TuttoTrading.it

24/02/2007 Perché gli uomini che "hanno già avuto tanto dalla vita" devono occuparsi di politica? (Carlo Gambescia, http://www.canisciolti.info)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attività creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

Crisi del governo Prodi. Perché gli uomini che "hanno già avuto tanto dalla vita" devono occuparsi di politica? Oggi il Corriere della Sera riporta tra virgolette uno sfogo di Prodi: “Sono stanco di questo andazzo, non è scritto da nessuna parte che debba stare al governo a tutti i costi, a queste condizioni non intendo continuare a metterci la faccia: dopotutto, ho avuto tanto dalla vita, non sono disposto ad espormi ulteriormente ad uno stillicidio di questo genere”.

Ho avuto tanto dalla vita”. Anche Berlusconi, non è nuovo a queste espressioni. Quante volte nei momenti di crisi (politica), ha dichiarato di considerare la carica di Presidente del Consiglio una specie di ciliegina sulla torta? Tante. Si dirà, Berlusconi e Prodi usano una brillante carriera professionale per ricattare i politici di professione, e costringerli a collaborare, minacciando di piantare tutto e dunque di rovinarli, perché, come tutti i politici di professione, e su questo l’imprenditore e il professore sono d’accordo, i parlamentari "sarebbero uomini senza arte né parte”. Può essere. Ma di fondo, crediamo, siano in gioco due fattori.

In primo luogo, personaggi come Prodi e Berlusconi, sono estranei alla politica, intesa come lotta delle idee (non delle ideologie) e ferrea volontà di trasformazione della realtà. Prodi è un tecnocrate, messo a capo di una maggioranza molto politicizzata (si pensi alla sinistra radicale), Berlusconi è un imprenditore, che si è inventato una maggioranza, altrettanto politicizzata (si pensi ad An e alla Lega), cavalcando, quella che di solito viene definita “antipolitica”, mentre invece non è che la futura forma della politica (più partecipativa e “aggressiva”). Ma questa è un’altra storia. Inoltre sia per Prodi che per Berlusconi l’economia viene prima della politica. Di qui la loro tendenza a inquadrare ogni problema in termini di rapporto costi-benefici per il sistema economico. In secondo luogo, sono uomini “arrivati”. Che hanno avuto tutto dalla vita, come appunto asseriscono. E non possono più avere quella “voglia di realizzare” che invece distingue coloro che non si sono ancora affermati. In questo senso mirano più al galleggiamento politico che alle grandi riforme: agli onori e non agli oneri. Il governo Berlusconi ha brillato per il suo sostanziale immobilismo. E quello Prodi è sulla buona strada.

Quando parliamo di grandi riforme intendiamo riforme strutturali, e non pure e semplici “liberalizzazioni” che colpiscono le categorie più deboli e lasciano integri i grandi monopoli, come quelle di Bersani. In realtà le grandi riforme, si chiamano così, perché sono tese al miglioramento sistematico della “qualità della vita” degli italiani. Come, ad esempio, nei settori dell’istruzione, della salute, della politica estera, della sostenibilità ecologica. Parliamo, perciò, di iniziative forti che richiedono tempo, impegno e voglia di fare.

Ora, che volete importi a Prodi e Berlusconi, due uomini spenti, che “hanno avuto tutto dalla vita”, affrontare questioni la cui soluzione impone addirittura uno spreco di energia politica ? Nulla.

Il lato tragico, anzi tragicomico della questione, è che la stessa sinistra, quella più politicizzata, ha già organizzato, pare per domenica, una manifestazione in favore di Prodi: un tecnocrate che si considera “arrivato” professionalmente quanto Berlusconi. Insomma, anche la sinistra radicale vuole che il professore bolognese resti. E, quel che è peggio, si è accanita contro Franco Turigliatto e Fernando Rossi: i quali, a detta di Diliberto non avrebbero ancora compreso l’importanza di impedire il ritorno di Berlusconi al potere. Per noi invece Turigliatto e Rossi hanno capito tutto. E da un pezzo.

Carlo Gambescia

  • Archivio Caduta Governo
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO