TuttoTrading.it

TUTTO
FRANCOBOLLI



Home
Contatti

Informazione A.Informaz. Granditemi Dividendi Divid.2017 Divid.2018 Divid.2019 Divid.2020 Divid.2021 Divid.2022 Divid.2023 Divid.2024 T.Economia Tuttoborsa Tuttobanche Glossari T.Shopping Sicurezza Inf. Tuttoscuola Tuttoweb Tuttotrading

VAI ALLA MAPPA DEL SITO




02/09/2008 PRIVACY. Marketing telefonico selvaggio, stop del Garante (BS, http://www.helpconsumatori.it)

TUTTOFRANCOBOLLI per iniziare o continuare una collezione a prezzo favorevole o per regalare una bella collezioncina ad un giovane

Ricerca personalizzata
TUTTOFRANCOBOLLI per iniziare o continuare una collezione a prezzo favorevole o per regalare una bella collezioncina ad un giovane

Marketing telefonico selvaggio e telefonate promozionali indesiderate: scatta lo stop del Garante della Privacy che ha vietato alle società specializzate nella creazione e vendita di banche dati di trattare in tal modo i dati personali di milioni di utenti. Dati e numeri telefonici, avverte il Garante, che sono stati raccolti e usati senza informare i cittadini interessati e dunque senza il loro consenso.

I provvedimenti, dei quali è stato relatore Mauro Paissan, hanno infatti vietato ad alcune società specializzate nella creazione e nella vendita di banche dati, come Ammiro Partners, Consodata e Telextra, l'ulteriore trattamento di dati personali di milioni di utenti. Il divieto è scattato anche per altre aziende, come Wind, Fastweb, Tiscali e Sky, che hanno acquistato da queste società i data base allo scopo di poter contattare gli utenti e promuovere i loro prodotti e servizi tramite call center.

Ai provvedimenti si è giunti dopo richiami e ispezioni presso le società e i call center. Numerosi erano gli abbonati che segnalano chiamate promozionali indesiderate. E dalle verifiche è appunto emerso che i dati degli utenti erano stati ceduti senza informare gli interessati o con un'informazione inadeguata e comunque senza un preventivo consenso.

Una delle società, informa inoltre il Garante, offriva sul proprio sito i dati di oltre 15 milioni di famiglie italiane divisi per reddito e stili di vita. Le aziende che hanno acquistato i dati, dal loro canto, non hanno verificato l'assenso dei cittadini all'uso a fini commerciali e di teleselling, il marketing telefonico.

"Se qualcuno vuole entrare in casa nostra - ha commentato Paissan - deve bussare. Così, se qualcuno vuole chiamarci per vendere un prodotto o un servizio, deve avere il nostro consenso per usare il nostro numero telefonico. Il Garante vuole difendere i cittadini che si sentono molestati da telefonate non desiderate. In questo modo si tutelano anche gli operatori di telemarketing che si comportano correttamente".

http://www.helpconsumatori.it

  • Archivio Privacy
  • Ricerca personalizzata