TuttoTrading.it

12/11/2007 Lo schiaffo della Fiom  (Andrea Scarchilli - aprileonline, visto su http://www.canisciolti.info)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attività creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

La Fiom ha detto "no", con margine largo e atteso sin dalla vigilia. Il comitato centrale della federazione dei metalmeccanici della Cgil ha approvato il documento del segretario generale Gianni Rinaldini che boccia l'accordo su pensioni e mercato del lavoro, siglato il 23 luglio scorso da governo e sindacati. Un plebiscito, praticamente: i voti raccolti da Rinaldini sono stati 125 su 159, tre gli astenuti, i restanti sono andati al documento di Fausto Durante, vicino alle posizioni "confederali". E' una spaccatura, quella tra la Cgil e una federazione interna che non avveniva addirittura dal 1946.

Il no è su tutta la linea: tra aumenti dei contributi per i lavoratori dipendenti, decontribuzione degli straordinari, peggioramento delle norme sui contratti a termine, l'opposizione del documento di Rinaldini (ma su cui hanno avuto un peso significativo le argomentazioni di Giorgio Cremaschi, segretario nazionale della Fiom, leader della Rete 28 aprile e da sempre fautore della linea più dura possibile contro l'accordo) è totale. Il documento approvato dal Comitato centrale sottolinea, in riferimento alla riforma del sistema pensionistico, che "il superamento dello scalone avviene sulla base del vincolo finanziario posto dal governo dell'autofinanziamento di dieci miliardi di euro in dieci anni, escludendo così gli aumenti contributivi decisi nell'ultima finanziaria, impropriamente utilizzati per ridurre il debito pubblico: gli oneri previdenziali aumentano infatti dello 0,30%, equivalente a 1 miliardo di euro annui, ovvero 10 miliardi nell'arco di 10 anni".

La Fiom considera inoltre "incomprensibile il meccanismo delle quote associate alla crescita dell'età minima, che ha la sola funzione di sommare l'incremento dell'età anagrafica con quello dell'età contributiva da 35 a 36 anni, fino a prevedere una clausola di salvaguardia di un eventuale, ulteriore aumento contributivo dello 0,009% dal 2011".

Il documento sostiene inoltre che "il ripristino delle 4 finestre con 40 anni di contributi, di per sé positivo, viene totalmente finanziato con l'introduzione delle finestre sulle pensioni di vecchiaia". La Fiom contesta anche che "i lavori usuranti vengono definiti sulla base di criteri che hanno un vincolo finanziario di un massimo di 5.000 lavoratori all'anno". Sotto accusa anche le scelte su mercato del lavoro e competitività, "dirette esplicitamente contro la Cgil, come scelta politica, tanto più evidente, in quanto riguarda misure prive di particolari costi finanziari. In particolare, il documento sottolinea che "sui contratti a termine e lo staff leasing siamo alla conferma, e per certi versi al peggioramento, della legge del Governo precedente, con la possibilità di proroga oltre i 36 mesi e l'assenza di causali specifiche per attivare rapporti a tempo determinato". Secondo la Fiom, inoltre, "l'eliminazione della sovracontribuzione per il lavoro straordinario costituisce un preoccupante incentivo all'aumento dell'orario, mentre la detassazione del salario aziendale totalmente variabile indebolisce la contrattazione collettiva, in particolare il contratto nazionale".

Il documento di Rinaldini, pur bocciando l'accordo sul welfare, ne riconosce alcuni aspetti positivi: "l'incremento delle pensioni basse, con il riconoscimento del percorso lavorativo individuale, che consente di beneficiare dell'aumento a tante donne pensionate, finora escluse; il miglioramento del sistema di rivalutazione delle pensioni dal 90% al 100% della variazione dell'indice Istat dei prezzi, per le fasce comprese tra 3 e 5 volte il minimo attuale; le norme sulla totalizzazione dei contributi, il riscatto della laurea e l'indennità di disoccupazione". Il Comitato centrale della Fiom giudica positivamente la decisione di Cgil, Cisl e Uil di sottoporre il protocollo a un referendum tra i lavoratori e i pensionati e assicura che "applicherà rigorosamente le modalità" della consultazione, che verranno definite domani (12 settembre) dagli esecutivi dei tre sindacati.

Soddisfatto Giorgio Cremaschi, vero "deus ex machina" dell'accordo: "Il fatto che, per la prima volta nel dopoguerra, il Comitato Centrale della Fiom abbia bocciato un accordo interconfederale è un fatto di grandissima rilevanza che dovrebbe far riflettere tutto il sindacato". Cremaschi ha aggiunto che "il giudizio della Fiom è molto semplice: i danni che vengono da quell'accordo per lavoratori, pensionati e soprattutto per i precari, sono maggiori dei benefici. Per questo l'accordo è stato bocciato, per questo dovrebbe essere profondamente modificato. A questo punto sono necessari tantissimi no in tutti i luoghi di lavoro, per mettere in discussione un accordo ingiusto".

Critico il segretario generale della Cgil Guglielmo Epifani, che ritiene l'accordo di luglio "complessivamente buono" e sostiene che "tocca punti molto articolati e complessi ma porta risultati innegabilmente positivi, dall'aumento delle pensioni minime alla riforma degli ammortizzatori sociali. E' un'intesa- ha sottolineato Epifani- che proprio per la sua ampiezza e complessità, va valutata assumendo una logica di confederalità. Logica che non ritrovo nella scelta fatta oggi dal comitato centrale della Fiom".

Il segretario generale ha riunito i segretari territoriali e di categoria dell'organizzazione in vista dei direttivi unitari Cgil, Cisl e Uil che nelle prossime ore metteranno a punto le modalità per la consultazione dei lavoratori e dei pensionati sull'accordo del 23 luglio. "Il voto e la consultazione di tutti i lavoratori e pensionati sono un valore in sé, vogliamo che la partecipazione sia più ampia possibile", ha detto Epifani.

E' indubbio che il "no" della Fiom apre un problema politico all'interno della sinistra, impegnata a definire i contenuti e la forma della manifestazioni del 20 ottobre prossimo. Sinistra democratica aveva appoggiato l'accordo sulle pensioni e criticato fortemente quello sul mercato del lavoro, mentre altri partiti, Rifondazione comunista e Pdci in testa, hanno espresso la volontà di emendare anche la parte sulla previdenza. La capogruppo alla Camera di Sd, Titti Di Salvo, ha dichiarato ad aprileonline di essere "dispiaciuta, personalmente la scelta della Fiom mi fa soffrire". Ribadita la posizione di Sinistra democratica sugli accordi del 23 luglio - valutazione complessivamente positiva dell'accordo sulle pensioni, in particolare della garanzia del sessanta per cento della retribuzione ai "pensionati precari", volontà di migliorare quello sul welfare - Titti Di Salvo sottolinea come il vero banco di prova sia il referendum di tutti i lavoratori a dieci giorni dalla manifestazione: "Se il risultato fosse l'approvazione, a quel punto sarebbe curioso protestare contro un accordo a cui i lavoratori hanno dato il via libera". Riguardo forme e piattaforme della manifestazioni, la Di Salvo assicura che Sd "deciderà collegialmente" nella trattativa in corso con gli altri partiti della sinistra.

Giovanni Russo Spena, capogruppo di Rifondazione comunista al Senato, accoglie come uno stimolo il voto contrario della Fiom: ""Il governo deve ora cogliere questo malessere, e ne deve tenere conto in sede parlamentare. La sinistra alternativa non sarà un semplice registratore di voti. Vogliamo una discussione approfondita, e ci batteremo per modificare il testo dell'accordo. Un accordo che contiene poche cose e sbagliate. Non è un caso che Rinaldini e la Fiom figurino tra i dodici soggetti promotori della manifestazione".

Più dura Manuela Palermi, capogruppo di Verdi e Pdci al Senato: "Il voto contrario della Fiom Cgil all'accordo raggiunto tra sindacati e governo sul welfare è un segno dirompente della crisi di rapporto tra lavoratori industriali e politica economica del governo". Cosa si profili ora all'orizzonte, con l'uno - due referendum - manifestazione in programma il mese prossimo, non è ancora del tutto chiaro. Una lettura l'ha data Augusto Rocchi, capogruppo di Rifondazione comunista in Commissione Lavoro alla Camera: "Il dissenso della Fiom è stato totale, il giudizio complessivo critico. Ma la dialettica va vissuta come una risorsa democratica. Aspettiamo il referendum, non solo il voto in sé, ma anche quello che verrà fuori dalle assemblee dei lavoratori. Se verrà fuori, come credo, malcontento, sarà la conferma del taglio che dovremo dare alla manifestazione del 20 ottobre: uno stimolo per migliorare gli accordi e porti il governo ad attuare il programma che ha sottoscritto con gli elettori, valorizzando il lavoro, superando la precarietà e ponendo al centro della sua azione le grandi questioni che riguardano lavoratrici e lavoratori".

Andrea Scarchilli - aprileonline

12/09/2007 Giordano: La Fiom interpreta la preoccupazione e il malessere di tanta parte del paese (http://www.canisciolti.info)

"La Fiom interpreta la preoccupazione e il malessere di tanta parte del paese". Cosi' il segretario di Rifondazione Comunista, Franco Giordano, commenta la decisione della confederazione dei metalmeccanici della Cgil, che si e' rifiutata di firmare il protocollo sul welfare.

"Il piu' grande sindacato di categoria in Italia esprime la sofferenza e il malessere di tanti operai - ha spiegato Giordano - La politica, che e' in crisi di credibilita', dovrebbe avere l'umilta' di ascoltarli e il governo non puo' volgere lo sguardo dall'altra parte, deve interpretare e risolvere i problemi sollevati".

12/09/2007 Gli esecutivi di Cgil, Cisl e Uil approvano l'accordo sul welfare (http://www.canisciolti.info)

Via libera all'accordo sul welfare, da parte degli esecutivi di Cgil, Cisl e Uil, con soli 3 voti contrari. E' stato anche approvato il percorso di consultazione dei lavoratori e dei pensionati, il cui voto è previsto tra l'8 e il 10 ottobre. Il voto, quasi unanime, per il segretario Cgil, Epifani, segnala che l'intesa è stata accolta con largo consenso. Tra il 17 settembre e il 6 ottobre l'accordo sarà proposto nelle assemblee ai lavoratori, pensionati, cassintegrati.

  • Archivio Pensioni
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO