TuttoTrading.it

17/01/2005 Vivere nello Slum (Matteo Auriemma, www.verdi.it)

  • Pagina Povertà
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Fame
  • Problemidelmondo
  • Ricerca personalizzata
    GIOCHI GIOCATTOLI
    Articoli da regalo
    Attività creative
    Bambole e accessori
    Bestseller generali
    Burattini e tetrini
    Calendari dell' avvento
    Collezionabili
    Costruzioni
    Elettronica per bambini
    Giocattoli da collezione
    Giocattoli prima infanzia
    Elettronica per bambini
    GIOCHI GIOCATTOLI
    Giocattoli da collezione
    Giocattoli prima infanzia
    Giochi di imitazione
    Giochi da tavola
    Giochi educativi
    Modellismi
    Peluche
    Personaggi Giocattolo
    Puzzle
    Sport Giochi Aperto
    Strumenti Musicali
    Veicoli

    Un rapporto Onu lancia l'allarme. Nel 2020 le persone indigenti stipate nelle baraccopoli mondiali saranno 1.4 miliardi


    Oltre un miliardo di persone indigenti vive nelle baraccopoli. Secondo la definizione di UN-Habitat, l’agenzia Onu per gli insediamenti umani, la composizione di una famiglia che vive nello slum “è un gruppo di individui che, vivendo sotto lo stesso tetto, manca di uno o più elementi essenziali: accesso all’acqua potabile, a servizi sanitari adeguati, spazio vitale sufficiente, qualità e durata strutturale delle abitazioni e garanzie del possesso”.

     

    Se tutto questo valeva, lo scorso anno, per 1.1 miliardi di persone – il 95% delle quali risiede nelle metropoli del sud del mondo – le ultime stime evidenziano un numero in costante crescita.

     

    Come spiega “UN Millennium project 2005. A home in the city”, il rapporto Onu sulla condizione di vita nelle bidonvilles, il senso di esclusione a cui sono sottoposte queste persone è una realtà scottante: “Buoni ospedali e buone scuole – si legge nel documento – possono essere dietro l’angolo, ma gli abitanti degli slum vi accedono raramente. Le medicine possono essere disponibili, ma sono troppo costose. L’acqua decente è spesso abbondante e a buon mercato, ma non raggiunge gli slum”.

     

    Quali sono gli obiettivi del millennio per combattere la povertà? “Miglioramento significativo della vita di almeno 100milioni di abitanti delle baraccopoli entro il 2020”.

     

    Ma tutto ciò potrebbe non bastare. “Se non saranno avviate azioni di rimedio e prevenzione – sottolinea il rapporto Onu – si prevede che, entro il 2020, circa 1.4miliardi di persone vivrà negli slum di regioni a reddito basso e medio”.

     

    Nel documento si legge anche che dal 2005 al 2020 serviranno circa 42 dollari l’anno per ogni beneficiario, per un totale di 67miliardi di dollari. Per raggiungere questa cifra, si prevede di acquistare e trasferire terre, costruire case, una rete di infrastrutture, scuole e cliniche sanitarie.

     

    Tutto questo dovrebbe consentire di migliorare le condizioni di vita di almeno 100milioni di persone delle baraccopoli. Ma per dare alternative agli altri 570milioni tra uomini e donne, occorrerebbero altri 226 miliardi.


  • Pagina Povertà
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Fame
  • Problemidelmondo
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO