TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 08/02/2007 Parisi conferma l'invio di aerei militari in Afghanistan (http://www.canisciolti.info)

    Ricerca personalizzata

    L'Italia fornirà un nuovo contributo alla missione in Afghanistan con un aereo C-130 da trasporto e due velivoli-spia senza pilota da ricognizione . Lo ha annunciato oggi da Siviglia il ministro della Difesa Arturo Parisi, come confermato dal portavoce del ministro. "La proposta lanciata dal ministro prevede due aerei da sorveglianza di tipo Uav e un C-130", ha detto il portavoce di Parisi, che si trova nella città andalusa per un incontro tra ministri dei paesi membri della Nato.

    Il nuovo contributo, ha precisato il portavoce, è previsto nel decreto sul rifinanziamento della missione militare in Afghanistan, che sarà al vaglio del Parlamento nelle prossime settimane. In Afghanistan sono presenti circa 1900 soldati italiani, inquadrati nella missione Isaf della Nato e dislocati tra la capitale Kabul e la provincia occidentale di Herat, in zone relativamente tranquille. Nel sud del Paese e lungo la frontiera orientale con il Pakistan, invece, le forze Nato -- prevalentemente composte da soldati Usa, britannici, olandesi e canadesi -- stanno combattendo contro gli insorti talebani e il comando dell'Alleanza ha chiesto rinforzi agli altri paesi che partecipano ad Isaf.

    Gli Stati Uniti hanno intensificato le pressioni in tal senso sugli alleati, dicendo che le prossime settimane saranno cruciali per contrastare l'insurrezione. "Crediamo che la prossima primavera in Afghanistan sarà un momento cruciale nel conflitto e stiamo per questo spingendo gli alleati a fare il più possibile e a farlo il prima possibile", ha detto un alto funzionario del Pentagono, a Siviglia assieme al segretario alla Difesa Usa, Robert Gates. Nonostante le pressioni di Washington, l'Italia, ha detto che non invierà altri soldati in Afghanistan, limitando il suo intervento alla stabilizzazione e la ricostruzione delle zone dove già opera.

    Anche altri paesi europei come la Spagna, la Francia e l'Olanda hanno escluso l'invio di rinforzi. La Germania, che ieri ha confermato l'invio di sei aerei da ricognizione nella zona meridionale, ha rifiutato la richiesta di spostare nel sud i suoi soldati, che sono circa 3.000. Con più di 4.000 persone uccise in episodi di sangue, l'anno scorso è stato il peggiore in Afghanistan da quando le forze guidate dagli Usa hanno invaso il Paese nel 2001 per rovesciare il governo dei talebani.

  • Archivio rifinanziamento missioni all'estero
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO