TuttoTrading.it

12/10/2007 Primarie in Italia. All'ombra della 'Casta' (Tiziana Sforza, CafèBabel, visto su http://www.canisciolti.info)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attività creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

Il Ministro della Giustizia Mastella prende il volo di Stato per andare al Gp di Formula 1; il Governatore della Liguria Claudio Burlando guida contromano in autostrada per un chilometro e non viene multato grazie al tesserino di ex deputato prontamente mostrato al vigile; ogni deputato della sezione “esteri” ha diritto a 120mila euro l'anno per spese di viaggio. I politici italiani sarebbero diventati intoccabili. Questo il quadro disarmante fotografato da un libro-inchiesta, La Casta, pubblicato nel maggio 2007 in Italia da due giornalisti del Corriere della Sera. Con oltre un milione di copie vendute in soli cinque mesi, il libro racconta gli aspetti più vergognosi della politica dello Stivale. Tangenti, nepotismo, privilegi immotivati e sprechi di ogni genere. Ben oltre l’umana immaginazione. Basti pensare che il Quirinale spende il quadruplo di Buckingham Palace.

Vaffanculo day

Le proteste non si sono fatte attendere. La Sinistra è al potere dall'aprile 2006 dopo la sconfitta di Berlusconi, ma non è affatto un'altra storia. Beppe Grillo, comico genovese noto per la sua pungente satira, ha portato in piazza oltre 50mila italiani per il “Vaffanculo day” (vedi video a fondo pagina). Un modo certo poco fine per dire “basta” a un Parlamento nel quale siedono 25 onorevoli condannati in via definitiva.
E mentre la bagarre popolare insorge il centro-sinistra crea l’ennesimo partito: il Partito democratico. Un’unica coalizione, una sorta di faro nella tempesta per l’elettore di centrosinistra. Ex-comunisti (i Democratici di Sinistra) ed ex-democristiani di centrosinistra (Margherita) che, insieme ad alcuni partitini, confluiscono in un'unica squadra. Il 14 ottobre 2007 anche il Pd avrà le sue brave primarie per eleggere il proprio leader. Candidato numero uno secondo i sondaggi è il diessino Walter Veltroni, (Sindaco di Roma al secondo mandato) con il 68%, seguito dai cattolici Rosy Bindi (Ministro delle Politiche per la Famiglia) con il 15% ed Enrico Letta (Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri) con solo il 9%. Nascita prevista: primavera 2008 dopo un congresso unitario costituente.

Il wiki-Pd

Che cosa sarà il Pd? Piero Fassino, segretario dei Ds, lo definisce: «Un partito che faccia incontrare i valori storici per cui la sinistra è nata e vive con l’alfabeto del nuovo secolo». Enrico Letta, invece, mira a parlare ai giovani: «È un wiki-Pd, al quale ciascuno porta il proprio contributo sul modello di Wikipedia», l'enciclopedia partecipativa on-line.
Il Pd aspira ad essere motore del cambiamento. Tanto che anche in Francia hanno provato ad ispirarsene. Successe nell'aprile 2007 quando François Bayrou, leader dell'allora Udf – affermatosi come terzo uomo nella corsa all'Eliseo tra Sarkozy e Ségolène Royal – annunciò di voler costituire un Parti démocrate di unità nazionale, che riunisse sotto una sola bandiera le migliori personalità della sinistra e della destra. Un esperimento, più consensuale, che però restò lettera morta. Una scena già vista nell’aprile del 2004, quando Bayrou annunciò, proprio con uno dei padri del Pd italiano, Francesco Rutelli, la creazione di un nuovo Partito Democratico Europeo che raggruppasse i deputati del centrosinistra italiano con i liberali inglesi e tedeschi al Parlamento Europeo. Ma in quella formazione non v'era traccia di forze della sinistra.

Ma è proprio la coesistenza della tradizione riformista con quella centrista che minaccia il futuro del Pd italiano. Il primo banco di prova sarà la collocazione nell'Europarlamento della nuova formazione. Ds e Margherita, i maggiori partiti che di fatto costituiscono il Pd fanno rispettivamente riferimento al Pse e al Pde. Per ora nessuno dei due sembra disposto a scendere a compromessi.
Ma alla fine cambierà davvero qualcosa? L'esperienza italiana ce lo dirà.

Tiziana Sforza - CafèBabel

http://www.cafebabel.com/it/

  • Archivio Partito Democratico
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO