza una raccolta di olio esausto, che provvederà poi a fornire alla ditta Papa Ecologia per il riciclaggio.

http://www.beppegrillo.it
Quest'opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

  • Archivio Raccolta Differenziata
  • Temi sulla Raccolta Differenziata Olio Esausto
  • Ricerca personalizzata