TuttoTrading.it

03/10/2008 SOCIETA'. L'Ue fissa 3 principi comuni per combattere la povertà (GA, http://www.helpconsumatori.it)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attività creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

Circa il 16% dei cittadini europei è a rischio povertà; per i bambini si parla addirittura del 19%. I giovani che abbandonano la scuola prematuramente sono il 15% e la disoccupazione di lunga durata colpisce il 3% della popolazione dell'Ue. Se non ci fossero i provvedimenti sociali per la riduzione della povertà il rischio sarebbe più alto, riguarderebbe cioè il 26% degli europei. C'è, però, da sottolineare che una notevole percentuale dei destinatari dei programmi di assistenza sociale in realtà non ne beneficia.

Per rendere più efficaci i programmi riguardanti i regimi di reddito minimo e sostenere gli sforzi nazionali per la lotta contro la povertà, la Commissione Ue ha presentato oggi una serie di principi comuni destinati a orientare gli Stati membri nelle strategie elaborate per combattere la povertà. La raccomandazione è basata su 3 aspetti chiave: sussidi adeguati a livello del reddito, mercati del lavoro che favoriscano l'inserimento e accesso a servizi di buona qualità.

I governi nazionali saranno incoraggiati, inoltre, a definire strategie per "l'inclusione attiva" che mira a reintegrare nel mercato del lavoro tutti coloro che possono lavorare fornendo al tempo stesso le risorse necessarie per vivere in maniera dignitosa a coloro che non possono esercitare un'attività. Affinché l'integrazione nel mercato del lavoro sia sostenibile, le persone svantaggiate devono essere sostenute con risorse sufficienti e servizi sociali e occupazionali che siano personalizzati, in modo da garantire la loro partecipazione sociale e la possibilità di svolgere un'attività lavorativa.

"Le attuali strategie per affrontare la povertà spesso non funzionano" ha dichiarato Vladimír Špidla, Commissario responsabile per gli affari sociali. "L'esclusione sociale è il risultato di più problemi, che vanno dalla mancanza di un lavoro o da competenze insufficienti fino ad alloggi inadeguati, emarginazione sociale o disgregazione del nucleo familiare. Dobbiamo adottare un approccio integrato per offrire ai cittadini una vera e propria via d'uscita dalle condizioni di povertà. Ciò significa reintegrare quante più persone possibile nel mercato del lavoro, garantendo al tempo stesso a coloro che non lavorano l'accesso a risorse adeguate per poter vivere in maniera dignitosa".

I principi comuni definiti oggi dalla Commissione rappresentano un contesto volontario per gli Stati membri al momento di definire le loro politiche. Questi principi sono stati nondimeno elaborati grazie a un'ampia consultazione con gli Stati membri e con tutti gli attori interessati.

http://www.helpconsumatori.it

  • Archivio Povertà
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO