TuttoTrading.it

04/02/2007 Catania: Un poliziotto morto e 80 feriti per una partita di calcio (http://www.canisciolti.info)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attività creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

Tragedia allo stadio di Catania dove un poliziotto è morto per il lancio di una bomba carta durante gli scontri con i tifosi di Catania e Palermo, in città per assistere al derby tra le due squadre nell'anticipo della 22esima giornata di campionato di serie A. A perdere la vita è stato l'ispettore capo Filippo Raciti di 38 anni. Secondo una prima ricostruzione lo scontro sarebbe avvenuto fuori dallo stadio mentre i tifosi del Palermo entravano al Massimino.

Le forze dell'ordine si sarebbero frapposte tra gruppi di ultras, cercando di evitare i disordini. Proprio durante l'intervento dei poliziotti l'agente è stato ferito al viso dal lancio di una bomba carta. Raciti è arrivato in fin di vita nell'ospedale Garibaldi, dove le sue condizioni sono sembrate immediatamente gravi e lì è deceduto, dopo un'agonia di 45 minuti. I gravissimi episodi di Catania hanno spinto il commissario straordinario della Figc, Luca Pancalli (nella foto) a decidere lo stop di tutti i campionati. "Ho disposto lo stop di tutte le attività, il calcio in Italia si ferma. Ora basta, veramente basta. E' una situazione che non riesco neanche a commentare, perdere la vita a 38 anni è incredibile", ha detto il commissario straordinario della Federcalcio.

"Questo non è sport -ha aggiunto-, sono d'accordo con Petrucci e con tutte le componenti del calcio e abbiamo bloccato tutto". "In questo momento la mia mente da persona e uomo di sport è confusa -ha proseguito-. Sto vivendo in modo drammatico, per me è inaccettabile, non trovo nulla di sportivo in quello che sto vivendo. Qualsiasi altra decisione sarà presa, ma quella di fermare i campionati era la principale che ritenevo di dover prendere immediatamente". Pancalli poi ha incontrato i due vicecommissari Gigi Riva e Massimo Coccia, un vertice che ha visto decidere lo stop anche alle partite delle nazionali azzurre, sia l'amichevole di quella maggiore mercoledì a Siena contro la Romania, sia l'amichevole dell'under 21 martedì a Chieti con il Belgio. Sempre Pancalli ha fatto sapere che verrà convocato per lunedì "un tavolo d'emergenza" con i ministri Amato e Melandri a Palazzo Chigi per superare una volta per tutte il problema della violenza nel calcio. "Non basta infatti una giornata di stop - ha detto il commissario straordinario - I campionati non ricominceranno finché non si troverà una soluzione".

La decisione della Figc è stata giudicata appropriata e necessaria anche dal premier, Romano Prodi: "Condivido la scelta della Figc in segno di lutto e come monito contro la degenerazione del mondo dello sport, e non solo, che si deve fermare a riflettere". La partita di Catania è stata caratterizzata da scontri fuori e dentro allo Stadio. Secondo le informazioni le violenze del prima e del dopo partita hanno provocato circa 80 feriti. Tra questi numerosi agenti di polizia. I soccorritori hanno portato i colpiti negli ospedali Vittorio Emanuele e Garibaldi. Nessuno -si è saputo in tarda serata- è in pericolo di vita. Secondo quanto si apprende da fonti ospedaliere le condizioni più serie sono quelle di due poliziotti. Uno ricoverato in rianimazione, ma lì non per la gravità della situazione, piuttosto per potere essere sottoposto a esami diagnostici, tra i quali la tac.

Un altro agente è invece in osservazione per un trauma cranico subito durante i disordini, quando è stato investito da uno scooter. Il match era stata interrotto al 14' del secondo tempo, a causa dei fumogeni lanciati dai tifosi e terminati sul terreno di gioco. Il denso fumo sul terreno del 'Massimino' ha costretto l'arbitro Farina a sospendere la gara, poco dopo il vantaggio del Palermo firmato da Andrea Caracciolo al 5' della ripresa. Poi la partita era ripresa e il risultato finale ha visto il Palermo imporsi per 2-1. Un dato che però non ha più alcun significato e che ha lasciato il posto a quello del bollettino di guerra che è stato stilato dalle autorità. Solo Intorno alle 11.00, dopo circa due ore dalla fine dell'incontro, i tifosi del Palermo e la squadra rosanero hanno potuto lasciare lo stadio, scortati dalle forze dell'ordine.

  • Archivio Vi Regalo un Fiore
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO