TuttoTrading.it

23/01/2007 Abbé Pierre, una vita spesa a fianco dei poveri (Serena Sartini, http://www.korazym.org)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attività creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

Clicca qui per ingrandire| Fondatore della Comunità Emmaus, simbolo del cattolicesimo francese, una vita interamente spesa al servizio dei poveri e dei diseredati. E’ morto ieri Abbé Pierre, aveva 94 anni.

Fondatore della Comunità Emmaus, simbolo del cattolicesimo francese, una vita interamente spesa al servizio dei poveri e dei diseredati. E’ morto ieri Abbé Pierre, aveva 94 anni. Uno dei personaggi più popolari della Francia, nell'ottobre 2005 fece scalpore per l'uscita di un libro in cui ammetteva di aver avuto rapporti sessuali con una donna dopo l'ordinazione e in cui sosteneva le unioni omosessuali. I funerali sono stati fissati per venerdì alle 11 nella cattedrale di Notre-Dame de Paris, mentre giovedì alle 19 ci sarà un grande raduno al palazzo dello sport di Paris-Bercy. La salma dell'Abbé Pierre sarà poi inumata nella più stretta intimità, come era suo desiderio, a Esteville (Seine-Maritime), presso la comunità di Emmaus dove viveva il religioso. Mercoledi e giovedì, dalle 10 alle 22, sarà allestita una camera ardente nella cappella dell'ospedale Val de Grace di Parigi.

IL CORDOGLIO DEI VESCOVI FRANCESI

Commozione e tristezza sono i sentimenti più diffusi in Francia dopo la morte dell'Abbé Pierre. Con un messaggio il presidente della Conferenza episcopale francese, cardinale Jean Pierre Ricard, ricorda la figura del religioso: "Venendo a conoscenza della morte dell'Abbé Pierre mi torna in mente con emozione la frase con cui terminava la sua 'Lettera a Dio' il 4 ottobre del 2005: "Padre, attendo da lungo tempo di vivere nella vostra totale presenza, che altro non è che Amore". L'Abbé Pierre, adesso, "si è riunito al Padre. Che Dio l'accolga nell'infinità del suo Amore". L'arcivescovo di Bordeaux invita Emmaus e la fondazione Abbé Pierre a continuare sul cammino tracciato dal loro fondatore, così da "ricordare a tutti l'eccezionale testimonianza di impegno e di umanità che fu la vita dell'Abbé Pierre, fonte di speranza per tutti noi".

NEL TESTAMENTO, IL COPYRIGHT SUL NOME

Nel suo testamento l'Abbé Pierre ha lasciato istruzioni per assicurare protezione legale al suo nome "Abbé Pierre". Lo rivela il biografo del religioso, Bernard Violet. Si tratta di un documento di 114 pagine", la cui versione definitiva risale al 1997. Il testamento prevede la protezione del nome "Abbé Pierre", che è stato legalmente registrato e depositato. Chiede anche di consegnare al museo dei pompieri di Parigi "la sua leggendaria mantellina nera" che un colonnello dei pompieri gli aveva regalato dopo il suo celebre appello del 1954 in favore dei senza dimora.

LA VITA

Il suo vero nome era Henri Groues. Nato in una famiglia benestante il 5 agosto del 1912 a Lione, studiò dai gesuiti e poi entrò nell'ordine dei Cappuccini. Prese gli ordini religiosi nel 1938 e, durante la seconda guerra mondiale, partecipò alla resistenza francese salvando numerose vite e favorendo la fuga di ebrei e perseguitati politici verso Svizzera o Algeria. Nel 1944 fu arrestato dai tedeschi nel sudovest della Francia, ma riuscì a fuggire e a riparare in Algeria. Rientrato alla fine della guerra, Pierre si imbattè in un ex carcerato che aveva le sue stesse idee e insieme rinnovarono un vecchio edificio alla periferia di Parigi per dare riparo ai senzatetto. Nacque così nel 1949 la prima comunità Emmaus che si sosteneva soprattutto riciclando e rivendendo rifiuti. L'organizzazione divenne un movimento internazionale con centri in cinquanta Paesi. L'Abbé Pierre si impose all'attenzione nazionale con una trasmissione radiofonica andata in onda in una fredda notte dell'inverno del 1954. "Amici miei, aiuto! Una donna è morta assiderata alle 3 di questa mattina", disse riferendosi a un fatto accaduto nel centro di Parigi. "La donna è morta sulla strada a Boulevard Sebastopol. In mano aveva ancora il documento con cui il giorno prima gli era stato notificato lo sfratto". Circa 40 anni più tardi, lo stesso frate, con la stessa tonaca e il berretto nero, avrebbe lanciato un appello analogo ma questa volta diretto ai politici di Francia: "Dirigenti eletti: è arrivato il momento di agire affinchè tutti abbiano un alloggio... La Francia deve costruire case, ha le risorse per farlo", disse ad agosto del 2003, quando si stava manifestando una nuova ondata di senzatetto.

LEGION D'ONORE E PREMIO BALZAN

All'Abbé Pierre nel 1992 fu conferita la Legion d'Onore e il religioso fu anche proposto per il Nobel per la Pace. In anni recenti i sondaggi lo indicavano come la figura più popolare della Francia, prima di politici e imprenditori. Nel 1996 si attirò molte critiche per alcune dichiarazioni in favore del suo amico Roger Garaudy, scrittore comunista convertitosi dal cattolicesimo all'Islam e diventato poi un negazionista dell'Olocausto. Ma quella circostanza non scalfì la popolarità dell'abate Pierre. Ha vissuto gli ultimi anni in una casa per anziani fuori Rouen, nel sudovest della Francia. Nel 1991 l'Abbé Pierre ricevette il Premio Balzan per l'umanità, la pace e la fratellanza tra i popoli. La motivazione del premio recitava: "Per essersi sempre battuto, durante tutta la sua vita, in difesa dei diritti umani e della democrazia e a favore della pace. Per essersi interamente dedicato al soccorso dei sofferenti nello spirito e nel corpo. Per aver ispirato, con le Comunità Emmaus, la solidarietà fra tutti gli uomini nei diversi continenti, senza distinzione di nazionalità, di razza e di religione".

  • Archivio Problemi del Mondo
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO