TuttoTrading.it

20/01/2007 Nairobi, al via il primo Social Forum africano (Simone Baroncia, http://www.korazym.org)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attività creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

Dopo le esperienze di Porto Alegre, Mumbai, Karachi, Bamako e Caracas, il Social Forum Mondiale arriva in Africa. Da oggi fino al 25 gennaio, a Nairobi, capitale del Kenya, oltre 100mila persone si confrontano sulle tante facce della globalizzazione.

Dopo le esperienze di Porto Alegre, Mumbai, Karachi, Bamako e Caracas, il Social Forum Mondiale arriva in Africa. Da oggi fino al 25 gennaio, a Nairobi, capitale del Kenya, giornate di incontri, tavole rotonde, manifestazioni culturali curate dalle tante realtà del movimento per una globalizzazione sostenibile. “Il fatto che il Forum Sociale Mondiale si svolga in Africa - afferma il vice segretario alla Cooperazione Patrizia Sentinelli (il governo italiano parteciperà ufficialmente con una delegazione) - assume un grandissimo valore. Innanzitutto perché lancia un messaggio chiaro: è tempo che l’Africa venga considerata dal mondo per quello che è, ovvero un continente in fermento, sia politico e sociale”.

Nella capitale del Kenya sono attesi 100mila convegnisti e gli abitanti della capitale hanno fatto proprio i ‘salti mortali’ per ospitare nelle loro case i delegati di oltre 100 organizzazioni non governative. Parafrasando un grande poeta e statista africano, Leopold Senghor, il Forum rappresenta per la società africana un appuntamento del ‘dare e del ricevere’: “Per la prima volta nella storia - precisa padre Giulio Albanese, già direttore dell’agenzia Misna- la società civile africana potrà assurgere all’onore delle cronache internazionali ponendo all’attenzione del mondo i problemi di un continente scaturiti dal fallimento delle politiche globali”.

E i temi in campo sono numerosi: dalla questione del debito agli accordi commerciali, dalle politiche del WTO al fenomeno migratorio, dalla questione della sicurezza ai processi di pacificazione; dalla salute all’istruzione, dalla diversità culturale ai giovani ed alle donne. Ma la vera scommessa del Forum è far emergere l’Africa dal debito. Per l’economista Riccardo Moro, responsabile della Fondazione Giustizia e Solidarietà della CEI, la remissione del debito “è una sfida che continua. Recentemente è stato firmato un accordo di conversione del debito con il Kenya, richiesto con insistenza dalla campagna ‘W Nairobi W’. Può essere un’ottima occasione per usare il denaro in favore dei baraccati delle periferie di Nairobi con il loro coinvolgimento”. Un secondo tema importante riguarda l’acqua. Secondo Riccardo Petrella, direttore del Comitato della difesa dell’acqua: “la povertà oggi è legata al sistema economico globale e non farvi riferimento come ad uno dei fattori determinanti della perennizzazione della povertà, significa indebolire le analisi. Purtroppo gli economisti oggi affermano che, poiché essa è oggetto di domanda individuale dato che risponde a bisogni diversificati, l’acqua non è più un bene comune pubblico, è un bene economico. E come tale va trattato”.

Un ulteriore aspetto del Forum riguarda il commercio. Il presidente delle ONG italiane, Sergio Marelli, sostiene che “le politiche agricole dei paesi occidentali sono ancora fortemente sovvenzionate e questo consente di produrre e di esportare a prezzi estremamente competitivi. Senza la possibilità di usufruire degli aiuti statali i paesi africani producono a costi più alti e la concorrenza li spinge fuori dal mercato e li rende mercati di importazione per i prodotti dal Nord del mondo, che sono molto più convenienti grazie ai sussidi all’esportazione”. Ma il forum in Africa non è solo dibattito sugli interessanti temi che coinvolgono il mondo, ma anche partecipazione e comunicazione.

È questa la sfida ‘dal basso’; la nuova democrazia partecipativa, partita da Porto Alegre in Brasile, e approdata in India, tenta una sfida impossibile: quella di ‘rivitalizzare’ una coscienza africana, che per molti secoli è stata colonizzata. Quindi il Forum si spande nei quartieri ‘proibiti’ della città, per fare giocare i bambini, per informare i genitori sulla tutela dell’infanzia e per dare dignità ai lavoratori. Ecco che diventa necessaria la comunicazione. Perciò a Nairobi le ONG hanno creato molte radio e televisioni di strada. Infine bisogna notare la forte presenza della Chiesa cattolica. I Gesuiti hanno portato a Nairobi tutta la propria ‘famiglia ignaziana’; la Caritas sarà presente con propri stands informativi. Inoltre la Chiesa locale, attraverso parrocchie ed associazioni, ha previsto un programma di ‘animazione e coscientizzazione’ per i bambini di strada: un forte risalto sarà dato alla situazione dei ‘bambini-soldato’ e del ‘turismo sessuale’.

Occorre precisare che l’impegno della Chiesa cattolica nel World Social Forum è un legame consolidato: infatti fin dai WSF di Porto Alegre la Chiesa Cattolica ha messo a disposizione dei delegati le proprie strutture ed ha coinvolto negli avvenimenti le proprie università. Le aspettative di questo WSF in Africa sono altissime e già qualcuno ha parlato di ‘successo’ per il clima instauratosi nella capitale kenyota. Spazio al programma dunque, a cominciare dal primo appuntamento di oggi: una marcia per la pace da Kibera, la più grande baraccopoli dell’Africa, sullo stile della Perugia-Assisi.

  • Archivio Problemi del Mondo
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO